acquaesapone New York
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

On the road

Come si spostano ogni giorno in america: in auto o in bus?

Ven 15 Giu 2012 | di Manuela Senatore | New York

Macchina o trasporto pubblico? Come si spostano gli americani per lavoro o per piacere? A chi visita solo New York e non il resto degli Stati Uniti, gli americani sembrano convinti utenti di mezzi pubblici. Tutte le mattine, da Manhattan a Brooklyn, dal Bronx al Queens, le innumerevoli linee della metro sono piene di pendolari diretti al lavoro. Altro mezzo popolare di trasporto sono i taxi gialli, usati quasi quanto la metro, soprattutto per gli spostamenti dentro Manhattan. Il trasporto pubblico è efficace anche sull’acqua e molti newyorchesi scelgono il battello: a quello famoso che collega Wall Street con Staten Island si sono aggiunti da poco altri mezzi di navigazione che collegano Brooklyn e Queens a Manhattan (offrendo fra l’altro un fantastico panorama). 

Sono in molti a spostarsi in bicicletta, sfrecciando lungo i ponti o infilandosi tra i camion e gli autobus giganteschi che percorrono le Avenue. L’uso della bici è incoraggiato e negli ultimi anni sono sorte decine di piste ciclabili. Il comune ha persino pensato di riciclare i pali dei parcometri, facendone strutture per il parcheggio delle bici. Molto usati sono anche gli autobus, soprattutto per attraversare la città da est a ovest, ma non sono la scelta migliore per chi ha fretta: molto meglio lo skateboard o i rollerblade. 

Nonostante l’assenza di piazze, New York sembra quasi una città europea, dove le persone s’incontrano e si scontrano a migliaia sui marciapiedi e le strisce pedonali. L’altra città simbolo degli USA, Los Angeles, funziona esattamente al contrario: i mezzi pubblici sono scarsi e poco frequentati; quasi tutti possiedono la macchina e i barboni sono gli unici che vanno a piedi.

L’aereo per le grandi distanze
Il viaggio in macchina da New York a Chicago richiede 12 ore, quello da New York a Orlando ne richiede 19. Viste le distanze che separano gli stati d’America, il mezzo più comune per muoversi da uno stato all’altro è l’aereo. Non sempre si tratta di un viaggio confortevole: chi vola regolarmente sperimenta spesso sale d’aspetto affollate e sporche, ritardi e servizio scadente. I prezzi dei voli sono diminuiti costantemente negli ultimi trentanni, mentre i voli sono aumentati, a detrimento della qualità del trasporto. Per chi ha più tempo e meno soldi da spendere, gli autobus sono una valida scelta per le lunghe distanze. Greyhound Lines è l’azienda di autobus più grande d’America: con oltre 3.700 destinazioni, arriva in ogni angolo del paese. Grazie a decine di film, i pullman grigi con il logo del levriero in corsa sono diventati il simbolo di viaggi verso il futuro e la scelta ideale per chi parte con un biglietto di sola andata. Molti americani li criticano, ma esistono anche i treni. Li gestisce l’Amtrak, un’entità semipubblica e sovvenzionata da fondi statali, che fa fatica a offrire un servizio competitivo. A parte le linee che vanno lungo il Corridoio del Nordest (tra Boston, New York City, Philadelphia, Baltimora e Washington) e poche altre eccezioni, i treni americani sono considerati meno efficienti, veloci e affidabili rispetto a quelli di altri paesi avanzati.  

A due velocità
Sul blog Economix del New York Times è da poco apparsa una classifica secondo cui in America si passerebbe meno tempo a fare il pendolare rispetto al resto del mondo sviluppato (ad esempio Italia o Giappone). In realtà, se si analizza il tempo medio di viaggio per andare al lavoro si scopre una grande differenza tra le grandi città e i piccoli centri. Ad esempio chi vive a New York City o a Washington viaggia in media 34 minuti (vicino alla media OCSE), mentre chi vive a Great Falls (Montana) ne impiega 14. La differenza dipende anche dal mezzo che si usa. Dati del Dipartimento dei Trasporti per il 2009 indicano che i trasferimenti in macchina durano in media 23 minuti, mentre quelli sui mezzi pubblici ne durano 53. Anche qui, c’è chi ne fa una ragione per continuare a guidare e chi invece si schiera per un miglioramento del trasporto pubblico.


Condividi su: