acquaesapone Interviste Esclusive
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Cristina Chiabotto: l'autoironia, uno stile di vita

Ad 8 anni dal titolo di Miss Italia, tra tv, radio, moda e viaggi

Mer 25 Lug 2012 | di Angela Iantosca | Interviste Esclusive
Foto di 5

Solare, entusiasta, viva. Cristina Chiabotto è una esplosione di energia. E di quella ragazza di Torino che nel 2004 divenne Miss Italia  è rimasto un pallido ricordo. Perché in 8 anni è riuscita a diventare un volto noto della tv: ha presentato “Le Iene”, il “Festivalbar”, “Scherzi a parte”, “Controcampo”, è stata inviata al Festival di Sanremo, ha affiancato Pupo a “Ciak si… Canta” e ha vinto la seconda edizione di “Ballando con le Stelle” insieme a Raimondo Todaro. Dal 2011 ha cominciato anche l’avventura radiofonica con Radio KissKiss, dove conduce “Pronto Kissei?”, e questa estate è in tour con il programma “Risollevante”, in onda dal 4 luglio su Comedy Central (canale 122 di SKY).

Cominciamo dal Comedy Tour.
«Nel programma sarà presente un cast d’eccezione con 22 comici, tra i più popolari del panorama italiano, che si alterneranno sul palco di alcune delle piazze più belle d’Italia. Un viaggio tutto da ridere che partirà da Molfetta, passando per l’Arena del Mare di Pescara e Terracina, fino all’Arena del Mare del Porto Antico di Genova».

Che rapporto hai con la comicità?
«Un rapporto quotidiano: per me l’autoironia è uno stile di vita. Mi piace prendermi in giro e mettermi sempre in discussione, con il sorriso sulle labbra!».

Credi che in Italia ci sia abbastanza spazio per la comicità?
«Penso di sì! Certamente, esistono vari tipi di comicità e credo che oggi, in questo momento storico dell’Italia, non è facile far sorridere...».

Dal 2011 sei anche voce di RadioKissKiss: quale differenza tra radio e video? 
«È differente la struttura e l’approccio. La radio è quotidianità, significa anche svegliarsi molto presto. Per essere in trasmissione presto, mi sveglio tutti i giorni alle 5,30! La radio è improvvisazione, dialettica, non c’è un copione e non hai l’impatto fisico che nella tv è importante. Devo dire che è una esperienza avvincente e che mi sta dando molto».

La radio ti fa sentire di più a tuo agio?
«In realtà sono camaleontica. E mi comporto come sono io ogni giorno nella mia vita privata: mi vesto e mi sistemo in base a come mi sento! Posso andare in tuta, in jeans o con un vestitino! In base al clima, all’umore. Non mi faccio condizionare dall’assenza delle telecamere».

Di quella ragazza vincitrice del titolo cosa è rimasto? 
«È rimasto l’inizio della favola. Ogni giorno è un nuovo inizio. Essere parte di questo sogno è bellissimo. Di quella ragazza è rimasto tutto. La differenza è che, grazie alle molte esperienze, sono cresciuta, sono maturata, ho imparato ad essere sul pezzo. Ma la base è sempre quella!».

Gli amici di ieri sono quelli di oggi?
«Sono rimasti gli stessi! Solo alcuni non ci sono più, perché, cambiando vita, ci siamo persi di vista. Ma per me è fondamentale l’amicizia, come il legame con la mia città. Torno spesso a Torino, mi rigenero, mi carico di emozioni che poi mi servono per affrontare il lavoro ogni giorno».

Sei sempre in movimento: c’è un viaggio che ti ha segnata particolarmente?
«Il viaggio in Madagascar, dove sono andata con Nutriaid Onlus, un’organizzazione medico-umanitaria indipendente, impegnata nella lotta contro la malnutrizione infantile. È stata una esperienza fortissima, perché oggi dò un senso diverso alla vita. In modo particolare mi ha colpito l’incontro con Manieva, una bambina di 12 anni. Pensa che non ci capivamo, perché non parlavamo la stessa lingua, ma bastava uno sguardo. Ci cercavamo e al volo comprendevamo il bisogno di stare insieme. La cosa che mi ha colpito è che loro sorridono nonostante tutto».

A cosa non rinunceresti mai? 
«Agli affetti, all’amore, ai sentimenti».

In questi anni i tuoi genitori come ti hanno supportata?
«I miei genitori sono stati meravigliosi, sempre presenti, ma non troppo. Sono state sempre persone con un grande equilibrio interiore: da una parte mia mamma con la sua gioia di vivere e dall’altra papà con la sua diplomazia e il suo essere politicamente corretto».

Hai mai pensato di andare all’estero?
«Non ho mai pensato di fuggire, per come vivo io l’Italia, che è la mia base... Anche se capisco chi non vive l’Italia in modo positivo. Stiamo vivendo un momento di forte tensione».

A fine luglio cominceranno le Olimpiadi a Londra: che rapporto hai con lo sport?
«Mi piace molto lo sport, mi piace anche seguire lo sport in tv, seguire gli Europei, le Olimpiadi. Non sono una sportiva professionista, amo il fai da te: vado in palestra o quando mi va vado a fare una corsetta».

Attrice, showgirl, presentatrice: e domani?
«Penso all’oggi: mi sento piena in questo momento, mi sento me. Mi piace condurre in tv, in radio... non so dirti quale è il mio futuro. Oggi sono felice così».

 


TV, MODA, RADIO
Eletta Miss Italia nel 2004, diventa presto protagonista di una serie di pubblicità con Alessandro Del Piero. Tra il 2005 e il 2006 partecipa, vincendo, a “Ballando con le Stelle”. Durante il programma conosce l'attore Fabio Fulco, anch’egli in gara, a cui si lega sentimentalmente. L’anno successivo conduce “Le Iene” e poi il “Festivalbar”, su Italia 1. Nel 2007 conduce “Scherzi a parte” su Canale 5. Dal 31 agosto 2008 è il nuovo volto femminile di “Controcampo” su Rete 4. Nel 2010 affianca Pupo ed Emanuele Filiberto in “Ciak... si canta!”. A luglio 2011 esordisce su Comedy Central alla guida del “Comedy tour Risollevante”. Da ottobre 2011 è una delle voci di Radio Kiss Kiss. Nel 2012 conduce “Bau Boys” su Italia 1. Per l'estate 2012 viene riconfermata alla guida del Comedy tour “Risollevante”.


Condividi su:
Galleria Immagini