acquaesapone Londra
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Gli Inglesi oggi

Stereotipi, identità nazionale e amore per la Monarchia

Gio 29 Lug 2010 | di Serena Marchionni | Londra

Secondo un recente articolo del quotidiano The Indipendent anche gli inglesi lamentano, come noi italiani, un certo calo del patriottismo nazionale. Dice lo scrittore Richard Hoggart: «A volte non so se sono inglese, britannico o tutti e due. Non mi meraviglio che gli stranieri siano spesso confusi sulle varie nomenclature». E la confusione interessa anche la madrepatria: «Occorre un po’ di chiarezza laddove, con l’evoluzione della società sempre più multietnica e la globalizzazione mondiale, si perdono persino le proprie origini».

La Gran Bretagna comprende l’Inghilterra, la Scozia e il Galles, e con l’Irlanda del Nord compone il Regno Unito. Questa unione, da sempre, ha scatenato dibattiti e litigi tra chi vuole e non vuole essere riunito sotto la corona inglese. Un po’ come da noi in Italia tra Nord e Sud, anche in Gran Bretagna esistono forme di razzismo o competizione tra inglesi, scozzesi, gallesi e irlandesi. Insomma, tutto il mondo è paese, ma ci sono comunque alcune caratteristiche e attività che accomunano gli abitanti di questo grande paese

LE TIPICHE ATTIVITÀ INGLESI
Secondo un recente sondaggio del Dailymail, pubblicato durante i mondiali di calcio, gli inglesi si riconoscono più o meno tutti nelle seguenti attività: bere con gli amici una birra al pub, preparare il tradizionale barbecue della domenica, parlare del tempo e del clima in genere, sorseggiare una bella tazza di tè per rilassarsi, ostentare il proprio “stiff upper lip” cioè saper comunque stringere i denti davanti alle difficoltà, gioire e coltivare il famoso “humour”, interessarsi di sport, fare del gossip tra amici, rispettare la Corona, essere educati, mettersi in fila silenziosamente e infine abbronzarsi tutto l’anno. Abbronzatura a parte, è proprio così che gli inglesi si vedono accomunati sotto un’unica bandiera, attraverso le piccole cose di ogni giorno come il rito del tè o la birra al pub con gli amici. In fondo non sono anche queste le caratteristiche di un’identità nazionale?

I LUOGHI COMUNI
Gli studenti di una scuola del Kent hanno chiesto ad alcuni stranieri, presi a campione in diverse città: “Quali sono le prime cose che ti vengono in mente se pensi agli inglesi?”. Tra le risposte più comuni e buffe ci sono: “Pesce fritto e patatine", “un uomo con una bombetta che legge il Times e che stringe un ombrello nero e chiuso”. Alla domanda “Cosa ti viene in mente quando pensi all’aggettivo ‘inglese’?”, hanno risposto: “Birra, onestà, cani, famiglia reale e cattivo tempo”. Alla domanda “Cosa è tipicamente inglese?” gli intervistati hanno risposto: “La colazione con uova e bacon” e “La Gran Bretagna è il paese della birra, del football e della pioggia”.

IL CARNEVALE PIÙ GRANDE D’EUROPA? A LONDRA, IN AGOSTO
Dal 29 al 30 agosto il quartiere londinese di Notting Hill diventa sede dello street festival più colorato e coinvolgente del vecchio continente. Una tradizione nata nel 1964 dalla West Indian Community.

TITANIC, MORIRE CON EDUCAZIONE
Fece scalpore qualche tempo fa un articolo della BBC che riportava i dati di un’inchiesta americana condotta sui passeggeri del Titanic che affondò nel 1912. Secondo il Dottor Savage dell’Università del Queensland, la maggior parte dei morti sarebbe stata inglese. Dalle interviste ai testimoni subito dopo il disastro emerse, infatti, che i britannici erano stati tra i primi a cedere il salvagente alle donne e ai bambini, mentre gli altri, più individualisti, sarebbero corsi a mettersi al riparo senza guardarsi troppo intorno. Inoltre, sempre secondo le testimonianze, alcuni tra i gentlemen inglesi, educati ed eleganti, dopo aver ceduto ciambella e posto in scialuppa sarebbero scesi nuovamente nelle sale da ballo per fumare un sigaro, perché all’idea di morire, per lo meno si doveva rispondere con stile. Tutto ciò costituisce un’ulteriore prova della vera “politeness”, cioè le buone maniere inglesi.

LA REGINA, AMATA E INTOCCABILE
Nonostante la società che cambia, il progresso, la crisi economica, tutte le vicende travagliate, gli scandali e i divorzi, la Corona rimane il primo amore degli inglesi, che hanno dichiarato sempre di non poterne fare a meno. La Regina rimane un vero e proprio pilastro, simbolico e tradizionale, a guardia dell’antica civiltà british con tutti i suoi usi e costumi. Non importa se ormai Elisabetta decide poco o niente, tutto quello che riguarda lei, il figlio Carlo, nipoti e parenti costituisce un argomento di grandissima attrazione per gli inglesi amanti del pettegolezzo, che adorano leggere del nuovo cappellino dell’amata regina e scommettere su chi sarà il prossimo Re.


Condividi su: