acquaesapone Italia Solidale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Quando c定 spirito e amore, ecco la guarigione

Tanti hanno la presunzione di credere e amare senza Dio, che invece si manifesta ai bambini

Gio 28 Mag 2015 | di Padre Angelo Benolli | Italia Solidale

Proprio quelli che pensavano di essere testimoni erano i più pericolosi, hanno ucciso Cristo e volevano lapidare ad esempio Paolo e Barnaba. Quando tu gli dici una cosa nuova, li metti in crisi e reagiscono. Quello che ci hanno messo in testa come credenti è talmente spesso lontano dal reale, che noi facciamo concetti, facciamo schemi, ma non comprendiamo niente. Sappiamo che il 90% delle malattie viene da mancanza di spirito e da mancanza d'amore.

Quando c'è spirito e amore, ecco la guarigione. Quella dell’anima e spesso anche quella del corpo. Per questo fondamentalmente noi dovremmo fare Eucarestia e quando si fa Eucarestia, non è perché è una cosa bella, ma ci vuole ordine, silenzio, luce, di modo che comprendi che soltanto il Signora ti toglie i diavoli e i peccati. Allora c'è la fede. E poi, quando tu sei con il Signore, stai pur certo che tutti i tuoi diavoli vanno via, e ne abbiamo chissà quanti, che si sono tramandati e accumulati nei secoli, perché l'uomo ha la presunzione di credere senza Dio.
Tanti hanno la presunzione di amare coi diavoli addosso. Per fare Eucarestia ci vuole ordine, silenzio, luce vera sull'inconscio, e poi la fede.
Ma non c'è l'abitudine a ciò. Quanti preti arrivano nei traumi inconsci delle persone? Quanti scienziati considerano l'anima e Dio? Dio si manifesta ai bambini, perciò c'è bisogno lavorare su se stessi per mandare via il vecchio. Finché c'è il vecchio, non c'è l'Eucarestia.


Condividi su: