acquaesapone Genitori&Figli
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Chili di troppo in gravidanza...

E' proprio necessario programmare grammo per grammo durante la gestazione?

Ven 24 Ott 2014 | di Lucrezia L. | Genitori&Figli
Foto di 2

Che rabbia quei chili di troppo in gravidanza. Soprattutto se sei un'attrice famosa. Mi ha colpito lo sfogo di Laura Chiatti per le foto che la ritraevano col pancione, accompagnati da commenti critici sul suo (presunto) eccessivo aumento di peso. L'attrice non ha preso per niente bene il classico tono di velenosa presa in giro usato dai giornali scandalistici per sottolineare che lei, al sesto mese di gravidanza, avrebbe messo su un po' troppa ciccia. A guardare le foto in realtà ci sarebbe solo da invidiarla, pensando alla fatica che tutte noi mamme “comuni” abbiamo fatto per non diventare mongolfiere: lei francamente sembrava in formissima. Ma l'attrice ha reagito graffiando con i suoi commenti sui social network. Accuse alle giornaliste donne: “Occupatevi di temi più importanti, vista la situazione del nostro Paese, invece di rompere il c***o a persone che lottano per tutelare la propria privacy nella più totale tranquillità”. E ancora: “Secondo ‘ste quattro poracce anche se una avesse preso 100 kg cosa ci sarebbe di male?”. Ha poi continuato la bionda star della fiction italiana: “Secondo loro, un’attrice sta tutto il giorno a pensare alla forma fisica? Con un bimbo dentro la pancia, i pensieri grazie a Dio sono altri!”. Tutto sacrosanto, in effetti. Ma francamente fatico a provare empatia per la bionda Laura. Il sistema del gossip costruisce e distrugge, ma se uno ci si presta pur di acquistare fama, rischia poi di trovarsi con degli effetti collaterali indesiderati. Ed è un film vistro troppe volte per pensare che si possa scegliere quando aprire l'obiettivo dei paparazzi e quando chiuderlo a comando. Se vendi le foto esclusive delle nozze a “Chi”, poi puoi pretendere di essere ignorata da quel genere di giornali?

La rabbia è comprensibile, perché si tratta comunque di un'invasione di campo in un settore, quello dell'aspetto fisico, che sta a cuore a tante aspiranti mamme. In rete è pieno di calcolatori del peso forma durante la gravidanza, test della massa magra e della massa grassa, anche se personalmente faccio fatica ad accettare che un aspetto del proprio corpo vada deciso a tavolino in modo così matematico. Sicuramente, c'è l'aspetto della salute propria e del bambino, che l'eccesso di peso di certo non favorisce. Ma è proprio necessario programmarsi grammo per grammo, come suggerirebbero certi metodi di sorveglianza del peso durante la gestazione?

In ogni caso Laura Chiatti l'ha presa davvero troppo male. Svelando tra l'altro un nervo scoperto che tanto valeva ammettere: tenere ad apparire curata non è qualcosa di cui vergognarsi, soprattutto se si è un personaggio pubblico. Invece tante belle donne sembrano sentirsi in colpa per la propria bellezza e si sentono in dovere di sottolineare che INVECE sono anche intelligenti: “Questi – ha concluso l'attrice riferendosi ai giornalisti -  pensano che una donna gratificata in tutto, di bell’aspetto e pure con un marito figo, abbia solo un neurone in testa. Invece, purtroppo per loro, io ne ho più di uno”. Il ché è sicuramente vero. Ma forse era il caso di lasciarli a riposo questa volta.

P.S.: A proposito, avete sentito l'ultima novità in fatto di dieta? Pare stiano studiando i batteri presenti nelle feci umane, per concluderne che chi è molto sovrappesso ha una certa tipologia di batteri, chi tende a ingrassare ne ha in maggioranza di un altro tipo.

L'applicazione non mi è ancora chiara. Forse dobbiamo prepararci alle barrette dietetiche ai batteri. Brrrr!!!      


Condividi su: