acquaesapone Mondo
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

Praga: Merry (Czech) Christmas

Praga s’illumina per le feste e si prepara ad avvolgere i visitatori in un caldo abbraccio, tra eventi culturali imperdibili e suggestive ambientazioni storiche…

Gio 29 Nov 2018 | di Alessandra De Tommasi | Mondo
Foto di 15

Esistono luoghi presi in prestito dalle favole, scippati alle pagine dell’immaginazione per portare la magia nel nostro mondo. E Praga, tra questi, merita un posto d’onore: incastonata nel cuore della Repubblica Ceca, di cui è capitale, sprigiona un’energia rara tra le sue proverbiali cento torri e un’atmosfera incantata di vicoli che sono stati definiti patrimonio dell’UNESCO e formano il cosiddetto triangolo di Magia Bianca (con Lione e Torino, una specie di file rouge esoterico).

È vero, le feste fanno risplendere qualsiasi angolo buio, ma questa meraviglia resta un tripudio di luci e colori tutto l’anno, anche se – va ammesso – sfoggia il meglio di sé a fine anno, quando le viene dedicato un sito ad hoc (www.prague.eu/en/christmas"www.prague.eu/en/christmas). 


MERCATINI D’ALTRI TEMPI
La città vecchia si trasforma in un mercatino natalizio a cielo aperto fino al giorno dell’Epifania, dove i sapori locali si mescolano con l’artigianato tipico. Da quello principale nella piazza maggiore, fino a piazza della Repubblica, San Venceslao fino alla romanticissima Isola di Kampa e ai piedi del Castello. La tradizione delle feste si declina attraverso concerti, spettacoli teatrali, suggestive gite sul Canale del Diavolo e piste di pattinaggio all’aperto. Ma procediamo con ordine, possibilmente sgranocchiando i tipici biscotti di pan di zenzero e sorseggiando il vin santo cittadino (o la famosa birra locale). Il tutto senza spendere un patrimonio, perché Praga si conferma una meta “low cost” per chi proviene dall’euro-zone.

UN INNO GOTICO… E NON SOLO
Luci e ombre sulle torri gotiche mescolano mistero e curiosità, mentre le linee moderne intrigano quasi attirando sguardi indiscreti, come la Casa Danzante ispirata alla famosa coppia Fred Astaire e Ginger Rogers o la Casa della Madonna Nera, un gioiellino cubista che lascia a bocca aperta. Quindi chi vuole prendersi una pausa dalle feste sa dove dirigere la propria attenzione, magari con una strizzatina d’occhio agli intellettuali del posto, primo fra tutti Franz Kafka, a cui è dedicato un museo intimista, che ne ripercorre l’infanzia traumatica, racconta le donne della sua vita e mette in scena installazioni interattive sui suoi romanzi più famosi. 

LET’S CELEBRATE!
Non ci allontaniamo troppo, però, il richiamo della festa torna a riecheggiare tutto intorno a noi. La Cappella di Betlemme ospita come ogni anno una mostra dal titolo Playful Christmas, sempre aperta, che racconta i giocattoli dei bambini nei vari decenni (i più piccoli entrano gratis se alti meno di un metro, altrimenti pagano circa 1,5 euro a testa). La Torre Jindrisskà diventa la cornice ideale per i presepi in legno di Trest, con le caratteristiche riproduzioni dei villaggi locali, mentre i giardini botanici della facoltà di scienze naturale della Charles University racconta il folklore ceco, tra gnomi, elfi e angeli, con un workshop creativo per i bambini.  

5 CONCERTI IMPERDIBILI
Sembrano cori angelici discesi dal cielo invece eccoli qui, davanti a noi, per alcuni dei più emozionanti concerti natalizi.
Nell’impossibilità di elencarli tutti, ne raccomandiamo cinque: l’Advent Concert con le musiche tradizionali ceche (Teatro Nazionale, 2 dicembre), sei cantanti del Christmas Oratorio sulle note di Bach (Rudolfinum, 11 dicembre), I cantori natalizi nella Piazza della pace (il 15), la State Opera Orchestra e il coro della fisarmonica praghese dei bambini sulle note di un repertorio classico che include Mozart (17 e 18) e il Concerto di Natale della Prague Symphony Orchestra (il 19 e il 20).

COME TI ILLUMINO PRAGA
Charles Bridge brillerà con una spettacolare illuminazione natalizia fino all’antivigilia, mentre il culmine della festa arriva la notte di Capodanno con gli spettacolari fuochi d’artificio, che si possono anche ammirare a bordo delle speciali crociere di un paio d’ore dei battelli a vapore (peraltro attivi tutti i giorni dell’anno, ma con un programma più tradizionale). San Nicola si festeggia il 5 dicembre ed è lui a portare doni, invece della sua versione più pagana, Babbo Natale: per le vie di Praga ci s’imbatte in questo vecchio barbuto (si moltiplicano i costumi a lui dedicati), in onore alla tradizione per cui ai suoi tempi il vescovo aiutasse realmente i poveri e bisognosi, ma anche nei suoi strani compagni di viaggio. Un Angelo ce lo aspettiamo, ma il Diavolo? Ebbene sì, i due vanno a braccetto, perché nella tradizione locale questa incarnazione del Male mette nel sacco i bimbi cattivi e se li porta all’Inferno. Inquietante certo, ma efficace, almeno quanto i dolcini di marzapane e persino le brioche con l’effige demoniaca dotata di forcone, corna e coda, un deterrente ideale per tener lontani dai guai i più piccoli almeno per qualche giorno. E poi il 6 gennaio è il turno dei Re Magi che girano a cammello per la caratteristica processione cittadina in partenza dalla chiesa di St. Thomas. 
Praga, insomma, è a misura di bambini e famiglie, ma anche facilmente raggiungibile da chi avesse disabilità: tutte le guide specificano gli accessi ai monumenti e forniscono indicazioni utili per i vari percorsi, confermandola anche capitale di grande civiltà. 
Una destinazione da scoprire soprattutto durante le feste, che ne esaltano una bellezza naturale senza tempo.



 


Luke Skywalker tra i templari

Da anni Praga ospita una delle più grandi produzioni televisive, la serie “Knightfall” prodotta da A+E Studios con Jeremy Renner, in onda su History (canale 407 di Sky) e incentrata sulle vicende dei templari e del Sacro Graal. Si stanno svolgendo attualmente le riprese della seconda stagione con una new entry eccezionale, Mark Hamill, noto al grande pubblico come Luke Skywalker della saga di “Stars Wars”. I più fortunati lo hanno già incontrato in giro per la città…




Il trdlo, il cannolo ceco

Durante le lunghe passeggiate per la città si può assaggiare il tipico street food locale, il “trdlo”, una sorta di cannolo da gustare in versione dolce o salata, sorseggiando birra o succo di mela caldo. Ma non c’è modo migliore per concludere la giornata di una cena speciale per spezzare la routine delle trattorie del posto. Chi sente nostalgia di casa può provare il ristorante Marina (marinaristorante.cz), amatissimo dalle star. L’eleganza raggiunge il culmine, a Coda ( www.codarestaurant.cz), sofisticato locale dell’Aria Hotel Prague. 

 

 


Condividi su:
Galleria Immagini