acquaesapone Mondo
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Il Principato di Monaco

Mer 04 Gen 2017 | di Alessandra De Tommasi | Mondo
Foto di 12

Se esiste un regno delle favole in Europa si chiama Principato di Monaco. Non uno di quelli estesi a perdita d’occhio, dove il sole sembra non tramontare mai: qui l’atmosfera incantata è decisamente più concentrata, visto che il territorio è di circa 32 km quadrati e la popolazione è più o meno quella di Riccione, Segrate, Cerveteri o Canicattì. Eppure, a soli quaranta minuti d’auto dal confine ligure dell’Italia, ecco un gioiellino incastonato nella Costa Azzurra, che sa farti perdere un battito del cuore alla sola vista. O almeno quella è l’impressione che ho avuto la prima volta che l’ho visitato, dieci anni fa. Da allora ci torno una volta l’anno e non smette mai di stupire, perché sembra sospeso nel tempo, capace di diventare chiassosissimo e ritornare silenzioso in un battito di ciglia.
 
IN VOLO DA NIZZA
Ricordo ancora la sorpresa nel notare un piccolo defibrillatore strategicamente posizionato qua e là per le vie del centro. È bastato poco per capirne il motivo: le salite, con scale o ascensori, possono comunque risultare impervie per quella fetta di popolazione o turisti che hanno lasciato la giovinezza anagrafica alle spalle da un pezzo e che si ritrovano nel Principato a sorseggiare un cocktail su uno yacht o a fare shopping tra le boutique più esclusive. Assaporare quest’aria così mondana può causare le vertigini, ma non tutte le esperienze monegasche sono un salasso per il conto in banca. Alcune, però, valgono decisamente la pena, come la brevissima gita in elicottero dal vicino aeroporto di Nizza: in soli 7 minuti sembrerà di regnare su questo piccolo paradiso dall’alto. Per chi volesse, poi esistono tour a partire da 60 euro per spiccare il volo e gustarsi il giretto senza bagagli. 

LA LEGGENDA DI GRACE KELLY
Sarà stata questa visione mozzafiato a colpire il Premio Oscar Grace Kelly, che al cinema come nella realtà è diventata principessa di questo regno d’altri tempi, circondata dall’amore del Principe Ranieri III. Il destino ha stroncato la sua favola con un incidente stradale, ma la sua eredità ancora oggi aleggia su Montecarlo e non solo per la presenza dei tre figli, Carolina, Stefania e Alberto, ma per l’apertura all’arte che ha tramandato al principato. Dal ritratto di Andy Warhol all’ispirazione per il personaggio di Eva Kant di “Diabolik”, la principessa ha lasciato un’impronta indelebile nella cultura pop, oltre che nella tradizione della famiglia reale. Icona di grazia, fascino e bellezza, è stata inserita dall’American Film Institute al tredicesimo posto tra le più grandi star del cinema, assieme a dive del calibro di  Audrey Hepburn, Greta Garbo e Marilyn Monroe.

VARI PRIMATI
Il Principato di Monaco vanta il primato di stato più sicuro e cosmopolita al mondo, consacrandosi come il luogo ideale per meeting d’affari, ma anche vacanze rilassanti. Spicca anche per l’impegno ecologista a salvaguardia dell’ambiente e in particolare degli oceani. Grazie allo splendido clima mediterraneo che l’abbraccia tutto l’anno, può essere considerato una delle capitali mondiali dello sport. 


GREEN POWER
Gli spazi verdi sono un punto di vanto per il Principato, che permettono un viaggio nel viaggio attraverso una suggestiva passeggiata attraverso alberi secolari o piante esotiche. La fondazione promossa dal Principe Alberto II ha infatti come obiettivo quello di combattere la deforestazione nel Pianeta, promuovendo la cultura dell’ecologia. I giardini monegaschi sono ricchi di alberi provenienti da tutte le parti del mondo, dai pini australiani alle palme del deserto messicane, dal pino bianco giapponese ai mandarini cinesi. 

TUTTI IN ACQUA
Yacht a parte, è possibile godersi le spiagge glamour sia nelle zone libere, comunque attrezzate con ogni comfort dalle docce ai fasciatoi, che negli stabilimenti balneari. Il Larvotto offre un’atmosfera chic e raffinata, per una giornata di relax in riva al mare, con la Costa Azzurra di fronte e tanti ristoranti sulla sabbia, dove assaggiare piatti tipici locali, ma anche una squisita pizza all’italiana, ad esempio alla Miami Plage. Le Terme Marine di Montecarlo, invece, offrono un’allettante attrattiva a ombrelloni e lettini: tra sauna, massaggi, hammam e piscina termale, la giornata non potrebbe essere più rilassante di così.
Le opzioni per le boutique di lusso nel Principato sono pressoché infinite. 
Nel cuore della città, nella piazza del Casinò nei Jardin des Boulingrins, si trovano cinque Pavillions d’alta moda che accolgono da Dior a Cartier, come benvenuto raffinato per i visitatori. A pochi passi da questa recentissima installazione si trova lo Shopping Center del Métropole, tra marmi incantevoli e un lampadario d’epoca sensazionale. Il quartiere della Condamine e del Porto è una boutique a cielo aperto, con oltre 200 negozi, mentre Fontvieille offre un centro commerciale per acquisti quotidiani e rifornimenti veloci.

