acquaesapone Bambini
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Daniel ci ha fatto crescere

Dopo che il padre della mia prima bimba ci aveva abbandonate, ero terrorizzata da una nuova gravidanza. Ma ho trovato i giusti aiuti

Gio 26 Gen 2017 | di Patrizia Lupo | Bambini

Ho avuto il mio primo figlio a 21 anni, da sola, perché il padre della bambina ci ha abbandonate. Per me è stato duro affrontare la vergogna, la mia famiglia, il paese. Così, anche per avere una vita migliore, sono venuta in Italia. Per diversi anni ho avuto un solo obiettivo: lavorare e ottenere un permesso di soggiorno.
Quando ho incontrato Luis, un uomo più grande di me, da un anno avevo raggiunto la mia meta e finalmente potevo stare serena. Anche se lui lavorava poco come elettricista -  a volte restava fermo per mesi - riuscivamo lo stesso a stare bene. Un ritardo di pochi giorni mi ha spinto a fare un test di gravidanza.
Il risultato positivo mi ha fatto andare nel panico. Rifiutavo anche solo l’idea di avere un figlio, non volevo, proprio adesso. Luis non capiva, perché invece gli sembrava naturale averlo, non vedeva i problemi che vedevo io. Avevo paura di tornare indietro di anni, di essere abbandonata di nuovo, di dovermi sacrificare ancora, di perdere il mio lavoro. Come avremmo fatto dopo? Ne abbiamo parlato una notte intera senza arrivare a comprenderci. Il giorno dopo ho preso la mia decisione e sono andata ad informarmi per l’aborto. Vedendomi sconvolta, l’assistente sociale mi ha chiesto il perché e gliel’ho dissi.
Così sono venuta a sapere che non avrei perso il mio lavoro, perché avendo un contratto regolare non potevo essere licenziata per la gravidanza e che potevo rivolgermi al Segretariato Sociale per la Vita, un’associazione che aiuta mamme in difficoltà come me. Sono tornata a casa pensierosa e non più così convinta di quello che volevo fare. Luis ha capito subito che qualcosa era cambiato e, vedendo lui così dispiaciuto, ho deciso di andare al Segretariato. In un lungo colloquio con un’operatrice, ho saputo che avrei potuto contare sul Progetto Gemma, un aiuto economico per il bambino per 18 mesi, ma anche di aiuti dello Stato da richiedere dopo la nascita ed altro ancora. Ricordo il bene che mi ha fatto parlare con qualcuno che capiva le mie paure.
Sono uscita di lì che avevo voltato pagina, pronta ad affrontare una nuova maternità. Daniel adesso è nato, ci ha portato gioia, amore, con la sua presenza ci ha fatto crescere come famiglia.


Condividi su: