acquaesapone Attualità
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

In Viaggio con Booking, Tripadvisor e Bla Bla Car

Come districarsi tra prenotazioni on line, affari reali o millantati e commenti

Mar 31 Mag 2016 | di Angela Iantosca | Attualità
Foto di 7

Pronti a partire? Non avete ancora prenotato? Bene! Ecco un vademecum divertente per districarvi tra hotel, stelle, offerte, pacchetti e prenotazioni on line.
Per una viaggiatrice come me non c’è niente di meglio che stabilire con maggiore anticipazione possibile il luogo in cui andare, in modo da pagare il meno possibile gli aerei o i treni, e poi prenotare step by step, durante il viaggio, le strutture presso le quali riposare. Voi direte che la mia è una idea ottimale se si viaggia senza figli al seguito, con una amica o addirittura in completa solitudine e avete ragione! In caso di famiglia al seguito, effettivamente, meglio sincerarsi per tempo del luogo in cui si andrà. Ora vediamo come!

Cominciamo dai voli
Prenotate per tempo in modo da trovare delle offerte interessanti. Certamente gli orari più scomodi sono quelli che costano meno. Ma a volte ne vale la pena, perché si arriva a risparmiare anche ben più di 50 euro (e se siete in 4 diventano 400!). Altro punto fondamentale: il volo diretto è consigliato. Facendo gli scali è probabile che pagherete di meno, ma quante ore di vacanza perderete? Quanta fatica in più otterrete? Se avete figli e tante valige, la cosa migliore è optare per la soluzione che vi stressa di meno: il volo diretto. Certo, a volte uno scalo in più può risultare interessante. Recentemente sono stata a Londra pagando un volo solo 25 euro! Come ho fatto? Ho viaggiato in giorni e orari non usuali e soprattutto ho prenotato un mese prima. Un mio amico, meno fortunato di me, non avendo trovato una offerta così allettante per tornare a Roma cosa si è inventato? Uno scalo che è diventata una vacanza: prendendo il volo diretto Londra-Roma avrebbe pagato sui 150 euro; facendo scalo a Ibiza (dove ovviamente è rimasto un paio di giorni) e ripartendo poi per Roma ha speso in tutto 60 euro! In questo caso lo scalo ve lo consiglio.

SE SCEGLIETE LA MACCHINA
Se si opta per la macchina, un modo eccezionale per ammortizzare i costi della benzina e dell’autostrada sicuramente è iscriversi a Bla Bla Car, segnalare le tappe del proprio viaggio, le esigenze che avete, chi volete e chi no e provare un’esperienza interessante, che sicuramente vi porterà nuove amicizie o, male che va, una compagnia nelle ore del tragitto in strada. Sempre se siete senza famiglia!

CONTROLLI INCROCIATI
Una volta scelta la meta, procediamo alla prenotazione dell’hotel o del b&b. Come fare? Tramite Booking o Trivago. Un consiglio: quando andate su questi portali, poi, fate sempre qualche controllo incrociato. Verificate cosa dicono su Tripadvisor di quella struttura, in modo da capire se davvero si tratta di un affare o di una “fregatura” che potrebbe rovinarvi i pochi giorni di vacanza che avete e, poi, fate un giro sul sito dell’hotel, per verificare che il prezzo su Booking sia veramente il più basso, anche se la loro politica è proprio questa: le stanze offerte sul loro portale devono essere le più economiche dell’hotel. Altro suggerimento: ogni struttura, per poter stare su Booking, paga una quota che corrisponde all’incirca al 20% del prezzo pagato per la stanza. Se vi risultano da Booking esaurite le stanze, beh potete anche tentare di telefonare in hotel o presentarvi alla reception provando a farvi fare lo stesso prezzo (ogni Hotel mette solo una parte delle proprie stanze sul portale Booking), piuttosto che andare da un’altra parte sempre tramite Booking: anche all’hotel converrà. Il last minute a volte è “pericoloso”, ma a volte risulta molto vantaggioso e si “rischia” di dormire in alberghi molto belli (a me è capitato a Sintra, in Portogallo, dove ho dormito nello stesso albergo e stanza in cui alloggiò Lord Byron: la stanza l’ho prenotata su Booking cinque minuti prima di arrivare in hotel!).

OCCHIO ALLE DISTANZE E SE IL PREZZO è TROPPO BASSO...
Ma andiamo avanti: se non siete avvezzi all’uso dei portali di prenotazioni on line, ecco qualche piccolo consiglio che vi do per la lunga esperienza e anche per qualche errore commesso. Non dimenticherò mai l’affare della mia vita: un hotel prenotato a Messina in un last minute estremo e scelto basandomi solo sulla distanza dal porto… ebbene mi sono ritrovata in un hotel ad ore le cui stanzette erano ricavate da camere molto ampie… Una notte indimenticabile che per fortuna è durata poco, dovendo prendere il traghetto molto presto. Ovviamente sono sopravvissuta, ma è stata una grande lezione!

Quindi, se il prezzo è davvero molto basso controllate la distanza dell’hotel dal centro, che potrebbe essere una delle ragioni per le quali pagate poco. Non vi fate abbindolare, perché nei pochi giorni di vacanza che avete a disposizione, e ancor di più se avete figli, meglio essere a breve distanza dai vostri punti di interesse, piuttosto che dover sempre prendere la macchina o muovervi a piedi o con i mezzi di trasporto. Non solo, verificate anche la via nella quale si trova la struttura: ci sono città in cui a ridosso del centro si trovano vie poco raccomandabili. Mi è capitato a Palermo, dove feci una prenotazione basandomi sulla distanza dell’hotel dalla Stazione, che si trova a due passi dalla via principale. Mai scelta fu più sbagliata… e ancora una volta mi ha salvato il mio spirito di adattamento! Verificate anche che ci sia un garage o un posto auto gratuito, soprattutto se l’albergo si trova in centro: parcheggiare lontano perché l’hotel si trova in zona ZTL e muoversi con le valige oppure essere costretti a parcheggiare sulle strisce a pagamento per giorni e giorni non è una strategia consigliata! 

QUANTI COMMENTI SU TRIP?
Nella stanza verificate che il bagno sia in camera (non di rado ci sono offerte su stanze che hanno il bagno in comune sul corridoio), che l’hotel non sia in fase di ristrutturazione o che non sia particolarmente vecchio; che se c’è una piscina, sia funzionante; che l’eventuale Spa segnalata non sia una stanza claustrofobica e soprattutto non vi fate neanche ingannare dai nomi altisonanti di alcuni hotel: leggete sempre i commenti, le criticità e guardate le foto. Altra annotazione: quando verificate su Tripadvisor i commenti degli avventori, controllate a quando risalgono i post (se sono troppo vecchi c’è qualcosa che non va) e soprattutto controllate la quantità di commenti: se sono pochi, non fanno testo. Se sono numerosi allora sono più vicini alla verità. Di solito le indicazioni che trovate sono veritiere, anche in merito ai ristoranti: non di rado mi è capitato di leggere indicazioni dettagliate addirittura su camerieri legati da anni allo stesso luogo e che ho ritrovato allo stesso posto! Anche voi, poi, lasciate il vostro commento, che potrà essere molto utile per chi verrà dopo.

E' IL BAGNO CHE FA LA DIFFERENZA
Per quanto riguarda le stanze, non so voi, ma io verifico subito alcuni dettagli quando entro: l’asciugacapelli che non di rado non funziona e per chi ha molti capelli come me può essere un problema; la moquette in terra che sicuramente attutisce i suoni, ma non è molto igienica; le maniglie e il telecomando a volte poco puliti; le tende e i copri letti non di rado polverosi; la doccia (una volta ho trovato resti di precedenti inquilini in un hotel a 4 stelle). Ma, in realtà, come in qualsiasi struttura ricettiva, è il bagno nel suo insieme che fa la differenza. E, aspetto da non trascurare, vi fa capire molto dell’hotel anche il cestino con i prodotti di bellezza in esso contenuti. Altro aspetto da considerare l’affaccio dell’hotel: il prezzo cambia se dà sul mare o se dà sull’interno o se dà su un muro o se dà su altre case… la scelta, in questo caso, dipenderà sempre dal tipo di vacanza che cercate. Fondamentale, inoltre, la colazione. La sala del primo pasto della mattina, le pietanze messe a disposizione vi dicono molto del luogo in cui state trascorrendo la vostra vacanza. Deporrà a favore dell’hotel una colazione internazionale ricca, dove potrete spaziare tra il salato e il dolce. Se, poi, troverete torte fatte in casa, cornetti caldi e yogurt naturale, beh l’esame dell’hotel sarà superato!

E le stelle?
In Italia le stelle del Sud sono diverse rispetto a quelle del Nord, non vi è alcun dubbio. Per il Sud, consiglio di evitare tutto ciò che è al di sotto delle tre stelle: rischiate veramente di trovarvi nel peggior bar di Caracas! Tra l’altro è interessante sapere che le stelle sono una peculiarità italiana e un po’ autogestita. Una legge del 2001 affidava la scelta dei criteri di classificazione degli hotel a ciascuna singola regione. Poi con una legge del 2009 sono stati stabiliti gli standard minimi di servizi e dotazioni validi in tutto il territorio nazionale per la classificazione degli alberghi, che vanno dalla dimensione delle camere doppie, alla pulizia, al servizio internet, al bagno privato in camera, all’ascensore. Ma, come dicevo, spesso strutture ricettive con lo stesso numero di stelle si presentano molto diverse tra di loro a seconda della Regione in cui ci troviamo…

 


 

ATTENTI AI PACCHETTI  

Soprattutto quando si è in tanti in famiglia, i pacchetti risultano particolarmente appetibili. In modo particolare quando comprendono hotel e parco divertimenti oppure viaggio con hotel. Un consiglio: andate a verificare dove si trova l'hotel e soprattutto la sua qualità. Poco tempo fa mi è capitato di comprarne uno per andare in un noto parco dell'Emilia Romagna, che comprendeva gli ingressi per tre giorni consecutivi e l'hotel per due adulti e due bambini. Ebbene, la struttura alberghiera non era delle migliori, tanto da dover chiedere di cambiare stanza per quanto era piccola e sporca; il parcheggio gratuito non era sempre disponibile e distava dal parco più di mezz'ora di macchina. Quindi, anche in questo caso, sempre meglio procedere al controllo incrociato: commenti su Tripadvisor e Google map per verificare la distanza dal nostro luogo di interesse!

 


 

Turismo digital in crescita

Secondo una ricerca promossa da Politecnico di Milano e Venere.com, il mercato del turismo in Italia cresce soprattutto grazie al digital che nel 2015 ha registrato un aumento dell’11% rispetto al 2014.  Il mercato domestico (italiani che viaggiano in Italia) rimane il più importante (41% del totale), ma crescono anche l’outgoing (italiani che viaggiano all’estero) e l’incoming (stranieri che vengono in Italia). Sempre più persone usano i canali online prima, durante e dopo un viaggio. Delle attività online legate al viaggio, il 74% delle persone che naviga cerca ispirazione, l’88% effettua ricerche informative e l’82% effettua prenotazioni prima del viaggio, mentre il 44% effettua prenotazioni durante il viaggio. Molto alta la percentuale anche delle condivisioni (45%). Le strutture ricettive sono l’elemento più cercato (77% delle persone), seguono la località (53%), le attività (47%), i trasporti (35%), mentre una piccolissima percentuale di naviganti compie ricerche sui ristoranti (1%).

 


 

STELLE E ALBERGHI

Sulla base di una legge del 2009 in Italia l'albergo ad 1 stella potrà accontentarsi di: ricevimento 12 ore su 24, pulizia delle camere una volta al giorno, dimensioni minime della camera doppia 14 metri quadri. Per avere 2 stelle dovrà avere anche un punto di ristoro e l'ascensore. Le 3 stelle pretenderanno anche la conoscenza di una lingua straniera da parte della reception (aperta almeno per 16 ore), 12 ore di servizio bar e tutte le camere dotate di bagno privato. Per far scattare le 4 stelle serviranno due lingue straniere, bar e reception h 16/24, trasporto bagagli, camere doppie di almeno 15 metri quadrati e bagno di 4. Meriteranno le 5 stelle gli hotel con reception h 24, portiere di notte, bar h 16/24, tre lingue straniere parlate, parcheggio h 24 e camere di 16 metri quadrati.


Condividi su:
Galleria Immagini