acquaesapone Mondo
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Genitori single: vacanze da sogno grazie a GenGle

Cresce il numero dei separati, ma offerte e pubblicità sono solo per le famiglie modello. La soluzione in una community per vedovi e divorziati

Gio 28 Lug 2016 | di Barbara Savodini | Mondo
Foto di 5

Portare i figli in vacanza dopo un anno di super stress lavorativo può mettere a dura prova calma e pazienza, ma le cose si complicano se a cimentarsi nell’impresa sono padri vedovi, donne divorziate o ragazze madri. Eppure, a questa armata di famiglie problematiche nessuno sembra riservare un occhio di riguardo, con le agenzie di marketing sempre più attente a esaudire soltanto le esigenze dei nuclei familiari tradizionali. È quanto emerso da un’indagine di Saatchi & Saatchi, una tra le più importanti agenzie pubblicitarie al mondo, che ha rivelato come nel 77% dei casi le campagne di marketing preferiscano rivolgersi alla classica famiglia del Mulino Bianco: mamma, papà e due figli che corrono felici nella natura e mangiano solo cibi genuini. Una strategia forse vincente ai fini promozionali, che però emargina una quantità crescente di nuclei familiari non ordinari.
Solo in Gran Bretagna, per esempio, i genitori single sono oltre 2 milioni, mentre in Italia l’ultima indagine di settore dell’Istat, risalente al 2014, ha rivelato come il 13% delle famiglie abbiano un solo punto di riferimento tra madre e padre. L’indagine di Saatchi & Saatchi ha fatto velocemente il giro del mondo, suscitando lo stupore e l’indignazione di moltissimi opinionisti. 

La soluzione in un social network
Pochi lo sanno, ma la formula anti cospirazione pubblicitaria esiste ed è incredibilmente facile da sfruttare: si chiama GenGle ed è, come recita lo slogan, “il social network dei genitori single”. La community è aperta soltanto a separati, divorziati, vedovi, ragazzi padre e ragazze madre e conta già diecimila iscritti. Tra le innumerevoli attività promosse, l’organizzazione di vacanze in diverse parti del mondo, di tipologie e costi diversi. Partecipare è semplicissimo: basta iscriversi, prenotare e poi a tutto il resto pensano gli organizzatori. Una vera e propria manna dal cielo per quei genitori che, fino a qualche tempo fa, passavano mesi a cercare posti economici in cui far divertire i propri figli, senza rischiare l’esaurimento nervoso. Un’idea geniale secondo gran parte degli iscritti, tanto che ogni viaggio fa il tutto esaurito poche ore dopo il lancio. Dal weekend, alla settimana intera, dalla gita in barca a vela, al resort a quattro stelle: ogni proposta entusiasma grandi e piccini, con grande stupore da parte di quei genitori che arrivavano da esperienze disastrose. Il punto di forza, a quanto pare, sono da una parte i prezzi, ragionati sulla capacità di spesa di un genitore separato, che spesso si accolla due affitti, paga o non riceve gli alimenti e via di seguito, dall’altra le proposte diverse in base alle fasce di età. Per chi ha figli adolescenti GenGle propone vacanze dove sia possibile svolgere attività per ragazzi e ragazze, mentre per chi è rimasto solo con pargoletti di pochi anni, l’offerta riguarda alberghi con ludoteche, babysitter, educatrici e animatrici. I genitori si rilassano e i figli impazziscono dal divertimento, desiderando fare poi una vacanza simile

 


 

L’idea venuta a una mamma separata

L’incredibile idea è venuta a Giuditta Pasotto, mamma separata con due bambini di 6 e 10 anni, per la quale le vacanze erano diventate un vero e proprio incubo. «Gli essere umani stanno bene in branco – spiega la fondatrice di GenGle – e condividere le ferie rende tutto più divertente. Inoltre, è davvero motivante vedere come da queste vacanze allargate si crea una rete e nascono amicizie vere e durature». Ci si sente, insomma, come in una grande famiglia, perché, del resto, chi vi partecipa condivide esperienze e difficoltà affini. La diversità diventa non solo normalità, ma addirittura un valore aggiunto, perché soltanto chi ha un solo genitore può partecipare a queste straordinarie vacanze, economiche e divertentissime.   


Condividi su:
Galleria Immagini