acquaesapone Interviste Esclusive
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Mietta: I miei primi 25 anni di carriera

Il tour, Francesco, la Puglia e quel Sanremo di tanti anni fa

Ven 29 Mar 2013 | di Angela Iantosca | Interviste Esclusive
Foto di 3

Mietta la pugliese, la ragazza mora dai toni profondi, la ragazza della terra che ci ha conquistati con quel “Vattene amore” che l’ha resa famosa, oggi festeggia 25 anni di carriera, dopo un periodo lavorativo entusiasmante e ricco di successo grazie a “I migliori anni” e a “Tale e Quale Show” che ci ha ricordato la forza della sua voce e la sua presenza scenica. La incontro negli studi della Dear: senza un filo di trucco, un basco appoggiato morbidamente in testa e quel sorriso inconfondibile. 

Oggi hai più di 40 anni ed un figlio: come affronti il tempo che passa?

«Il segreto è nel sapersi accettare! E poi mangio sano e amo fare sport… così affronto i segni del tempo. E poi non fumo, non bevo, niente caffè, al massimo un orzo».

Come ti ha cambiato la maternità?

«Mi ha cambiato in meglio. Mi ha fatto scoprire che mi piaccio. Da madre riesci ad essere più serena con il tuo corpo, perché senti che hai completato qualcosa di importante. Ti fa bene alla testa. Fa bene anche a chi adotta. È come se quel trasformarci in esseri protettori di qualcosa facesse del bene a noi».

Che mamma sei?

«Giocherellona, ma anche severa. Le regole devono essere piccole e precise, anche se mio figlio ha solo due anni. Certo, poi mi faccio sempre fregare: basta che comincia a parlare. Sicuramente cercherò di non essere la solita mamma italiana che fa diventare gli uomini ebeti! Ci provo almeno…».

Sei una donna che sembra forte: quanto l’immagine della donna italiana non ti piace?

«Purtroppo l’Italia è un Paese a volte troppo libero. Facciamo errori di valutazioni su alcune cose. Non penso che il vero problema sia la donna che usa il corpo. Ma chi ne fruisce, dal regista al produttore. Andrebbe più tutelata.  Ciò che nuoce è la volgarità».

Progetti?

«Quest’anno festeggio 25 anni di carriera e, per farlo, ho deciso di organizzare una serie di concerti live con un trio jazz, il mio grande amore! Con Dado Moroni, pianista jazz di fama mondiale, Enzo Zirilli alla batteria e Furio Di Castri al contrabbasso inizierò il mio tour il 16 maggio dal Piper Club di Roma, il 26 maggio sarò al Blue Note di Milano».

Dove ami rifugiarti, quando hai bisogno di ricaricarti?

«Amo rifugiarmi al mare, è il luogo che mi fa stare meglio in assoluto! Non amo la montagna perché io sono una che adora il caldo e che non riesce a coprirsi più di tanto».

Quale è il tuo legame con la Puglia?

«Totale. Ossessivamente totale. Torno spesso a casa. Amo la cucina della mia terra: quando ci penso, mi vengono i brividi. Sono orgogliosa di essere pugliese, tarantina, salentina. Sono orgogliosa anche delle difficoltà che si hanno a vivere lì. Il mio è un popolo che sa districarsi tra le difficoltà!».

Sei sempre in viaggio: che rapporto hai con lo spostamento immaginario e reale?

«Con la mente mi faccio dei viaggi stratosferici! Nella realtà sarei disposta a tutto per un viaggio romantico, anche condito dalla musica. Sicuramente, da quando sono mamma, ho molto meno tempo. E, quando ho tempo, mi capita di dormire, perché mio figlio Francesco non ha questo grande rapporto con il sonno… Quando sono in treno, ascolto musica, mi faccio le play list, penso, scrivo, leggo…». 

A proposito di sogni: tu hai realizzato il tuo?

«Ho sempre sognato di recitare e cantare. E la mia è stata un po’ una favoletta. I miei genitori mi hanno sempre sostenuta. Io incarno la storia della ragazza di provincia che fa il provino, lo vince, nonostante i raccomandati che si sono presentati con lei; poi arriva a Sanremo. Poi la vittoria! Certo, ci sono stati anche tanti momenti bui: ma sono passati e sono stati utili per crescere».

Di quel Sanremo con Minghi che ricordi hai?

«Sanremo credo che faccia effetto anche al più grande degli autori e dei cantanti. Dà molta energia, forse per tutto ciò che è passato su quel palco. È sempre stata una esperienza intensa: ma la più bella è stata quella della vittoria!». 

 


 

LE DATE

Per festeggiare i primi 25 anni di carriera Mietta ha in programma un tour. 
Primo appuntamento al Piper Club di Roma il 16 maggio. 
Il 26 maggio sarà al Blue Note di Milano.

 


Condividi su: