acquaesapone Editoriale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Non le mie parole contano, ma i fatti

Mica per snobbare i VIP, ma cosa ci danno? Invece...

Dom 01 Feb 2009 | di Alberico Cecchini - pubblicato sul numero di febbraio 2009 della rivista Acqua&Sapone | Editoriale

Come direttore di una delle riviste più lette in Italia, potrei incontrare molti vip di tutto il mondo, ma mando sempre i giornalisti.
Mi interessano poco, a differenza invece di Padre Angelo Benolli: questo semplice prete in copertina (rivista Acqua&Sapone, febbraio 2009), pieno di gioia, che non ti giudica e non cerca affatto di convertirti. Perché dice “non c'è riuscito Gesù, figuriamoci se ci riesco io”. Infatti ciò che da sempre sostiene e promuove è l’indipendenza personale di ognuno.

Essendo io un po’ allergico a preti e teorie, ho constatato i fatti: bambini salvati dalla morte (di ogni religione e nel rispetto delle loro culture) e adulti disperati che ritrovano fiducia nella vita in mezzo mondo, grazie ad Italia Solidale di cui è fondatore.

Egli sa vederti veramente per come sei, soprattutto nella tua enorme potenzialità. Io sono solo uno dei 2 milioni di persone che ha tirato fuori per i capelli dalla 'non vita' (lui dice che non ha fatto nulla, ma osserva e partecipa). Con lui ho compreso cosa è la Persona e chi sono io. Perciò so con certezza che è il più grande esploratore di tutti tempi, perché si è spinto là dove nessuno era arrivato con la necessaria luce: nei meandri misteriosi dell'inconscio. Proprio lì ha scoperto la vera potenzialità della persona, le sue differenti forze, le varie connessioni fra loro e con la mente, ma anche ciò che più la blocca, la deprime, la ammala. Perciò nessuno più di lui ne sa di sessualità e di amore. 

Carola (in foto) di cui da un mese sono papà, meglio di me testimonia un altro fatto: non sarebbe mai nata senza questa nuova cultura. La gioia più grande della mia vita, a cui oggi posso accostarmi con quella qualità di padre che lei merita, la devo all'esperienza di vita di quest'uomo, che quest'anno festeggia 50 anni di sacerdozio. E che forse non sarà neanche così contento di stare in copertina (è una sorpresa), visto che talvolta non accetta gli inviti in Tv perché non vuole apparire ad ogni costo. Lui che con la sua anima buca lo schermo e la gente poi lo ricorda dopo anni. Ma a nome di molti era necessario dire: grazie Padre Angelo!


Condividi su: