acquaesapone Italia Solidale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

La mia croce? Far fuori ogni falsità

San Paolo ha creduto nella croce di Gesù e ha collaborato con Lui fino a far morire in sé ogni falsità e condizionamento

Lun 26 Mag 2014 | di Padre Angelo Benolli - Fondatore e Presidente di Italia Solidale | Italia Solidale

Quante volte si parla o si sente parlare di “croce”. Oltre che vedere,  tutti i deleteri condizionamenti che si tramandano di generazione in generazione, è necessario anche cogliere le “resistenze” che questi condizionamenti oppongono per non essere risolti.
Pensate alle resistenze che può avere un ateo per credere. Un depresso per ridere. Un idolatra del potere o del denaro per comprendere Cristo e i bisogni dei poveri. Un sacerdote rimosso o legalista per comprendere i guai sessuali della gente.
Vi invito a leggere il versetto 20 del II capitolo della lettera ai Galati di San Paolo. Egli scrive ciò che sperimenta, non ciò che pensa semplicemente. Tutta la sua vita è una grande testimonianza della forza che gli viene da Dio e quindi della forza che egli riceve nell’anima. Ciò porta il suo sesso all’amore universale. Questo amore dà carattere ai suoi nervi, rendendoli saldi. Tale equilibrio interiore dona salute al suo corpo. Tutto ciò ridonda nella sua mente e la rende sapiente. Tanto che arriva a dire, nel brano che vi suggerisco: “Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me. Questa vita nella carne, io la vivo nella fede del figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me”.
Significa che San Paolo ha creduto nella croce di Gesù ed ha collaborato con essa fino a far morire in sé ogni falsità di condizionamenti culturali, legali, religiosi. E non solo non può più stare sul proprio Io, ma permane in alleanza con le forze di Dio, come Cristo.
Quindi la vita appare nella “carne”, ma non è in essa. La vita è nell'esperienza delle forze della persona redenta, cioè liberata da ogni riduzione e condizionamento. Fino a restare alleato con Dio capace, di non giudicare, ma di amare tutti.                                   


5 X MILLE PER I BAMBINI

È possibile destinare il 5 per mille delle proprie imposte dirette a Italia Solidale Onlus, senza alcun aggravio. Basta apporre la firma nel riquadro apposito della dichiarazione dei redditi ed indicare il numero di codice fiscale di Italia Solidale: 97114600584

LE SPECIALI ADOZIONI A DISTANZA CON ITALIA SOLIDALE

Italia Solidale in 120 missioni ha salvato e continua a salvare migliaia di bambini e famiglie con l’adozione a distanza, in un modo totalmente nuovo ed unico. Per saperne di più e salvare anche tu un bimbo e tutta la sua famiglia: 06.68.77.999 o sul sito www.italiasolidale.org


Condividi su: