acquaesapone Interviste Esclusive
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Hanna Montana: La sedicenne più famosa del mondo

L’adolescente americana, cantante e attrice, è sul tetto del mondo. E ora scala anche il cinema

Gio 21 Mag 2009 | di Boris Sollazzo | Interviste Esclusive
Foto di 6

Piacere, Miley. Giovanissima, sguardo ingenuo, fin troppo controllata e attenta in tutto quello che dice, costretta a trattenere la naturale spontaneità della sua età (16 anni, ma è già una pop star mondiale) di fronte a chi, spesso, le tende trappole per uno scoop in più. Piacere, Miley: si presenta col suo nome di battesimo e non col nome che l’ha resa celebre.

Con il suo look acqua e sapone e non con la parrucca bionda che usa (anzi usava, ora sono sempre di più i live in cui canta come Miley Cyrus) durante i concerti di Hannah Montana.

Già, perché questa minuta ragazzina castana, viso genuino e sorriso pulito e quella peste scatenata e (auto)ironica che spopola nella serie televisiva più seguita dai minori di 18 anni, sono la stessa persona. Una doppia identità svelata quasi subito che a lungo l’ha protetta dal pericoloso tsunami della celebrità, per volere anche del padre Billy Ray Cyrus, cantante country da 25 milioni di copie vendute in carriera, ben consapevole dei pericoli del successo. Ora ha interpretato un film - diretto da Peter Chelsom (Shall we dance?) - in cui mischia autobiografia, canzoni e storie di finzione. Interpreta se stessa, a un passo dagli Mtv Awards, ma anche dal baratro che ha inghiottito giovani donne come Britney Spears o colei che l’ha preceduta come volto Disney al femminile, Lindsay Lohan.

Il padre, a tradimento, la riporta in Tennessee, nella Nashville (città musicale per eccellenza, pensate a Robert Altman) che l’ha vista nascere e crescere. Qui ritroverà un bel cowboy, l’adorata nonna e soprattutto se stessa. Una favola con qualche passaggio a vuoto, molta musica (e la ragazza ha voce ed energia da vendere) e una vena comica che, se coltivata, potrebbe fare di lei un’eccellente attrice.

Niente parrucca bionda: oggi risponde Miley Cyrus?
«È dura essere Hannah Montana, anche se è un’immensa opportunità. Devi lavorare tutto il giorno, e solo nei ritagli di tempo riesci a incontrare gli amici. È l’altra faccia della medaglia, ma fare quello che ami e avere successo è un grande regalo».

Dev’essere un problema anche vedere il ragazzo, il modello Justin Gaston. Ancora insieme?
«Ancora insieme, per fortuna (si apre nel suo proverbiale e contagioso sorriso - ndr), ed è vero, nel nostro caso sono entrambi i lavori ad “ostacolarci”, ma con un po’ d’organizzazione e tanta buona volontà riusciamo a passare del tempo insieme. Ci facciamo lunghe chiacchierate, corriamo e camminiamo insieme, ci divertiamo, ci consigliamo. Il dialogo, l’affetto e gli interessi in comune sono il sale di un rapporto, ciò che rimane per sempre».

Nel film Hannah stacca la spina e torna a Nashville. Le viene mai questa voglia?
«Certamente, ci sono i giorni in cui mollare tutto mi sembra un’ottima scelta. In cui ho bisogno di vivere i miei sedici anni. Ma poi mi dico che questo è il prezzo da pagare per continuare a vivere il mio grande sogno. Ogni volta che ti trovi in difficoltà, devi pensare alla tua fortuna: alla famiglia che hai, alle opportunità che ti sono state date. E devi lavorare ancora di più, per essere degno e meritartele».

Cosa pensi dei media?
«I media a volte sono folli e inoltre si dimentica che, se anche viviamo sempre sotto i riflettori e siamo famosi, non siamo perfetti. Possiamo sbagliare, commettere errori. E, anche se vorremmo guardarci alle spalle e tornare sui nostri passi, non possiamo farlo e dobbiamo accettare gli sbagli fatti».

Da normale adolescente, le pesa avere papà a casa e sul lavoro?
«No, anzi. I miei genitori e i miei quattro fratelli sono stati generosi con me, mi hanno sempre seguito e aiutato. Mi pesa solo che mio fratello sappia suonare la chitarra meglio di me e che papà abbia un senso dell’umorismo molto più apprezzato del mio».

E ora?
«Presto lavorerò a “The last song”, film d’amore dark scritto da Nicholas Sparks in cui sarò la problematica Ronnie ed entro la fine dell’anno spero di poter cominciare a lavorare sul nuovo disco».

E da grande chi vorrebbe diventare?
«Ho molti modelli, ma so che vorrei sempre più camminare sulle mie gambe. E, guardando Jennifer Aniston, so che vorrei essere come lei. Eclettica, capace di cambiare ed essere credibile come donna sofisticata o ragazzaccia. Ha una classe unica».

E l’Italia le è piaciuta?
«Molto, e capisco da cosa viene il vostro culto della bellezza, penso al livello eccezionale della vostra moda. Con un paese così è facile per uno stilista trovare ispirazione!».

PROTAGONISTA
Miley Ray Cyrus è nata a Nashville (Tennessee) il 23 novembre 1992. Il padre, Billy Ray Cyrus, è un famoso cantante country. Ha due fratelli, Trace e Braison, e due sorelle, Noah e Brandi. Miley inizia a suonare la chitarra e scrive testi sin da piccola, spinta dal padre. Nel 2005 riceve il ruolo da protagonista in un nuovo progetto Disney destinato a cambiarle la vita: Hannah Montana. La serie è subito un successo e nel 2006 Miley e la famiglia si trasferiscono a Los Angeles. Nell'estate 2008 ha girato Hannah Montana: The Movie. Con il film sono usciti anche un videogame e la sua autobiografia, “La mia Strada”.


Condividi su:
Galleria Immagini