LA STORIA
Il polo culturale della città resta Monaco Ville, uno dei quattro quartieri vecchi, altrimenti detto La Rocher (La Rocca) con i palazzi di maggior pregio del Principato: il Palazzo del Governo, il Consiglio Nazionale, la Cattedrale, il Museo Oceanografico e ovviamente il Palazzo del Principe. 
Il fascino del passato rivive in tutto il suo splendore attraverso i posti più iconici di Montecarlo. Si possono assaporare i sapori locali al Condamine Market di Place d’Armes, ogni giorno aperto dalle sei del mattino alle due del pomeriggio, o passeggiare in tutta tranquillità nel roseto dedicato alla Principessa Grace, per celebrare il suo fiore preferito in oltre 180 varianti. 
Non c’è angolo di questo luogo, insomma, che non incanti il passante, costringendolo ad una sosta, sospesa appunto tra passato e presente. 
La bellezza è il tratto distintivo del Principato di Monaco, che offre una parentesi straordinaria e colorata dal grigiore della vita quotidiana, quasi un sogno ad occhi aperti.         


5 LUOGHI DA NON PERDERE
1- Museo Oceanografico
2- Portoharbor
3- Giardini Giapponesi
4- Spiaggia Larvotto
5- Collezione di Auto Antiche del Principe Ranieri III

IL FESTIVAL DELLA TV
Tra gli eventi più attesi dell’anno, oltre al Festival Internazionale del Circo di Monte-Carlo (dal 19 al 29 gennaio), c’è il Festival della TV di Monte-Carlo (16-20 giugno 2017), fortemente voluto dal Principe Ranieri III di Monaco e ora sotto la presidenza onoraria del Principe Alberto II: da oltre mezzo secolo rappresenta il fiore all’occhiello delle manifestazioni europee sulla serialità mondiale. La kermesse monegasca culmina con la consegna della Ninfa d’oro, il premio più ambìto, che viene consegnato all’eccellenza televisiva, ispirato alla ninfa Salmace, scultura custodita al Louvre di Parigi e realizzata dal monegasco Francois Joseph Bosio. Della giuria di preselezione fiction, per la prima volta negli ultimi dieci anni, fa parte anche una giornalista italiana, che per la rivista Acqua & Sapone scrive di cinema e tv e che ha curato questa guida pratica alla scoperta del Principato.  

DUE HOTEL DA SCOPRIRE
Per un weekend (o anche un periodo più lungo) il luogo perfetto per soggiornare è il Monte-Carlo Bay, 4 stelle e uno scenario incantevole, che vanta l’unica laguna con fondale di sabbia bianca in tutta Europa. Attraversa i giardini dell’hotel, fino alle terrazze, le cascate, il chiosco e gli isolotti verdeggianti, progettati dal celebre architetto paesaggista Jean Mus. L'interior design è firmato Pierre-Yves Rochon, che impreziosisce le tre torri di 11 piani con eleganza e stile. Chi preferisce uno stile più moderno, invece, può optare per il Novotel, 3 stelle, a 20 minuti dal Palazzo del Principe e a 3 a piedi dalla stazione ferroviaria, con un’area giochi per i più piccoli e il Cafè di Fred Ramos, un tempo sede di Radio Monte Carlo. Chi, invece, preferisce il lusso più sfrenato può concedersi l’Hotel de Paris, 5 stelle, nella piazza del Casinò o almeno gustarsi un cocktail nel Bar Américain, in un’atmosfera che rimanda all’Avana, tra legni preziosi e luci soffuse. 

UN LOUNGE BAR DA TENERE D’OCCHIO
Il Buddha Bar è un lounge bar dall’ambiente sereno ed esotico. Situato in una vecchia sala da concerto del XX secolo, vanta un soffitto di 7 metri e una statua di Buddha gigante al centro della sala. Il ristorante offre cucina tradizionale cinese, mentre sul bar affacciano due terrazze all’aperto, dove si possono gustare specialità asiatiche da abbinare al sakè. 

IL GRAND PRIX
Il Gran Premio di Formula 1 di Montecarlo è uno degli appuntamenti-chiave dell’anno: l’edizione 2017 si svolge il 28 maggio (il 26 le prove libere, il 27 la pole position), sempre nel circuito cittadino nel Principato di Monaco. Il record di vittorie sul tracciato, sei, va ad Ayrton Senna, mentre tutte le gare si svolgono alla presenza di casa Grimaldi. 

Condividi su:
Galleria Immagini