acquaesapone Italia Solidale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

La Fede è esperienza di vita

Scorgere tutti i mali e, con Dio, esprimere tutte quelle forze piene di luce e d’amore concreto necessarie per abbattere ogni negatività

Ven 28 Set 2012 | di Padre Angelo Benolli - Fondatore e Presidente di Italia Solidale | Italia Solidale

La Fede ha come centro la partecipazione a tutta la creazione di Dio Padre, a tutto l’amore redentivo del Cristo e a tutto lo spirito e verità dello Spirito Santo. Quando la Fede non s’impegna e non entra in tutta la realtà creativa, redentiva, con spirito e verità, che Fede è? Vi può essere una Fede che non s’incarna nella realtà, che non vede e non fa fuori i mali come Cristo Crocifisso? Vi può essere vera Fede se non si è capaci di far emergere in pieno la vita, come Cristo Risorto?
La Fede è esperienza di vita, non è mentale, è esistenziale, è tutta l’esperienza delle forze della vita intrise dello spirito e della verità dell’amore di Dio e degli uomini. La Fede è vita, esperienza di vita come Dio l’ha creata. Soprattutto, la Fede è la capacità di inserirsi nella vita, scorgerne tutti i mali ed impostare, con Dio, un movimento profondo ed efficace per esprimere tutte quelle forze piene di luce e d’amore concreto necessarie per abbattere ogni negatività, ogni menzogna ed ogni morte come ha fatto il Dio che si è incarnato fino alla croce per la resurrezione di ciascuno. In questo modo, infatti, il Signore ha dato la possibilità ad ogni persona che collabora con Lui, di ritrovarsi nuovamente maschio e femmina, libero da ogni disordine e debolezza, realmente risorto nella vita come Lui. Inoltre, la Fede è il permanere in tutto lo spirito e in tutta la verità della vita, sempre capaci di muoversi e rinnovarsi come lo Spirito Santo e la realtà dei fratelli esigono.
Di questa Fede tutti abbiamo estrema necessità, pena la perdita di ogni autentica radice, forza, libertà e di ogni scambio di vita. Un albero non può vivere senza radici, e la nostra radice creativa è Dio. Un albero non può avere la forza di dare frutti se è avvelenato e marcio. Noi, senza la fede, l’amore e la collaborazione con Cristo Crocifisso, non potremmo mai scrollarci di dosso il male che è in noi e attorno a noi. Un albero diventa fecondo quando, libero da ogni malattia, può scambiare con il polline pulito di altri alberi.



Salva un bambino, solo l’amore ti aiuterà a trovare te stesso, Dio e gli altri

Fare un’adozione a distanza con Italia Solidale salva la vita di un bambino e aiuta tutta la sua famiglia. Ma aiuti anche la tua persona, perché stare dalla parte dei bambini dona gioia e salute. Con 25 euro al mese fai una delle cose più importanti per la sua e la tua vita. Tel. 06.68.77.999 - www.italiasolidale.org


Condividi su: