acquaesapone Bella Italia
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Sardegna da sogno

Prima di andare all’estero bisognerebbe conoscerla tutta perché il mare più bello del mondo forse è proprio qui

Gio 29 Lug 2010 | Bella Italia
Foto di 19

CALA MARIOLU: FOCHE MONACHE LADRE
Il nome di questa baia, Mariolu, deriverebbe da un’antica leggenda secondo cui un misterioso ladro “Mariolu” avrebbe derubato il pesce ai pescatori che si rifugiavano nell’insenatura per riparare le loro barche dalle mareggiate. In realtà i ladri non erano altri che le foche monache che popolavano quel tratto di mare.

 

CAPOCACCIA: L’ISOLA DI NETTUNO
Capo Caccia è noto per la presenza di molte grotte marine. La più nota delle quali porta il nome di Nettuno, mentre sott’acqua si trova la famosissima Grotta di Nereo, considerata la più vasta grotta marina sommersa di tutto il Mediterraneo, frequentatissima dai subacquei.

 

LA MADDALENA
In gallurese “A Madalèna”, in sardo “Sa Madalèna”, è un comune della provincia di Olbia-Tempio ed è costituito dall'arcipelago di sette isole principali: La Maddalena, Caprera, Santo Stefano, Spargi, Budelli, Santa Maria e Razzoli e altri isolotti minori.

 

SOLO IN BARCA
La costa a picco con grotte a Cala Luna è raggiungibile solo in barca da Cala Gonone, Dorgali, in provincia di Olbia.

 

A SANTA TERESA DI GALLURA
Rena Bianca, lunga circa 300 metri, è formata da sabbia finissima, che in alcuni tratti assume un colore rosa per la presenza di minuscoli frammenti di rocce e di corallo.

 


 

CITAZIONI:

«Questa terra non assomiglia ad alcun altro luogo.
La Sardegna è un’altra cosa: incantevole spazio intorno e distanza da viaggiare, nulla
di finito, nulla di definitivo.
È come la libertà stessa».

(David Herbert Lawrence, da Mare e Sardegna, 1921)

 

«La vita in Sardegna è forse
la migliore che un uomo possa augurarsi: ventiquattromila
chilometri di foreste, di
campagne, di coste immerse
in un mare miracoloso
dovrebbero coincidere con quello che io consiglierei al buon Dio di regalarci come Paradiso».

(Fabrizio De André, 1996)

 


Condividi su:
Galleria Immagini