acquaesapone Italia Solidale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

La cultura corrente, la famiglia e il Natale

In mezzo al materialismo dilagante, il Padre ci manda Gesù Bambino, perché ogni bimbo e ogni persona con l’Amore possa tornare alla sua dignità e libertà nell’amore

Gio 30 Nov 2017 | di Padre Angelo Benolli | Italia Solidale
Foto di 2

Oggi che cultura o che esperienza di vita esiste? Si può pensare di permanere nella gioia, nell’amore e nella pace quando la moltitudine delle energie personali e quindi interpersonali nemmeno si riconoscono e quindi sono sempre ridotte, ricche di menzogna e di disordine in tutto ciò che riguarda il loro vero contenuto e connessione nella vita? La vita personale ingannata è sempre una violenza prima contro di sé, poi contro le forze di Dio che la sorreggono e quindi sempre contro le relazioni con gli altri. Per essere sani e vivi è necessario tornare ad essere persone ricche di vita come natura e Dio vogliono. 

Nella confusione attuale, pertanto, quali famiglie si potranno formare? È da troppo tempo che vi è un deleterio, inconscio e permanente disturbo delle energie personali e quindi familiari. Tali disturbi poi si trasmettono di generazione in generazione e diventano “cultura esistenziale di vita” per cui milioni e milioni di persone credono che per vivere basti il corpo, la bellezza, lo sport, il denaro, il potere e quant’altro di materialistico, tecnico e razionale possa esistere. Tutte queste persone, anche se non coscienti, in pratica si mettono in esperienze e dimensioni parziali che sempre disturbano e sconvolgono le loro meravigliose energie personali. Di conseguenza, si logorano continuamente e stanno male. In questo modo, non possono che andare costantemente in ricerca di energie deleterie o droghe assurde, ma non sono mai soddisfatte e non possono mai permanere nella gioia e nell’amore autentici. 

Nessun disordine, nessuna materia o nessuna cultura ridotta e materialistica può soddisfare la dignità personale che è naturalmente forte e ben superiore alla materia. Tutta la cultura superficiale e materialistica è un grave disordine di vita personale e quindi relazionale. Essa, in proporzione alla sua densità, distrugge l’energia personale che proviene dalla forza epigenica e solo nello scambio e rispetto dello scambio con essa cresce ed arriva poi all’amore. La forza epigenica, che è “oltre i geni”, nasce solo dall’alleanza tra Dio e l’anima. Anima (o persona) che trova la sua pienezza solo nelle forze di Dio e solo con tutte queste forze vivifica poi il sesso fino a portarlo all’amore; e quindi irrobustisce il corpo, la mente e la volontà fino ad un’autentica libertà e creatività di lavoro svolto con amore e servizio. Come può chi cerca soldi, sesso e successo, avere poi un’anima e uno spirito vero e quindi capace di amare? Oggi purtroppo la gioventù dei Paesi occidentali – come quella americana - o di quelli dal capitalismo nascente (come la gioventù cinese) cercano le tre “S”: Soldi, Sesso, Successo. Tutto questo è frutto di una cultura materialistica, comunista o capitalistica, che ha prodotto le tante violenze legalistiche, strutturali ed esistenziali che tutti viviamo e in cui siamo immersi. Credo che sia il tempo di riscattarsi da tanta menzogna e da tanta violenza materialistica.

Tanto materialismo, che ha prodotto tanto comunismo, e oggi, ancor peggio, tanto capitalismo, ha però le sue origini in una cultura scientifica derivata da persone immature e quindi sempre senza fondamenti ontologicamente antropologici e religiosi. Ci si è impegnati per secoli a costruire un mondo basato sulle scienze e quindi sulle filosofie e sulle organizzazioni legali e politico-materialistiche, credendo di costruire un mondo umano, ricco di libertà, democrazia e pace, senza Dio e senza la pienezza dell’anima. Tutto questo ha prodotto le guerre che oggi conosciamo; l’avanzare dei disagi psichici e il disorientamento culturale, sociale, politico, personale e familiare che oggi abbiamo. Il peggio poi è che la maggior parte della gente inquinata, ingannata, colpita da tanta menzogna e violenza della vita, fino alle più atroci malattie dello spirito e del corpo, ancora non reagisce, non cerca un giusto cammino di verità, di libertà e di forza di vivere. Molti si chiudono, si adattano, si integrano in tanta menzogna e in così grande violenza, si ammalano e muoiono. Moltissimi non possono neanche più reagire. A tanta povertà di vita riduce la menzogna, integrazione, falsità e superbia materialistica! Come uscirne? 

Noi di “Italia Solidale – Mondo Solidale” arriviamo ormai a più di due milioni di persone in tutti i continenti, che hanno già trovato la propria vita, la vita della propria famiglia; hanno formato migliaia di comunità e salvato migliaia di bambini in tutto il mondo. Tutti ricevono l’aiuto dei contenuti della nuova antropologia espressa in 10 libri e innumerevoli documenti che ho scritto per le persone autentiche che vogliono vivere ed uscire dalle falsità del mondo di oggi. Partecipa anche tu. Chiama Italia Solidale al 06.68.77.999 o scrivi a info@italiasolidale.org.  

 

Siamo nel dicembre del 2017 e vi è il Santo Natale. Natale ormai molto falsificato con Babbo Natale o riunioni familiari senza autentiche relazioni. Ma ogni persona nasce dalla Creazione del Padre, nasce dall’Amore e permane nell’Amore per i primi 30 giorni dal concepimento, dove c’è solo Dio e la persona, senza nessun DNA del padre e della madre. Quando poi si incontra con la madre e ogni altra persona, il bambino incontra tutto il non amore degli uomini, soffre, si chiude, rigetta e s’ammala spiritualmente e anche fisicamente. Per tutti questi bambini e falsità d’amore, allora il nostro Padre Creatore ci manda Gesù Bambino, vero “secondo Natale” perché ogni bambino e ogni persona con l’Amore possa tornare alla sua dignità e libertà nell’amore.

Per questo Gesù ci dice che ogni cura di vita data alle necessità di un bambino è come se l’avessimo data a Lui. Gesù Bambino viene specialmente per mantenere in vita i bambini, per questo dice: “Piuttosto che far del male ad un bambino, sarebbe meglio attaccarsi una pietra al collo e gettarsi nel mare”. 

Il Natale di Gesù è per il nostro secondo Natale in Dio, nell’Amore e nell’esperienza del proprio ed altrui vero Natale. 

Aiutiamoci come Gesù, perché ognuno sperimenti sempre e solo il suo vero Natale. Leggete i miei libri, impegniamoci insieme per fare veramente rinascere l’“Italia Solidale – Mondo Solidale”. Che Dio vi benedica!


Condividi su: