acquaesapone Bella Italia
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Spiagge selvagge: i paradisi dove gustare il mare senza calca

Dopo un anno in mezzo al traffico, ecco dove rifugiarvi, al riparo anche da vicini poco opportuni

Gio 30 Giu 2016 | di Angela Iantosca | Bella Italia
Foto di 21

Dopo aver frequentato d'estate località molto gettonate, ho capito che non fanno per me. Dopo un anno trascorso in città, in mezzo al traffico e sul Raccordo Anulare, consiglio a me stessa la solitudine e spiagge incontaminate. Non voglio svegliarmi all'alba per conquistare un fazzoletto di sabbia e rischiare di mettere i miei piedi in bocca al vicino dopo poche ore… O non voglio addormentarmi su un fazzoletto di mondo e risvegliarmi circondata dai rumori della quotidianità. Per questo abbiamo pensato di consigliarvi per luglio spiagge poco conosciute e bellissime dove rifugiarvi in questi mesi di caldo.


TOSCANA

La Conca dei Marini in Costiera Amalfitana 
La Spiaggia di Conca dei Marini è incastonata in uno splendido tratto della costiera Amalfitana, tra dirupi a mare punteggiati da borghi caratteristici aggrappati alle scogliere. Per raggiungere la spiaggia è necessario uscire dall’autostrada Napoli – Salerno all’altezza di Vietri, per poi proseguire verso Amalfi: Conca dei Marini si trova a circa 5 chilometri dal centro di Amalfi, in direzione di Positano, lungo la Strada Statale 163. Meno blasonata delle vicine Amalfi, Ravello e Positano, conserva il suo aspetto di antico borgo marinaro. Tra Amalfi e Positano, poi, c'è una insenatura poco frequentata, che si chiama Furore: qui scoppiò la tormentata storia d'amore tra Rossellini ed Anna Magnani, durante le riprese del secondo episodio del film "Amore".

Le Rosselle e le Tombe all'Isola d’Elba 
Le Rosselle e le Tombe sono tra le spiagge più selvagge e deserte dell’isola d’Elba. Per raggiungerle si passa da Pomonte e Fetovaia  e si segue la strada provinciale, imboccando due ripidi sentieri che scendono al mare. Le spiagge sono fatte di ghiaia e ciottoli e sono incastonate in un tratto di costa brullo e dirupato.

La Cala Violina A SCARLINO
In provincia di Grosseto, a Scarlino, da non perdere la spiaggia di Cala Violina, una delle più spettacolari baie del Golfo di Follonica che si può raggiungere camminando nella pineta per circa 15 minuti, una riserva con una macchia mediterranea strepitosa, percorribile anche con i passeggini. 

GIANNUTRI 
Giannutri fa parte del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano: è grande appena 500 metri in larghezza e 5 chilometri in lunghezza, in inverno è abitata da circa una ventina di persone, ma anche d’estate è poca la gente che arriva sino a qui. Giannutri è famosa per la bellezza dei suoi fondali, veri paradisi per gli amanti della subacquea. Altra attrattiva dell'isola sono i resti di una villa romana appartenuta alla famiglia dei Domizi Enobarbi e risalente al II sec. d. C.


LAZIO

TORRE ASTURA, VICINO NETTUNO
A pochi chilometri da Nettuno una spiaggia bellissima poco frequentata. Per arrivarci bisogna lasciare la macchina in un parcheggio e poi camminare lungo un sentiero tra pini e macchia mediterranea fino alla Torre sul mare. Da evitare nei weekend di agosto.

TRECENTO GRADINI 
Spiaggia dorata e mare limpido che si raggiungono scendendo 300 gradini. La spiaggia si trova sulla via Flacca tra Formia e Gaeta: è protetta dalla roccia e dagli alberi e chiusa tra le due estremità di un piccolo golfo. Ancora oggi resta uno dei rari tratti di costa veramente naturali e selvaggi.

 

CALABRIA

La Costa dei Gelsomini  
E' la riviera più a sud della Calabria, quella compresa tra le città di Riace e Locri e che si affaccia sul mar Ionio. È la Costa dei Gelsomini che si snoda per 90 chilometri nella provincia di Reggio Calabria e che prende il nome dalla coltivazione della pianta rampicante molto diffusa nel suo territorio. La costa dei Gelsomini conta 42 piccoli comuni, e quasi tutti offrono stabilimenti balneari. Le prime località turistiche sono Riace Marina, Roccella Ionica e Marina di Gioiosa Ionica. A sud del torrente Bonamico, il più importante dell'Aspromonte, la costa dei Gelsomini termina con Capo Spartivento. Qui sorgono località balneari come Africo, Bianco, Brancaleone Marina e Capo Ferruzzano con le sue scogliere. Questa zona è detta delle "Piscine" ed è conosciuta solo dagli abitanti del posto.

CAPO BRUZZANO 
Tra Ferruzzano ed Africo, sull'argine destro della fiumara Laverde, si trova Capo Bruzzano. Nelle sue vicinanze vi sono siti di nidificazione di rare tartarughe Caretta-Caretta. Dalla sommità del Capo, a 90 metri, si può abbracciare con un unico sguardo l’ampiezza di questo paesaggio. La  sabbia è finissima e bianca, ma anche rocciosa in alcuni tratti, noti come la “scogliera delle pozze”. 

La Costa Viola 
Se non avete mai visto questo spettacolo della natura, vi consiglio di fare un giro in barca e apprezzare  il colore delle sue acque da cui prende il nome. La spiaggia è splendida, caratterizzata da una sabbia bianchissima incorniciata da alti scogli, una magnifica grotta accessibile in barca, e si “affaccia” proprio sullo scenario dello Stretto e delle isole Eolie.

 

SICILIA

TORRE SALSA A SICULIANA
La spiaggia di Torre Salsa fa parte dell'omonima riserva naturale che si estende per circa 6 km da Monte Stella sino alla spiaggia di  Eraclea Minoa, a Siculiana, in provincia di Agrigento. Si caratterizza per la presenza di falesie di marna bianca che si alternano a dune di sabbia e della foce del fiume Salso. Il mare è limpido e turchese e le acque cristalline. La spiaggia è raggiungibile a piedi. L'Oasi WWF di Torre Salsa si estende in un territorio incontaminato dove falesie di gesso si alternano alle marne calcaree e dove si riproduce indisturbata la tartaruga marina Caretta Caretta.

SPIAGGIA DI GIALLONARDO A Realmonte 
La Spiaggia Giallonardo tra Siculiana e Realmonte, è situata ad est della località balneare di Siculiana Marina e la si raggiunge tramite la SS115. Si tratta di una bellissima spiaggia con un litorale molto lungo, delimitata da banchi di gesso. Percorrendo il litorale sabbioso, durante il periodo estivo, si possono vedere i nidi delle Caretta Caretta: qui da qualche anno si schiudono le uova tra agosto e settembre. 

Spiaggia di Santa Maria del Focallo ad Ispica 
Santa Maria del Focallo è uno splendido ed esteso arenile del comune di  Ispica, in provincia di Ragusa, con acqua cristallina e le inconfondibili dune. Si estende per migliaia di metri, caratterizzato anche da una rigogliosa striscia di vegetazione spontanea composta principalmente da Acacie. Da sempre viene utilizzata dalla popolazione locale per scampagnate fuori porta o semplicemente per trascorrere una domenica al mare.

Tusa, una meta blu
Incastonato tra il Parco delle Madonie e quello dei Nebrodi, distante circa 90 km da Palermo e 160 km da Messina, si erge il comune di Tusa, che si riconferma anche per il 2016 come una delle mete “più blu” della Sicilia. Il riconoscimento internazionale è assegnato dalla Foundation for Environmental Education (Fee), che se negli anni precedenti ha riconosciuto la certificazione solo per la spiaggia delle “Lampare”, situata nel borgo marinaro di Castel di Tusa, da quest’anno, ha aggiunto anche il tratto di mare della “Marina”, caratterizzata da ciottoli variopinti e da un mare limpido dove è consigliato fare snorkeling. 

ERACLEA MINOA, spiaggia dorata 
La Spiaggia Eraclea Minoa di Cattolica Eraclea, in provincia di Agrigento, celebre oasi naturista compresa tra Capo Bianco e la foce del fiume Platani, è facilmente raggiungibile tramite la SS115, seguendo le indicazioni per Eraclea Minoa-Capo Bianco. Si tratta di una splendida spiaggia di sabbia dorata lunga più di 5 chilometri, circondata da una serie di formazioni dunali e dominata da splendide falesie calcaree bianche a picco sul mare. Il mare che la bagna è turchese e straordinariamente trasparente. Il verde del bosco di retroduna, il bianco delle scogliere e l'azzurro del mare, conferiscono alla spiaggia un aspetto unico. 

RISERVA DI MONTE COFANO – CASTELLUZZO E MACARI
La Riserva di Monte Cofano si trova a metà strada tra San Vito Lo Capo e Trapani ed è una delle più interessanti attrazioni naturali della costa trapanese. Il mare cristallino di un blu indefinito fa da contorno all'incantevole struttura dolomitica del monte. Fare il bagno in questo specchio di mare, lontano dalle folle e dai rumori, è una esperienza imperdibile. Nella stessa zona troviamo Castelluzzo, un tratto di costa scampato alla speculazione edilizia. In estate si può accedere alla costa utilizzando il servizio di navetta gratuito del Trenino Ercolino.Fino al 30 settembre, la strada che raggiunge Baia Santa Margherita (vicino San Vito, ma completamente diversa e selvaggia) è chiusa al traffico dalle 8,30 alle 20,30 e i visitatori che vogliono raggiungere i vari punti di balneazione possono lasciare gratuitamente l’auto nei Parcheggi di Macari o di Castelluzzo.

OASI DI VENDICARI a SIRACUSA
Vendicari offre tra le più belle spiagge della Costa Ionica: un mare incontaminato e cristallino, premiato con le 4 vele blu della Legambiente! Situata nella costa orientale della Sicilia, a sud di Siracusa, tra Noto e Pachino, questa fantastica oasi floristica e faunistica è particolarmente famosa per l’attività del birdwatching, ma anche perché, all’interno del suo territorio, consente di praticare numerosi altri sport ed offre una serie di diversioni che ti consentiranno di trascorrere giornate indimenticabili. Tra i luoghi da vedere la tonnara.  Nell'Oasi, potete tuffarvi nelle acque della spiaggia di Marianelli, una spiaggia isolata, selvaggia e incontaminata, inserita tra mandorleti, limoneti e dune di sabbia arricchite da una flora unica. Si trova nella zona nord della riserva tra la spiaggia di Eloro e Calamosche.
 

PUGLIA

Lecce e le sue spiagge
Da Sud a Nord, le spiagge poco frequentate della Puglia sono San Cataldo, Torre Chianca, Spiaggiabella e Torre Rinalda. San Cataldo, una delle spiagge più vicine a Lecce. Si trova circondata da macchia mediterranea, da cui parte il Parco delle Cesine. Vicino c'è Torre Chianca che presenta un lunghissimo tratto costiero fatto tutto di estese spiagge che alternano lidi privati ad ampi tratti di spiagge libere. Nelle sue acque vi sono anche alcune colonne di marmo molto antiche (II secolo a.C.) che i sub possono ammirare nei pressi del piccolo isolotto “Lu Squeiu”. Dopo aver solcato un piccolo ruscello che sfocia sul mare conosciuto dagli abitanti del posto come “il bacino”, si entra nel territorio di Spiaggiabella. Da qui, a piedi, potete arrivare a Torre Rinalda, una spiaggia spesso e volentieri agitata, anche a causa dell’assenza di barriere naturali che impediscano al vento di soffiare appieno o al mare di produrre le sue onde. La sabbia qui è grigia con striature nere specialmente sul bagnasciuga, dovute non ad inquinamento ma alla particolare costituzione di questa sabbia che ha al suo interno anche elementi ferrosi. San Foca, circondata a nord e a sud da alte rocce, è caratterizzata anch’essa da lunghi arenili sabbiosi conosciuti con il nome di Spiaggia dei Brigantini e Spiaggia degli Aranci. 


SARDEGNA

CALA GOLORITZE' - NUORO
Nel comune di Baunei, in provincia di Ogliastra, nel nuorese. Cala Goloritzé è poco frequentata anche perché, per raggiungerla, dovete percorrere un sentiero di circa un'ora che passa attraverso una vecchia mulattiera un tempo usata dai carbonai, battuta dal sole a picco. Il modo più semplice per raggiungerla è via mare da Cala Gonone o dalla spiaggia di Santa Maria Navarrese o via terra attraverso il sentiero che parte da Golgo.

ORISTANO – COSTA VERDE
Cominciamo dalla costa occidentale. La Costa Verde, litorale che si estende per circa 50 km, è così chiamata per la ricca vegetazione che la circonda; in tutta la striscia di terra ci sono molti ingressi da cui accedere al mare. Per gli amanti della natura da non perdere anche Piscinas e Scivus, in una zona di vecchie miniere, dove sarà possibile prendere il sole tra le dune sabbiose più alte d'Europa.

Isola di Piana, privata e con 200 abitanti
A sud della Sardegna trovate Marina di Gonnesa, 4 km di costa incontaminata che partono da Funtamare fino a Porto Paglia. Nell'arcipelago del Sulcis potrebbe essere interessante una visita all'isola di Piana, un isolotto privato abitato da circa 200 persone. Vicino Villasimius, da non perdere è Punta Molentis, da dove si possono andare a scoprire le incontaminate calette della zona.

SARDEGNA E LE SUE ISOLE
La Maddalena, L'Asinara e Tavolara, tutte aree di rispetto dove il tempo sembra essersi fermato. Nell'arcipelago della Maddalena, nell'isola di Spergi, è situata Cala Corsara, una spiaggia di sabbia finissima raggiungibile esclusivamente via mare. Nell'Asinara invece, immersa nella natura intatta e incontaminata del Parco Naturale è possibile raggiungere Cala d'Oliva caratterizzata dalle scogliere di Granito Rosso che la circondano. 

 


Condividi su:
Galleria Immagini