acquaesapone Editoriale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Fare le cose bene non basta!

I prodotti migliori del mondo non decollano senza marketing e pubblicità

Gio 25 Ott 2018 | di Alberico Cecchini | Editoriale
Foto di 5

Ho sempre vissuto in città sognando di vivere nel verde, poi però l'ho fatto sul serio. Oggi abito su una collinetta da cui vedo solo aperta campagna e grandi alberi che ho piantato da bambino con mio padre, in quel lembo di natura che ora non potrei mai più lasciare. Non sono un fissato di queste cose, ma ora posso mangiare davvero a Km 0 con i prodotti del posto. Carne, olio, vino, verdura, pane e frutta, tutto genuino e buonissimo, prodotto proprio a Vallelata nella campagna dell’Agro Romano  in cui vivo da 9 anni, fra le strade Pontina e Nettunense.

La cosa buffa è che l’attività commerciale al dettaglio più vicina a casa mia è una piccola macelleria, dove sono entrato per la prima volta solo pochi giorni fa. Passando sempre di fretta con la macchina non avevo mai focalizzato bene quella modesta insegna lì da sempre che vedevo solo con la coda dell'occhio. Beh non solo hanno una carne fantastica, ma anche ad un prezzo molto più economico delle migliori macellerie. 

Ma la vera scoperta è stato sapere che quel giovane allevatore che alcuni anni prima aveva ben 250 mucche, ora è rimasto solo con una decina di capi a causa del fatto che i macellai a cui la vendeva avevano trovato prezzi migliori del suo. Perciò da qualche anno si è messo a produrre grani antichi con cui fa un pane straordinario e alimenta i suoi bovini. 

Chi si occupa di marketing sa bene che non sono i prodotti migliori quelli che hanno più successo sul mercato, ma sono quelli che vengono 'percepiti' come migliori. Questo fatto della percezione è un argomento molto complesso su cui si gioca il futuro delle attività o il loro fallimento. Quando dobbiamo acquistare qualcosa non abbiamo quasi mai tutte le informazioni necessarie per fare la scelta migliore. Per esempio, sono certo che ognuno di voi che sta leggendo è in grado di fare panini migliori del Mc Donald's, sia come qualità che come prezzo. Eppure nel mondo ha successo quel marchio perché ha un marketing eccellente. 

La storia del business è piena di imprenditori che hanno creato prodotti eccellenti, ma sono falliti perché si sono concentrati troppo sul fare bene il proprio lavoro, ma troppo poco sullo spiegare agli altri quello che stavano facendo. Quindi marketing e pubblicità oggi sono talmente strategici che sono diventati il primo lavoro che ogni imprenditore deve fare. E lo deve fare in prima persona, mentre tutto il resto lo può anche delegare.   

Lo sanno bene i due giovani allevatori, fratello e sorella che stiamo aiutando ad essere conosciuti, quanto possa rendere questo cambio di mentalità. Con un breve articolo che gli abbiamo realizzato  dal titolo “La carne che sa di carne” pubblicato sul settimanale locale “Il Caffè” hanno ottenuto risultati straordinari, con tanti tanti clienti in più davvero felici di aver scoperto questa realtà. 

Chi lavora bene, onestamente e fa anche cose ottime lo deve far sapere per bene, altrimenti lascia i clienti in pasto alla concorrenza, magari meno valida, ma più scaltra. Ed oggi è pieno di realtà come il mio vicino allevatore che fanno le cose per bene, ma soffrono perché ancora non si sono dedicati a farsi conoscere come si deve. Ma le persone cercano queste realtà e attendono di essere informate, non tanto con banali pubblicità, ma con indicazioni più dettagliate per capire il valore offerto.


Condividi su:
Galleria Immagini