acquaesapone Editoriale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

I bambini ci stupiscono

I nostri piccoli sono davvero grandi e, se non comprendiamo questo, non comprendiamo la vita

Gio 30 Giu 2016 | di Alberico Cecchini | Editoriale

Quanto sono arido, Signore mio! Di fronte alle mie bambine sono io che ricevo e sono loro che danno. Sorrisi veri, gioia impetuosa, amore contagioso. Io, invece, più che altro le disturbo, perché corro sempre per fare, fare, fare. Non ho quasi mai tempo per fermarmi a gustare la loro infanzia veloce e ricevere tutti i doni che la vita mi vuole fare attraverso loro. 

Per tanti di noi è così: passiamo le settimane e gli anni impegnati nell'organizzare il lavoro e nel creare una vita comoda anche per loro, ma alla fine non abbiamo più il tempo per viverla questa vita insieme ai nostri figli. Arriviamo alle vacanze e non ci viene più spontaneo condividere le cose in famiglia. E ci ritroviamo un po’ imbarazzati nell'incapacità di dialogare e conoscerci più profondamente. Ma è lì che i bimbi ci stupiscono, ci insegnano la vita e a vivere in relazione, cosa che per loro è naturale. 

Le mie bambine mi insegnano la vita quando io mi abbasso fino all'altezza della loro dignità profonda. Per esempio, mi hanno dimostrato che, se si sentono amate, sono forti tanto da rinunciare anche per 2 mesi alla loro mamma, all'estero per aiutare i bimbi più poveri del mondo. Nel loro cuoricino è chiaro che, se la loro mamma ama tutti i bimbi, tanto più ama anche loro. 

Sono davvero grandi i bimbi e se non comprendiamo questo non comprendiamo la vita. Certo, alcune volte soffrono un po', ma si fanno forza e con due sane coccole passa tutto. I bambini per natura non si attaccano alle cose, né alle persone, ma l'amore lo esigono. Se non disturbati, sono molto più indipendenti di quello che crediamo. E noi? Quanti attaccamenti abbiamo che ci impediscono di vivere nell'amore?


Condividi su: