acquaesapone Attualità
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Romolo + Giuly: 1 milione di visualizzazioni

Roma Sud vs Roma Nord nell'episodio pilota che racconta la storia d’amore tra una Giulietta e un Romeo… romani! E presto sapremo come va a finire!

Gio 26 Gen 2017 | di Angela Iantosca | Attualità
Foto di 4

«Stiamo lavorando per darvi un succoso séguito», mi tranquillizza così Alessandro D’Ambrosi, in arte Romolo, ma prima ancora tra i creatori di “Romolo + Giuly” che (presto?) potrebbe diventare una serie tv o un film o, perché no, entrambe le cose. «Abbiamo girato un episodio pilota che abbiamo presentato al Roma Web Fest, una vetrina grazie alla quale in 6 giorni abbiamo registrato oltre un milione di visualizzazioni. Eppure ho capito che “Romolo + Giuly” stava diventando un virale quando, di ritorno a Roma da un lavoro, un “pischello” per strada mi ha urlato: “Ma che sei Romolo? Daje Roma Sud zi’!”».

Veniamo alle cose importanti: Roma o Lazio?
«Ti dirò Roma… per motivi di 'adesione professionale' al personaggio! Ma ti confido che in realtà, pur non essendo un gran tifoso, nasco juventino». 

Dove sei cresciuto? 
«Nasco a Mostacciano, dove c’è una veracità forte, poi ho vissuto a Casal Palocco e all’Eur, che è una Roma Nord all’interno del Sud, ed è lì che ho studiato. Per dieci anni sono stato a Trastevere ed ora Piramide: sono fedelissimo al Sud, non saprei ambientarmi al Nord!».

Differenze?
«Roma è una città frammentata in tanti piccoli quartieri-stato, ognuno con i suoi idoli, usi e costumi, bar, modi di dire e anche tipi di macchine diverse. E proprio su queste differenze si svilupperà la serie: sarà un “Game of Thrones”, cosmogonia romana di dèi e popoli». 

Un cosmo che vivrà dei conflitti.
«All’inizio della storia intuiamo che c’è una faida in atto per salire al seggio capitolino e che Roma Nord ha avuto più influenza nelle sorti politiche della città, nel seguito le tribù del Sud si uniranno e chissà cosa succederà. Sarà anche un po’ “Gangs of Rome” e un po’ “I guerrieri della Notte”, tutto condito in stile parodico e con tanti riferimenti al mondo classico».

Di chi è stata l’idea della serie?
«Mia, di Giulio Carrieri (sceneggiatore) e Michele Bertini Malgarini (regista): da tempo avevamo l’dea di calare un grande classico in questa dualità, Roma Nord-Roma Sud. Dopo aver scartato l’Iliade e l’Odissea, abbiamo pensato a Shakespeare!».

A “scatenarvi” una storia d’amore vera.
«Giulio ci parlò di due suoi conoscenti: uno di Roma Nord e uno di Roma Sud e di tutte le difficoltà dovute alla distanza. Roma è complicata: abitando all’Eur, se ti metti con una di Vigna Clara, devi fare un carnet della Ryanair!».                                                  

 

LUI È DI ROMA SUD

Alessandro D'Ambrosi in tv è ne “I Cesaroni”, in “Distretto di Polizia” e in “Un medico in famiglia”. Al cinema è ne “L'ultima estate” di E. Giorgi. Regista, sceneggiatore, attore, con la socia S. De Santis ha presentato al Rome Independent Film Festival il corto “Buffet”. Con lei sta scrivendo il primo lungometraggio.
 



Roma Sud o Roma Nord?
«Ho vissuto a Roma Sud per 11 anni. Oggi vivo a Roma Nord, ma porto nel cuore Roma Sud».

Roma o Lazio?
«Tifo Roma, ma quando vivevo a Roma Sud ero della Lazio. Mi sono dovuta convertire quando mi sono trasferita, perché tutti gli amici che frequentavo erano della Roma… Anche mio marito è romanista!».

Liceo?
«Ho studiato al Mamiani, a Prati».

Il panino migliore: Alì o Corso Francia?
«La verità? Non l'ho mai mangiato da loro!». 

Diversità?
«Ho vissuto ad Appio Claudio e vivo alla Balduina: conosco gli estremi di questa città. E le differenze ci sono, ma bisogna scherzarci su!».

Differenze linguistiche? 
«A Roma Nord il romano è più soft. Anche se ovunque ci sono modi di dire di una grevità incredibile e c'è un finto snobismo nei confronti del romanaccio. A Roma Sud si parla come si mangia…».

Cosa ti ha colpito di Romolo?
«Il biondo naturale!».

Come sei arrivata a interpretare Giuly? 
«è stato Alessandro D’Ambrosi (Romolo – ndr) a chiamarmi per questo ruolo. Ho accettato perché mi è piaciuto il progetto e perché ogni attrice sogna di interpretare Giulietta, anche in chiave comica, come in questo caso!». 

Il loro è un amore tragico, ma che non si ferma davanti all'ostacolo della “distanza”.
«L'amore, se è vero, ti fa superare ogni ostacolo, anche la distanza tra Roma Nord e Roma Sud, il Raccordo e la Curva Sud dell'Olimpico, che è la cosa più a Nord che abbia mai raggiunto Romolo!»

LEI È DI ROMA NORD

Michelle Carpente la vediamo al cinema in “Scusa ma ti chiamo amore” e in “Scusa ma ti voglio sposare” di Moccia; ne “L'ultima estate” di E. Giorgi. In tv è in “Caccia al Re – La narcotici”, ne “Il peccato e la vergogna 2”. In primavera è in “L'onore e il rispetto 5”. Da fine gennaio è nella terza stagione di “Alex&Co.” su Disney Channel.

 



“ROMOLO + GIULY”

“Romolo + Giuly”, vincitore del premio Movieland al Roma Web Fest 2016, festival dedicato al mondo dei contenuti digitali dove è stata presentato, è prodotto da Zerosix Productions. L'opera, in chiave comica, ambienta l'amore di Giulietta e Romeo a Roma, tra divisioni territoriali, differenze di costume e stili di vita! Nel cast Alessandro D’Ambrosi, Michelle Carpente, Federico Pacifici, Massimo Ciavarro, David Pietroni, Matteo Nicoletta, Niccolò Senni (Per vederlo www.facebook.com/romologiuly). 


Condividi su:
Galleria Immagini