acquaesapone Attualità
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Vivi la tua vita appieno

L’atleta olandese che, dopo aver perso l’uso delle gambe, torna a camminare

Ven 06 Apr 2012 | di Valeria Bianchi | Attualità
Foto di 3

Tanti parlano di miracolo e di certo una vita come quella di Monique van der Vorst fa venir voglia di credere all'incredibile. Ma nella storia di questa bionda ventisettenne olandese c'è anche altro: una sfida perenne tra il caso e la volontà, col primo che alza a più riprese l'asticella e l'umanissima determinazione di Monique che salta ogni volta al di là dell'ostacolo, fino ad altezze apparentemente sovrumane. Lei è nata nel 1984, ma la vera svolta della sua vita arriva nel 1998, quando una sua gamba smette di funzionare bene e si blocca completamente durante un intervento chirurgico. In seguito perderà l'uso anche dell'altra. I medici non possono fare nulla ed è una batosta tremenda per una come Monique, che a 14 anni è già una promettente giocatrice di hockey su prato e ha già chiaro che lo sport è un mattone fondamentale della sua vita.
Negli anni successivi Monique sarà vittima di un incidente stradale e di altri eventi sfortunati, quasi una persecuzione. Ogni volta ne esce impegnandosi per continuare a fare sport. Al punto da partecipare alle Olimpiadi per disabili a Pechino. Non poteva usare le gambe? Ha imparato a volare sulla strada con la “handbike”, una bici da corsa che si aziona pedalando con le mani. Come atleta paralimpica di questa specialità ha vinto tantissimo, inclusi Europei e Mondiali. A Pechino si è dovuta accontentare di una medaglia d'argento e si stava preparando per un nuovo assalto alle Paralimpiadi del 2012, quando in allenamento ha un nuovo incidente: una brutta caduta provocata dall'urto con un altro collega. L'incidente la costringe a rinunciare a partecipare alle Paralimpiadi. Ma in realtà nell'ennesima sfortuna si annida una nuova svolta della sua vita: cadendo sente un fremito alla gamba, una sensazione che non provava da 12 anni. Da qui inizia il sorprendente recupero che la porta, dopo cure e riabilitazione, a riprendersi l'uso delle gambe. Lo sport le aveva già restituito la voglia di vivere, poi le ha ridato una parte del suo corpo. Ecco perché oggi, sulla bacheca del suo sito, ha compilato una lista di obiettivi che comprende la partecipazione alle Olimpiadi, quelle per normo-dotati, a Rio nel 2016. Di recente la Rabobank, un famoso team ciclistico olandese, l'ha ingaggiata. è un altro passo avanti verso il suo sogno. Sulla sua bacheca c'è scritto anche: “Vivi la tua vita appieno”. Molti vorrebbero riuscirci quanto ci è riuscita lei. In bocca al lupo per la tua corsa, Monique.                   


Condividi su: