acquaesapone Soldi
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Multe con sconto?

Se pagate entro 5 giorni, la riduzione è del 30%. Ma conservate le prove!

Gio 04 Feb 2016 | di Armando Marino | Soldi
Foto di 2

Nelle piccole ingiustizie spesso c’è la prova della correttezza (o scorrettezza) dello Stato verso il cittadino. La circolare del Ministero dell’Interno che dovrebbe chiarire i termini per pagare le multe con lo sconto è un chiaro esempio di come il nostro Stato non venga mai incontro al cittadino e non si preoccupi se le regole che fissa rendano la vita più complicata, e soprattutto più incerta al cittadino. La possibilità di pagare la contravvenzione con lo sconto del 30% se si versa il dovuto entro 5 giorni era stata salutata con favore, anche se fin da subito il provvedimento presentava qualche margine di incertezza, perché all’inizio le multe non indicavano esplicitamente l’importo ridotto e quindi sarebbe toccato all’automobilista fare il calcolo dello sconto. Col rischio beffardo di sbagliare di un centesimo e poi vedersi addebitare interessi e sanzioni. Nello scorso gennaio una circolare del ministero, con lo scopo apparente di chiarire un altro punto incerto, ha finito con lo scaricare il peso dell’incertezza sul cittadino. Il documento ha infatti stabilito che tocca al contribuente non solo pagare entro i 5 giorni se vuole lo sconto, ma, se paga con bonifico, accertarsi che il pagamento arrivi nelle casse del Comune entro il tempo fissato, per godere dello sconto del 30%. Il fatto è che cinque giorni possono sembrare più che sufficienti per fare un bonifico, ma quante volte la raccomandata con la multa non viene consegnata, ma il postino lascia solo l’avviso? è vero che in quel caso i cinque giorni scattano dal ritiro, ma solo se il ritiro avviene entro dieci giorni che, se uno ad esempio si trova in ferie, dieci giorni possono volare senza che si sappia dell’arrivo della multa. Risultato: se pagate la multa in banca fatevi rilasciare una ricevuta in cui è specificata la data della valuta di accredito al Comune. Rischiate di doverla fornire come prova al Comune che vi chiede una salata maggiorazione.


Condividi su: