acquaesapone New York
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

New York: protagonista del piccolo schermo

Aumentati i posti di lavoro legati alla tv, grazie anche agli incentivi fiscali

Lun 29 Apr 2013 | di da New York - Manuela Senatore | New York

Negli ultimi anni la Grande Mela è diventata una delle ambientazioni preferite per il piccolo schermo. Secondo uno studio del Boston Consulting Group, le produzioni televisive sono aumentate dell’82% dal 2002 al 2011. Sono venticinque le serie televisive di prima serata girate nelle cinque contee di New York, insieme a decine di trasmissioni via cavo, varietà e talk show. Gli studi di produzione si stanno preparando a un’ondata di nuove realizzazioni; quelli della Kaufman nel Queens intendono creare uno studio all’aperto entro l’estate e lo Steiner Studio a Brooklyn seguirà subito dopo. In passato la città attraeva soprattutto le produzioni cinematografiche, ma ora che l’industria televisiva è in crescita, sempre più programmi si servono del bacino di scrittori, registi e attori che sono disponibili da queste parti. A guadagnarci non sono solo le stelle delle trasmissioni: migliaia di altri lavoratori, dai carpentieri ai ristoratori, ricevono una fetta dei 7 miliardi di dollari di entrate che l’industria genera a New York. I posti di lavoro legati alla televisione sono aumentati del 76% dal 2002. Nel 2011 più di 130.000 newyorchesi hanno lavorato a una produzione televisiva o cinematografica. Secondo l’ufficio “Media and Entertainment” del Sindaco, le produzioni sono in crescita anche a causa degli incentivi fiscali offerti a livello statale. Un credito fiscale del 30% consente alle produzioni locali il rimborso di parte dei costi per accessori di scena, trucco e costruzione di set. In previsione, con il prossimo bilancio statale si vuole estendere questi benefici anche a tutte le produzioni che si trasferiscono a New York da altri stati. Questa prospettiva starebbe incoraggiando perfino il famoso “The Tonight Show” a trasferirsi da Los Angeles a New York.

 

Un’App per ogni esigenza urbana


Per i turisti e residenti che vogliono vivere New York al meglio ci sono una decina di App indispensabili. Grazie a Traffic Delays NYC si può evitare di restare bloccati negli ingorghi del traffico. L’App fornisce aggiornamenti in tempo reale su oltre 160 strade e incroci principali. Per evitare brutte sorprese a tavola, Eatify consente di sapere il voto dell’ispezione sanitaria ricevuto da qualsiasi ristorante e anche di conoscere il tipo di violazioni compiute. Mommy Nearest è un’App essenziale per i neogenitori, perché aiuta a trovare nelle vicinanze i banchi per cambiare i neonati, ristoranti dove portare i bambini, giardini con i giochi, cliniche e altro. NYC Open Spaces è l’App che aiuta a trovare gli spazi pubblici dove prendere il sole, fare una pausa dal lavoro o mangiare uno spuntino. Se non si ha tempo da perdere nei negozi, Stylr consente di esaminare migliaia di beni stando comodamente a casa. Se si trova l’oggetto desiderato, si può sapere se e dove è disponibile. Vegan Guide to NYC aiuta a trovare i migliori e più recenti ristoranti vegetariani. Per tutti i pendolari che prendono la metro, MTA Subway Times consente di sapere quando arriverà il prossimo treno. Disponibile su sette delle ventiquattro linee della metro, Subway Times consente di pianificare il proprio viaggio al minuto. Stash NYC offre una lista sempre aggiornata di eventi: si può salvare quelli preferiti in una lista personalizzata o condividerli con altri utenti tramite Facebook, Twitter e e-mail. Come dice la parola, BestParking aiuta a trovare il parcheggio più vicino al prezzo più vantaggioso. Per fare tutto questo c’è però bisogno di un gadget digitale: che fare se capita di perderlo? Basta affidarsi alle App che aiutano a ritrovare l’oggetto perduto come Find my iphone. Chi la scarica sul proprio apparecchio riesce sempre a sapere dove esso si trovi. Bisogna comunque agire subito, prima che la batteria muoia o l’apparecchio sia resettato. Questo incoraggia le persone a fare la propria ricerca da soli senza rivolgersi alla polizia.


Condividi su: