acquaesapone Italia Solidale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Prima la persona, poi la famiglia

Occhio a non ridurre la meraviglia della famiglia a banchetti o incontri formali. Ognuno di noi aspetta per natura autentici scambi d’amore

Ven 28 Nov 2014 | di Padre Angelo Benolli | Italia Solidale

A Natale resiste la tradizione di incontrarsi con parenti e familiari. La meraviglia della famiglia non è tanto l’unione parentale, quanto la natura inserita in ogni persona che aspetta sempre dai familiari la più profonda attenzione e comprensione, il più profondo sostegno e scambio d’amore. Quest’esigenza è talmente costitutiva di ogni persona che spessissimo molte persone rinunciano alla propria identità, pur di non rimanere sole e senza relazioni. Proprio in questa così profonda necessità di rapporto, matura la tragedia che spesso annulla tutte le più autentiche forze di scambio. Quante famiglie, infatti, vogliono incontrarsi e non ci riescono; vogliono intese significative, ma i loro momenti insieme si riducono a banchetti, scambi formali, razionali o materiali. Così vivono molte famiglie e per questo, anche, molte di esse si sfasciano. Non è l’accordo o il disaccordo che conta, ma la capacità di vedere e risolvere autenticamente ciò che porta ai falsi accordi o agli sconvolgenti disaccordi. Questa capacità, spesso, all’interno delle coppie e delle famiglie non esiste. O non viene sviluppata, perché, come ho ripetuto più volte, difficilmente si trova chi sappia autenticamente aiutare con giusto amore e competenza. Molti rinunciano a credere alla possibilità di un autentico rapporto familiare, si compensano con altri sciocchi incontri, si chiudono, si disperano o fuggono. Si fanno molte chiacchiere, circolano molti odiosi giudizi, si fanno anche delle riunioni, spesso utili, ma che non arrivano a vedere e risolvere definitivamente i contrasti tra le persone. È vitale pertanto, oggi più che mai, ricercare, ritrovare e diffondere, a livello personale e relazionale, una cultura di vita che veramente offra delle autentiche risoluzioni a tanti contrasti, che si soffrono inconsciamente in tante famiglie. Questo è lo scopo della nostra speciale scuola dei Promotori di Sviluppo di Vita e Missione. 


Condividi su: