acquaesapone Italia Solidale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Meno male che i bimbi non si integrano!

I figli sentono ogni male e ci richiamano a ritrovare noi stessi e convertirci davvero. Altrimenti, che relazione si può avere con loro?

Gio 04 Feb 2016 | di Padre Angelo Benolli - Fondatore e Presidente di Italia Solidale | Italia Solidale

Ad un giovane che aveva molti condizionamenti inconsci e che per risolverli faceva dei colloqui personali con me, è venuto un cancro allo stomaco. Con questa cultura che io cerco di esprimere attraverso l'opera di Italia Solidale e col sostegno che ha trovato e, con il suo impegno, è guarito. Poi, trovando se stesso e trovando Dio, ha trovato anche una bella ragazza e si è sposato. Ha trovato anche un ottimo lavoro. Allora mi ha detto che finalmente stava bene ed interrompeva gli incontri con me. Io sono un professionista e sono molto contento quando la gente sta bene. Ma nel suo caso non era vero che stava bene: era guarito, ma non convertito e gliel’ho detto.
Nonostante fosse guarito e stesse bene, non era ancora libero né con se stesso, né con gli altri. Aveva tante belle qualità, ma andava sui soldi, su se stesso e sugli attaccamenti. Ha avuto anche un figlio, che è figlio di Dio. Il figlio, come ogni bambino, percependo queste immaturità del padre, non lo voleva, nonostante che il padre facesse di tutto per lui. Il figlio cercava lo zio, il fratello della madre, e percepiva che col padre non poteva avere relazione. È un fatto inconscio. Quando il figlio aveva tre anni questo giovane papà è ritornato da me e mi ha detto che era guarito, ma come gli avevo detto, non era convertito e la prova ce l’ha avuta attraverso il figlio. Perché il figlio non voleva un padre così. Io gli ho detto che il figlio è un “maschione”. Meno male che non si è integrato, ossia adattato, perché la maggior parte dei figli si integra con i genitori. Allora quest'uomo ha fatto tutto un lavoro per trovare se stesso, trovare il suo carattere e Dio, che è l’unico amore per trovare la pienezza della sessualità nell’amore. Ha dovuto lavorare assai e, alla fine, il figlio era tutto contento del padre. Nessuno, se non ha la pienezza del carattere e del sesso, può avere relazioni giuste. Per fortuna ci sono i bambini che sono creati sani, maschi e femmine, che avvertono sempre il male e quando non si adattano ci richiamano a ritrovarci e convertirci pienamente.

 



Il grande dono del fratello Serafino

Tanti donatori di Italia Solidale hanno fatto un’esperienza personale di silenzio, preghiera, fede e carità a Malga Zures, il Centro eucaristico e missionario di Italia Solidale - Mondo Solidale. Si tratta dell'antica casa di montagna donata da Serafino Benolli, mancato due anni fa, al movimento missionario fondato dal fratello, Padre Angelo. Per chi vuole salvare la propria vita e quella dei bambini.


Condividi su: