acquaesapone Attualità
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Studiare low cost?

Vivere a Roma o a Milano da studente costa 800 euro al mese, il doppio rispetto ad altre città europee. Lisbona, Varsavia e Budapest le mete più gettonate

Mer 27 Set 2017 | di Barbara Savodini | Attualità
Foto di 5

C’è chi spera nella borsa di studio, chi ha lavorato tutta l’estate per accantonare qualche risparmio, chi ha trovato un impiego da svolgere il fine settimana e chi ha la fortuna di poter contare sui propri genitori, ma per tutti gli studenti fuori sede tornare all’università sarà un salasso. Quello in corso, tra test d’ingresso e la ricerca matta e disperatissima di una stanzetta a basso prezzo da condividere, è per eccellenza il mese più impegnativo dell’anno, tanto per le matricole quanto per i veterani.  A mettere nero su bianco, con tanto di classifica, il costo della vita nelle città dove hanno sede le facoltà più prestigiose è Uniplaces, il famoso portale di prenotazioni dedicato a chi, per motivi di studio, cerca un alloggio nelle principali città universitarie europee. La spesa comprensiva di vitto, alloggio e trasporti pubblici quest’anno si aggira attorno agli 800 euro al mese a Roma e Milano, le due metropoli italiane più gettonate per le facoltà sia scientifiche che umanistiche. 

A questi costi si devono poi naturalmente sommare quelli dei libri, del materiale didattico e della retta che, come noto, varia in base al reddito. E se si pensa che ci sono regioni come la Basilicata, la Valle D’Aosta il Molise in cui la percentuale di studenti che si iscrive a poli universitari fuori sede si aggira attorno al 70%, a non dormire sonni tranquilli in questi giorni sono un bel po’ di giovani. 

 
ALL’ESTERO BUONE UNIVERSITÀ E COSTI DI VITA DIMEZZATI
Costruirsi un futuro, a conti fatti, è una faccenda sempre più complicata in Italia, dove, anche per questi motivi, sta cominciando a fare la sua timida comparsa un fenomeno che rischia di dilatarsi a dismisura. Non si parla più soltanto di fuga di cervelli, infatti, ma addirittura di migrazione di studenti che, dopo aver frequentato stage e corsi di inserimento lavorativo all’estero, rischiano di non fare mai più rientro in Italia. Nel Bel Paese, insomma, ci saranno anche ottime università, ma vivere e studiare in cittadine che offrono possibilità altrettanto allettanti può costare anche meno della metà e allora, si stanno domandando sempre più giovani, perché non provare? 
 
UNGHERIA, POLONIA E PORTOGALLO I PAESI PIÙ VANTAGGIOSI
Secondo Uniplaces vitto, alloggio e abbonamento dei trasporti pubblici a Budapest costano appena 360 euro al mese. Si sale a 403 euro a Praga, a 409 euro a Porto e a 425 euro a Varsavia dove ha sede una delle facoltà di economia considerate tra le migliori al mondo. Con appena 502 euro si può invece vivere e studiare senza rinunce a Lisbona, dove, con tre rinomate università pubbliche, la scelta è piuttosto ampia. Oltre che a Barcellona (640 euro) e a Madrid (658), si spende meno rispetto all’Italia persino a Berlino (656), dove si deve sopportare un po’ il freddo, ma strutture di ultimissima generazione, corsi di studio, centri sperimentali e biblioteche all’avanguardia stanno attirando una quantità enorme di studenti. Città veramente proibitive, anche di più rispetto a quelle italiane, sono soltanto Londra (oltre mille euro), Parigi e Monaco, dove è pur vero però che, subito dopo il corso di studi, l’inserimento lavorativo è una passeggiata.      




LA SVOLTA PER GLI ERASMUS 

LUniplaces è una piattaforma di affitti online che aiuta gli studenti a trovare un alloggio per periodi medio-lunghi. Il portale offre diverse tipologie di affitto, da stanze in appartamenti condivisi a case private, e tutte le soluzioni offerte vengono verificate da un membro dello staff. La startup, fondata a Lisbona nel 2012 da tre neolaureati, Miguel Amaro, Ben Grech e Mariano Kostelec, ha velocemente creato una efficiente rete globale e realizzato, nell’arco di pochi anni, enormi fatturati, ottenendo così la fiducia di importanti investitori. Ad oggi non c’è studente intenzionato a partire in Erasmus che non consulti Uniplaces.com.




ROMA E MILANO QUANTO CI COSTATE?

Un alloggio, da dividere con altri studenti, costa una media di 484 euro a Milano e 475 euro a Roma, dove però, tra metro sempre in panne e traffico, sistemarsi lontano dall’università può essere un bel problema. Si equivalgono i costi del vitto, 300 euro per entrambe le metropoli, mentre differiscono quelli relativi al trasporto: 22 euro nella città meneghina rispetto ai 32 euro della Capitale, dove però l'efficienza è di gran lunga inferiore. Sommando le varie voci si arriva a costi mensili di vita pressoché identici: 806 euro a Milano e 807 euro a Roma. 

 


Condividi su:
Galleria Immagini