acquaesapone TV/Cinema
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

I Cesaroni siamo noi

In preparazione la terza serie e il film (forse)

Dom 08 Mar 2009 | di Angela Iantosca | TV/Cinema

Sono tornati nelle nostre case. Sono “I Cesaroni”, la famiglia più amata ed imitata d’Italia. Ironici, simpatici, genuini come solo le famiglie italiane possono essere, portano in tv la vita quotidiana condita sempre con un pizzico di buonismo. E mentre è in onda la terza serie, già al lavoro gli sceneggiatori per la quarta che si girerà – salvo impegni dell’ultima ora degli attori principali – il prossimo autunno.
La location? Sempre la Garbatella. Il quartiere romano che ha scoperto una nuova giovinezza da quando è stata scelta come “dimora” della famiglia di Canale5.
E dal vivo – lo devo ammettere – sono come in tv.
Le gag nascono spontaneamente, il senso di “famiglia” è percepibile nonostante la loro estraneità anagrafica. E l’ingrediente principale è il divertimento! Si divertono mentre girano per strada, si divertono mentre girano negli studi di Cinecittà dove sono state allestite la scuola, la casa e il bar di Cesare. Proprio qui li ho incontrati, nel loro ambiente naturale e, tra una bibita ed uno stuzzichino, non ho potuto non notare la lavagnetta che campeggia dietro il bancone con scritto Roma-Lazio 4 ad 1, merito dei fratelli Cesaroni Claudio Amendola e Antonello Fassari che, quest'anno, hanno dovuto "accettare" di girare una puntata a Formello, dove si ritira la squadra della Lazio: «Lo abbiamo dovuto fare, era giusto - spiega Amendola - visto che nella seconda serie eravamo stati ospiti del campo di Trigoria. Per fortuna abbiamo girato il lunedì e martedì quando la squadra non si allena, così abbiamo evitato di incontrarli!».

Special guest Claudio Lotito, presidente della Lazio.
«è stato incredibile - spiega Amendola -: si era talmente calato nel personaggio e nel suo ruolo di attore da "rimproverare" quelli veri se non ricordavano delle battute!».

Ma quale è il segreto del successo della fiction?
«La storia, il cast e, soprattutto, lo spirito che ci accompagna durante le riprese: ci divertiamo nel lavorare insieme, non ci rubiamo lo spazio e, se pensiamo che una battuta possa funzionare meglio se pronunciata da un altro, la cediamo immediatamente! La frase che mi dicono più spesso in giro le persone che incontro è "succede anche a casa mia"».

Quale è la tipologia del pubblico che segue la fiction?
«La serie è seguita da tutti. Ma i picchi di ascolto si registrano tra i ragazzi dai 15 ai 22 anni. Va anche molto bene nel Nord-Est, una zona che solitamente è restia alle serie tv».
Tra le novità della nuova serie (la più lunga come numero di puntate della stagione televisiva) la gravidanza di Eva. La "fidanzata" di Marco rimane incinta. Di chi? Sicuramente non di Marco, visto che a diventare nonna sarà solo la Sofia Ricci (e non Amendola).
E loro due? Attraverseranno un momento di crisi "come tutte le coppie che si amano follemente e stanno insieme da molti anni", ha spiegato la Sofia Ricci.

E il film?
«Probabile - mi dice Branciamore -, ma ancora non si conoscono i tempi di preparazione».
Walter (Ludovico Fremont), invece, non ha nessuna intenzione di vivere la vita che il padre ha già scelto per lui. E con l’entusiasmo e la simpatia che lo contraddistinguono ce la metterà tutta per trovare la sua strada.
Anche Rudi (Niccolò Centioni) e Alice (Micol Olivieri) dovranno fare i conti con una nuova realtà, quella del liceo: bullismo e nuovi amori non renderanno loro le cose facili. E, mentre Rudi scoprirà le gioie e i dolori del primo amore, un’inedita Alice prenderà coscienza della sua femminilità, in un percorso lento, faticoso e allo stesso tempo sorprendente, proprio come in ogni adolescenza che si rispetti!
A proposito di novità: arriva Matilde, la figlia che Pamela, scomparsa improvvisamente per un male incurabile, ha lasciato in affidamento a Cesare Cesaroni in cambio di una cospicua somma di eredità.
Nella terza stagione dei “I Cesaroni”, come nelle precedenti, sono molti i personaggi famosi che entreranno in scena interpretando loro stessi. Così dopo la Roma e Totti, ci sarà la Lazio con Claudio Lotito a mettere in crisi Giulio, Cesare, Ezio e Mimmo, piccola promessa del calcio. La nobiltà romana parteciperà in un episodio che vedrà protagonista la piccola Matilde: in suo onore, quindi, faranno la loro apparizione Patrizia e Giada De Blanc, il Principe Giovanelli, Ascanio Pacelli e la moglie Katia. E Marco si esibirà con lo storico gruppo musicale dei Cugini di Campagna in una nuova versione di “Anima Mia”, mentre Claudio Cecchetto, insuperabile talent scout, confermerà il suo talento e Linus ne segnerà la consacrazione nel mondo della musica presentandolo ad un grande evento dal vivo, davanti a centinaia di spettatori e in diretta televisiva.
Molte anche le partecipazioni straordinarie di attori che entrano in scena interpretando personaggi inediti che animeranno le nuove avventure dei nostri protagonisti: Francesco Pannofino, un bidello truffaldino che aiuterà Rudi ma creerà un sacco di guai a tutti quelli che avranno a che fare con lui; Rodolfo Laganà, un discografico disonesto che tenterà di truffare Marco; Alessandro Haber, scagnozzo del vero padre di Matilde deciso a portarsi via la bambina; Debora Caprioglio, bellissima cameriera veneta che farà girare la testa a Barilon; e, infine, Eleonora Giorgi, cattivissima direttrice della rivista che darà del filo da torcere ad Eva.


Condividi su: