acquaesapone Mondo
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Il business dei sogni

Orlando: il parco divertimenti più grande del mondo

Sab 01 Mag 2010 | di Stefano Cortelletti | Mondo
Foto di 9

Si dice che sognare non costa nulla. Il costo del sogno non sta tanto nel farlo, quanto nel cercare di realizzarlo. E l'industria del “sogno” fa guadagnare e lavorare migliaia di persone.

Walt Disney World, il più grande parco giochi del mondo, ha fatto la fortuna di Orlando, città anonima della Florida che si sarebbe persa nella carta geografica degli Stati Uniti d'America se non fosse stato per il signor Walt Disney, il papà di Mickey Mouse, che proprio ad Orlando comprò centinaia di ettari di terra a due soldi e li trasformò, a partire dal 1971, nella “fabbrica del divertimento” per antonomasia. E così, da capitale del nulla, Orlando è diventata capitale mondiale dello svago, complice anche la vicinanza con Miami ed un clima sempre mite tutto l’anno. Sognare costa 75 dollari al giorno solo per entrare in uno dei parchi del Walt Disney World Resort. Non ce n'è solo uno, ma ben 4: il più famoso è il Magic Kingdom, il regno magico, lì dove lo spettatore è completamente immerso nel mondo delle fiabe. La parola d'ordine, dicevamo, è imparare a sognare. Il sorriso non abbandona mai il volto di chiunque viva una giornata immerso nel regno di Disney, protagonista della propria fantasia. Si potrà sorvolare la Londra di Peter Pan con delle navicelle, diventare protagonista di un'avventura di Huckelberry Finn dopo aver attraversato il fiume Mississippi a bordo di un battello a vapore, esplorare l'isola dei “Pirati dei caraibi”, vivere nel mondo di Aladdin. E poi c'è "Fantasyland” dedicato ai cuori giovani e a tutti quelli che credono che esprimendo un desiderio a una stella i suoi sogni diventeranno realtà.

Un grande castello campeggia al centro del parco: è il castello che tutti noi siamo stati abituati a vedere nei libri di favole, o nei cartoni animati di Cenerentola. Ogni ora c'è la “parata”: sfilano i carri con a bordo i personaggi cult di Disney, Biancaneve ed i sette nani, la bella e la bestia, la carica dei 101, tutta Paperopoli. Chi ha visitato il Disneyland in Francia ha potuto assistere ad un clone dell'originale americano. Potrà essere altrettanto bello, ma non superarlo. Però la fantasia ha un costo. Oltre ai 75 dollari per entrare nel Magik Kingdom, bisogna mettere in conto il costo del parcheggio, un pranzo e una cena, qualche immancabile souvenir. Spesso, anche sognare è roba da ricchi. Soprattutto, sognare fa guadagnare. Il turismo a Orlando ha generato una spesa di 31,1 miliardi di dollari nel 2007 e dà lavoro a 236.556 persone, che accolgono ogni anno 17 milioni di visitatori. È stato calcolato che ci vorrebbero circa 67 giorni da otto ore per visitare tutti i luoghi fantastici, e quasi cinque anni per provare i 5.300 ristoranti di Orlando, mangiando in tre diversi ogni giorno. Se dovessimo lavare e far asciugare un carico di bucato ogni giorno per i prossimi 44 anni, laveremmo tanto quanto il personale addetto alla lavanderia del Walt Disney World Resort fa in un solo giorno. Ci sono più di 24.000 stanze di hotel, che comprendono alloggi nelle 5 proprietà Disney Vacation Club oltre a 784 campeggi. Se volessimo soggiornare nelle camere per ospiti di tutti gli hotel e resort attualmente aperti del Walt Disney World Resort (una notte in ognuno), ci vorrebbero più di 72 anni.

Nel Magic Kingdom si trovano due delle più alte “montagne” della Florida: Big Thunder Mountain e Space Mountain. Quando l'uomo supera anche la natura. Orlando non sarebbe nulla senza Disney. Noi non saremmo nulla senza la fantasia. Di conseguenza, siamo tutti marionette di quell'industria americana del sogno, pronti a sborsare fior di euro per vivere esperienze magiche. Parlando razionalmente, il business ha messo le mani sul nostro inconscio, una gigantesca macchina d'affari che tocca un lato oscuro della nostra mente, la fantasia. Facendo parlare il cuore, invece, val bene qualche centinaio di dollari tagliare i ponti col mondo reale e credere che i nostri sogni possano essere realizzabili.

 

 

COME RAGGIUNGERE ORLANDO
Per arrivare ad Orlando in Florida non ci sono voli diretti dall'Italia. Ci vorrà una giornata solo di viaggio, prenotando il biglietto su internet www.expedia.it è tra i migliori) o in agenzia di viaggi. Il costo oscilla, a seconda della stagione, tra i 400 ed i 900 euro a persona. Una volta arrivati, si può noleggiare un'automobile per gli spostamenti (circa 30 euro al giorno). Solo per visitare i 4 parchi del Walt Disney World resort ci vogliono 4 giorni, per un totale di 300 dollari a testa (220 euro). 6 dollari di sconto se si acquistano i quattro biglietti insieme (dov'è la convenienza?). Gli hotel sono abbastanza economici: per risparmiare qualcosa si dovrà alloggiare nei dintorni di Orlando: una stanza doppia costa una cinquantina di dollari al giorno. 
Con un po' di impegno, Orlando è una meta economicamente fattibile. Di sicuro meno cara di una settimana in Sardegna viaggio escluso.  


Condividi su:
Galleria Immagini