acquaesapone Italia Solidale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Le tue forze non dipendono da nessuno

Il bambino è creato libero, indipendente ed irripetibile. La biologia conferma che le sue cellule germinali vengono ripulite dal DNA del padre e della madre

Lun 30 Mar 2015 | di Padre Angelo Benolli - Fondatore e Presidente di Italia Solidale | Italia Solidale

Comunemente si crede che la persona provenga dallo spermatozoo del padre e dall’ovulo della madre, mentre molti scienziati, biologi e fisici, parlano di una “forza epigenica” (oltre i geni) senza la quale lo sviluppo di nessun organismo potrebbe esistere. 

Per creare la persona Dio ha impiegato 17 miliardi di anni e la biologia mostra che senza la forza epigenica lo spermatozoo e l’ovulo non potrebbero vivere più di un’ora.
La biologia conferma che per i primi 30 giorni il bambino concepito non ha alcun rapporto con la madre. E’ la forza epigenica che in tutto lo costituisce con una forza potente, sapientissima, ricca d’amore, che tutto crea e rispetta.

Ormai questi avanzati studi della biologia e della fisica sono una vera rivoluzione antropologica e sempre più confermano l’indipendenza delle energie personali da altre persone. Nelle cellule somatiche vi è il DNA del padre e della madre, da cui derivano le varie somiglianze; nelle cellule germinali, però, la forza epigenica fa sì che in pochi giorni non rimanga più nulla delle caratteristiche del DNA del padre, né della madre, ma ci siano solo tre forze: totipotenti (Dio),   immortali (anima) e sessuali (amore). Dio, anima e sesso nell’amore sono le forze primarie e costitutive della persona, che non dipendono da nessun DNA di altra persona. 

La fisica, analizzando questa forza epigenica, ormai dice che essa investe l’uomo, ma proviene da oltre l’uomo. Questa energia che crea ex novo ogni uomo è l’energia sapiente e onnipresente di Dio, data personalmente da Dio ad ogni persona. Pertanto ogni persona è creata unica e irripetibile proprio grazie all’amore di Dio.

Condividi su: