acquaesapone Attualità
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Nemmeno i cani

Le follie del lusso e della moda non risparmiano neanche i quadrupedi

Mer 01 Ott 2008 | di Francesco Buda | Attualità
Foto di 9

Morbidissima e caldissima pelliccia ecologica con motivi dévorée a cuore, manichina e soffice colletto, arricchita da spilla a cuore in cristalli. Piumino dal tessuto iridescente con stampa metallizzata sulla schiena e maniche. Cappuccio bordato in pelo. Tessuto lana bordato in colore a contrasto, con scritta in borchiette "LOVE". Abitino a pois con bordi chiffon in colore a contrasto, collo e fondo con ruches. Gonna ingentilita da fiocchetto in tinta. Collarino tempestato di Swarovski, vernice rossa.
È la moda a quattro zampe, signora! Coccolati, griffati, vitaminizzati, cani e gatti hanno ormai linee d'abbigliamento e accessori dedicate. Max rifiniture, altro che croccantini e ciotola di plastica. Armani, Gucci, Louis Vuitton, Barbour, Fiorucci, Burberry's... A farla da padroni sono comunque case specializzate con cataloghi ricchissimi e articoli che, se non li vedi, non ci credi. In pochi anni hanno creato un vero boom. Parola d'ordine è lusso. 

Lusso per tutte le cucce
Lo sfarzo è per tutte le cucce. Dalla bigiotteria a pochi euro, a veri e propri gioielli per animali da vip. Sono i V.i.d e V.i.c., very important dog e very important cat, per dirla con Luxury Vip, linea di accessori di lusso per animali. Pendenti, collane di perle, prestigiosi salottini, ciotole in pregiata pelle ecologica borchiata, smalti per unghie, il collare diamantato, il cappellino ricamato, l'abito da gala, la cuccia climatizzata... C'è l'imbarazzo della scelta. A volte solo l'imbarazzo: e chi l'aveva mai visto il passeggino per cagnolino?
Il fenomeno è in costante crescita: dalle follie di miliardarie, come Paris Hilton per il suo Tinkerbell, l'adorato chihuaha, o popstar come Cristina Aguilera e Anastacia o la sexy diva Jessica Alba, che fanno shopping per i loro cani da Fifi & Romeo a Los Angeles, ai meno esosi accessori, ricercatissimi anche in Italia. Si va da 6-7 euro per un luccicante ciondolo, a oltre 800 euro per un divanetto in mogano e tessuto leopardato. Se vai al matrimonio chic, niente paura: con una settantina di euro a Fuffi gli fai lo smoking su misura. E vuoi negare la prestigiosa ciotola da 80 euro al cocker? E il collare tempestato di Swarovsky, a soli 375 dollari, è un amore sul dalmata. Fatto a mano in Inghilterra, assicura la casa Diamond Dogs. E per i duri, senza smancerie, Harley Davidson ha creato un'apposita linea in jeans e pelle.

E’ boom, ma chi compra queste cose?
«È un boom all'ennesima potenza, ogni anno raddoppiamo le vendite in tutto il mondo. Russi e giapponesi sono i clienti più forti, comprano di tutto ed in quantità abnormi, dai cappottini, ai collari, dai bijoux alle borse da donna porta-animali. Da noi vengono tutti i tipi di personaggi: Letterine e vallette, vip dello spettacolo, imprenditori, politici. Gente non necessariamente straricca, compra anche la fascia media. Accontentiamo tutti, il collarino può prmetterselo quasi chiunque. Naturalmente non li facciamo in pelle animale, per nostra filosofia... sarebbe poco carino» assicura ad Acqua&Sapone Jessica Stentarelli, operation manager della maison For Pets Only. Un vero impero dell'haute couture a quattro zampe, con atelier nel centro di Milano e New York e 12 rivenditori nella sola Roma, che fa impazzire Orlando Bloom con Maude, il piccolo randagio che l'attore ha adottato.  Il loro showroom milanese annovera tra gli habitué Paola Barale, Federica Fontana e Rosita Celentano.
Un mercato ghiottissimo, con clienti in continuo aumento e prodotti sempre più sofisticati e praticamente "umani". Fashion alla portata di tutti, conferma Maria Cristina Pettini, titolare a Milano di HalloDog.com, uno dei più cliccati siti italiani del settore: «Abbiamo clienti di tutti i tipi, dal 2006 ad oggi abbiamo raddoppiato le iscrizioni al sito e le vendite. Complessivamente, negli ultimi due anni sono quadruplicati i negozi su internet che vendono questi articoli, è un fenomeno che dagli Usa si sta espandendo in Italia».
Tra i comuni mortali, che un po' alla volta si stanno facendo contagiare dall'abbigliamento da cani, comunque resiste il senso pratico: «I prodotti che vanno di più sono cappottini e spolverini, a prezzi accessibili, perché proteggono gli animali da pioggia e freddo» conferma la collega Michela, che gestisce un pet shop con toletta a Roma.

Puzza sotto il naso? No, profumo per cani
Altro segmento in crescita, nello sfarzo micio-bau, è quello della bellezza. Dopo il profumo a 30 euro,  annuncia Jessica dall'atelier milanese, a dicembre arriverà la linea completa beauty, «con shampoo, balsamo conditioner e sapone per i panni (dell'animale, ndr) alla stessa profumazione». Roba degna dei capi sartoriali per le grandi occasioni. «Un abito da cerimonia va dai 60-70 ai 370 euro per la linea couture, capi personalizzati e su misura, ma solo nei negozi donna» spiega la manager di ForPetsOnly. E guai andare al gala con il pelo in disordine! Prima si passa alla Spa beauty farm per animali: un centro di bellezza «dove offriamo dal classico bagnetto, alla tolettatura di riguardo, con musica soft, candele profumate, trattamenti all'argilla, oli essenziali, trattamento unghie. Siamo già in overbooking, tutto esaurito fino a dicembre».

Umano, troppo umano
«Una cliente dell'Appia Antica (zona chic della Capitale, ndr) una volta mi ha snobbato il negozio: aveva appena comprato un collarino Cartier» racconta Michela.
«Oramai li stiamo umanizzando questi animali, qualche signora mia cliente dice che va all'atelier per cani e gatti, ma è troppo secondo me. L'impermeabilino ci può pure stare, magari per evitare l'artrosi al cane, ma il resto è una strana moda, come le magliettine estive, i gioielli, le bare, i salottini, i costumi... è come per l'abbigliamento umano, scelgono il bottone, la rifinitura, i modelli, a prezzi folli» taglia corto Michela, nel suo negozio-toletta a Roma tra i cari, vecchi croccantini e le plebee ciotole di plastica. Su certi cataloghi trovi addirittura i passeggini per cani e gatti. Sarà che c'è sempre meno posto per i bimbi. Quant'è bello da piccoli giocare con gli animali. Ora, da grandi, è più costoso. E meno bello se mancano i bambini.


Condividi su:
Galleria Immagini