acquaesapone Editoriale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Che cos’è l’amor?

Il problema non sono le doppie spunte

Mer 30 Gen 2019 | di Angela Iantosca | Editoriale

“Che cos’è l’amor? Tu chiedilo alla porta…”, canta Vinicio Capossela. 

Che cos’è l’amor? Mi domando io, senza cantare. 

Leggevo qualche giorno fa una frase che suona più o meno così: l’amore non ha a che fare con le emozioni, ma con lo stato dell’essere… Eh già! 

L’amore non sono sbalzi d’umore, cambi di rotta, chiavi che si fanno entrare forzosamente in una toppa, struggimenti, lacrime, discussioni, fraintendimenti, doppie spunte che non diventano mai blu e gelosie per spunte che non diventano neanche doppie.
 
Mi viene da sorridere quando sento persone che dicono: “Ci amiamo molto, litighiamo, ci riprendiamo, c’è una grande passione, lui è gelosissimo”. 
È forse questo l’amore? È questa ‘cosa’, sono le porte che sbattono, i telefoni chiusi durante la conversazione o l’amore è uno stato dell’essere, un benessere, un due che si fa uno senza schiacciare l’altro? 

L’amore è rispetto, armonia, è vedere l’altro, è comprenderlo senza bisogno di parole, accoglierlo e non respingerlo e offenderlo... 
Non credete a chi vi maltratta verbalmente e poi sostiene di amarvi… 
Lo dice anche Germont (un uomo) ne “La Traviata” di Giuseppe Verdi: “Di sprezzo degno se stesso rende/chi pur nell’ira la donna offende”.
 

Condividi su: