acquaesapone Mondo
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Strasburgo: Dieci giorni d’amore

Strasburgo non č solo la capitale dell’Unione europea ma anche il suo cuore pulsante. E per San Valentino si trasforma in una cittą romantica

Gio 25 Gen 2018 | di Alessandra De Tommasi | Mondo
Foto di 6

L’alternativa al selfie di coppia sotto la Torre Eiffel si chiama “Strasbourg Mon Amour” ed è il festival del romanticismo più raffinato del Vecchio Continente. Strasburgo, capitale dell’Unione Europea raccontata dalle penne di Goethe e Victor Hugo, diventa infatti per dieci giorni la patria dell’amore per il sesto anno consecutivo, complici i tramonti incantati sull’acqua e le luci soffuse rifrante sulle deliziose case a graticcio.

APPUNTAMENTO CON L’AMORE
Il pittoresco borgo francese ha visto sbocciare lovestory illustri come quella di Balzac e Voltaire e ha segnato tappe decisive nella storia sentimentale di altri, Napoleone incluso. E dal 9 al 18 febbraio si conferma teatro a cielo aperto dell’amore con un programma ricco d’iniziative gratuite o a prezzo contenuto. Una favola sì, ma senza prosciugare il conto in banca (Info: www.strasbourg-monamour.eu). Il festival comprende anche appuntamenti esclusivi e tappe all’insegna del lusso, tutti basati sullo stesso punto di forza: l’effetto-sorpresa. Coniuga la passione per l’enogastronomia alla musica, l’interesse per il teatro con l’arte figurativa e la predilezione per il ballo con atmosfere suggestive. I luoghi storici della città diventano un insolito scenario d’incontri galanti, con decorazioni a tema e installazioni ad hoc. 

LE TAPPE A FORMA DI CUORE
Il centro del festival è il Cafè des amours, nel cuore della città, scenario incantevole di molti eventi, a partire dalla serata inaugurale di venerdì 9 dal titolo “Love is in the air”, seguita il 10 da un party in discoteca di tutt’altro genere (il tema è “Like a sex machine”). Chi l’ha detto, poi, che la vacanza è solo per due? Domenica 11  è il turno di “Baby boom”, una festa per i più piccoli, seguita da “Pijama Party”, con film e popcorn per tutti. Il 12 è il giorno della salsa, mentre il 13 apre per la prima volta al pubblico del festival l’incantevole piscina comunale. Il 13 si esibiscono dal vivo gruppi pop francesi alternati a musica popolare dell’Alsazia. Il culmine arriva la notte di San Valentino, con una serata all’insegna del lento, in una cornice suggestiva e nostalgica. Il divertimento continua il 15 con un ballo in maschera al Pavillon Josephine, il 16 ci si dedica al karaoke e il 17 si cena informalmente nelle osterie tipiche. Questi sono solo alcuni degli appuntamenti previsti, che includono ricercati aperitivi all’Opera House con accompagnamento musicale dell’Orchestra Filarmonica, recital, installazioni, mostre, concerti e molto altro ancora. Il lieto fine è assicurato. 



Come arrivarci

Nonostante sia sede del Parlamento Europeo, arrivare a Strasburgo dall'Italia non è affatto semplice. La città è servita dall'aeroporto internazionale di Strasbourg-Entzheim, ma non ci sono collegamenti diretti con il Belpaese. La soluzione ideale è quella di arrivare in aereo a Parigi e prendere un treno ad alta velocità (2 ore e 20 minuti di viaggio) oppure, vista la posizione della città al confine con la Germania, in aereo fino a Francoforte e poi in treno (1 ora e 40 minuti). Si può sfruttare anche l’aeroporto di Baden-Baden, 60 km da Strasburgo e servito da diverse compagnie low cost. In treno da Milano con cambio a Zurigo – da cui dista circa 120 minuti – le ore di viaggio sono poco più di 7.


Condividi su:
Galleria Immagini