acquaesapone Londra
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

La Londra dei senzatetto

Ex barboni alla guida di tour nei bassifondi della capitale

Ven 06 Apr 2012 | di da Londra - Serena Marchionni | Londra
Foto di 3

L’inverno a Londra può essere abbastanza rigido, specialmente se si deve dormire per strada. Purtroppo, anche a causa della crisi, aumenta vertiginosamente il numero di quelli che, non avendo più una fissa dimora, finiscono col dormire sotto i ponti, nei bassifondi e persino nelle fogne di Londra.

Senzatetto in aumento del 23%
Secondo i dati rilasciati nei giorni scorsi dal Governo Inglese, il fenomeno del vagabondaggio in Gran Bretagna è aumentato del 23% nel 2011. Colpa della crisi che ha colpito soprattutto alcune aree già disagiate, dove molte persone, incapaci di poter far fronte alle spese giornaliere, sono state costrette ad abbandonare le loro abitazioni, andando a vivere nelle comunità, in macchina e nel peggiore dei casi per strada. Inoltre, anche le famiglie che chiedono aiuto alle autorità per non finire sulla strada sono in costante aumento. I parroci delle chiese che offrono ricovero per la notte ai senzatetto faticano sempre più a soddisfare la domanda di tutti coloro che hanno bisogno di aiuto.

I Sock Mob di Londra e i loro tours speciali
A Londra è sorta una comunità di volontari molto speciale che opera per aiutare i senzatetto e riabilitarli, supportandoli psicologicamente e fornendo loro gli strumenti per aspirare a condurre nuovamente una vita normale. Si tratta dei Sock Mob (letteralmente “la banda del calzino”), nome che ricorda le gesta del gruppo che inizialmente distribuiva calzini ai barboni per strada insieme a bevande e cibi caldi. Il gruppo è cresciuto negli anni e, grazie alle donazioni e al volontariato, molti barboni hanno cambiato vita, anche se, proprio grazie alla loro esperienza sulla strada, oggi possono lavorare. L’idea è geniale. Sock mob ha infatti istituito delle visite guidate a piedi che partono da vari punti strategici della città e sono condotte proprio dagli ex barboni che hanno acquisito vasta esperienza su campo.

Alla scoperta di una Londra nascosta e inusuale
Partecipare ad uno dei tour dei Sock Mob è un’esperienza assolutamente unica, anche per un Londoner, un abitante di Londra. I tour partono da luoghi celebri come London Bridge e si snodano lungo le vie, i vicoli stretti,  a volte i sotterranei che non si vedrebbero mai durante una gita turistica. Le guide, gli ex barboni, conducono il tour fornendo informazioni storiche e  soprattutto raccontando esperienze di vita. Che significa dormire di notte per strada in una città come Londra? Trovare i ripari giusti, approffittare della vicinanza dei ristoranti per il calore delle cucine e con la speranza di poter trovare degli avanzi nei cassonetti adiacenti. I senzatetto dormono pochissimo, anche perché, oltre al freddo, devono fronteggiare potenziali minacce dall’esterno: cani randagi, criminali, a volte la stessa polizia, che durante i raid notturni li fa spostare perché dormire per strada è vietato. è così che si fanno le ossa, imparando a muoversi in una Londra sconosciuta dai suoi stessi abitanti, a dormire sui gradini di una chiesa medioevale o dentro un cimitero rinascimentale, in mezzo a luoghi famosissimi che nessuno conosce in questa veste. Di solito questi tour non hanno un costo fisso, ma si può donare quel che si vuole al termine di ogni visita. I proventi vanno per il 60% alle guide e il resto viene reinvestito dai Sock Mob  per altri servizi di comune interesse del gruppo. Se passate per Londra, non perdetevi questa esperienza unica ed eccezionale.
Info: http://sockmobevents.org.uk/           


Condividi su: