acquaesapone Ambiente
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Aria pulita con le noccioline

Filtri con i gusci che eliminano la co2... e colori ‘puliti’ per i tessuti

Gio 04 Feb 2016 | di Caroline Susan Payne | Ambiente
Foto di 6

In futuro dovremo fare attenzione a non buttare via i gusci delle arachidi dopo averle mangiate, specie se viviamo in un ambiente inquinato da traffico veicolare o se vogliamo indossare abiti fatti con tessuti naturali.
Un gruppo di ricercatori messicani dell’Università Nazionale di Città del Messico specializzati in biotecnologie, guidato dall’esperto in materie biotecnologiche Raul Pineda Olmedo, hanno notato che all’interno dei gusci vivono  funghi e batteri in grado di purificare l’aria.
In particolare, questi microrganismi risultano in grado di filtrare il metanolo, i solventi più comuni e altri residui chimici, attraverso un processo di decomposizione.

DEPURATORE D’ARIA NATURALE
Dal processo di biofiltrazione le sostanze tossiche vengono trasformate in acqua e anidride carbonica. Niente paura per quest'ultimo elemento, la CO2, che è oggi un grande problema per il clima: in questo caso, è semplicemente il prodotto finale di un ciclo in cui le stesse piante, da cui derivano i gusci per i biofiltri, a loro volta assorbono tale gas per crescere. Un circuito virtuoso che si conclude con un "pareggio". Secondo i ricercatori il filtro potrebbe essere utilizzato nei camini delle fabbriche che producono grandi quantità di tale sostanza: attualmente per ovviare al problema si utilizzano sofisticati sistemi di raffreddamento chimico-meccanico in grado di condensare i fumi dopo averli portati a temperature molto elevate con un notevole dispendio energetico. Il materiale che si ricava dall’attuale processo deve poi essere smaltito in discarica, determinando spesso ulteriore inquinamento. L’unica necessità per i biofiltri dei gusci di nocciolina, invece, è quella di mantenere una temperatura ottimale affinché i microrganismi possano svilupparsi e riprodursi. Il Messico, tra l’altro, è uno dei più grandi produttori al mondo di arachidi.

SCARTI AGRICOLI... A COLORI!
Gli scarti di questo anacardo, inoltre, insieme ad alcune specie vegetali comunemente usate in cucina (girasole, prezzemolo, olive, alloro, rosmarino, limone, noce e cipolla) rappresentano la materia prima dalla quale altri ricercatori, in questo caso argentini, sono riusciti ad ottenere una produzione di coloranti naturali a base d'acqua. Presso l’Istituto Nazionale per la Tecnologia Industriale della città di Rafaela (Regione di Santa Fè) è stato messo a punto un processo per estrarre i pigmenti dei vari colori direttamente dai rifiuti agricoli: questi poi possono essere conservati in forma di polvere senza alcun problema e, rispetto a quelli tradizionali, sono altrettanto resistenti all'usura, al lavaggio e all’esposizione alla luce.
Tra tutti i materiali di scarto testati, proprio quello composto dai gusci di arachidi è risultato essere tra i migliori.
Anche per l’Argentina questo gustoso prodotto rappresenta una delle principali voci di esportazione e dunque, oltre a permettere un processo produttivo ecosostenibile, si ricava un ulteriore guadagno da ciò che fino al giorno prima veniva considerato solo un rifiuto.
Un classico esempio di ciò che si intende per economia circolare legata alla Natura.


Condividi su:
Galleria Immagini