acquaesapone Energia
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri

La ricarica elettrica è a domicilio

Il servizio, prenotabile tramite App e Web, è già attivo a Milano e nel 2019 sarà esteso a Roma e ad altre 8 città europee

Mer 30 Gen 2019 | di Domenico Zaccaria | Energia

Ordinare a casa una pizza, del sushi e un pieno di elettricità per la propria auto. Sembra fantascienza, e invece da Milano è partita una piccola rivoluzione nel comparto della mobilità “verde”. Si chiama E-GAP ed è il primo operatore in Europa di ricarica rapida on demand, e soprattutto itinerante.

UN SERVIZIO DI EMERGENZA
Chiunque salga per la prima volta su un’auto elettrica viene assalito dal medesimo dubbio: come faccio se all’improvviso si scarica la batteria? Non a caso, l’autonomia limitata e la scarso sviluppo di una rete efficiente di colonnine di ricarica sono i principali elementi che hanno frenato il mercato italiano: con circa 10mila veicoli circolanti siamo lontani anni luce dalla maggior parte dei Paesi europei, che da tempo hanno messo in campo politiche per favorire il passaggio alla motorizzazione del futuro. E-GAP nasce proprio per rispondere a questa esigenza; ed esattamente come accade per la spesa o per la cena, ti porta a casa o in ufficio quello che ti occorre: l’energia elettrica. Un servizio d’emergenza per chi ha fatto male i conti e si ritrova in panne in mezzo a una strada; o un pieno per coloro che, alla fine della giornata di lavoro, hanno programmato una gita fuori porta. La ricarica rapida si prenota via App o via Web ed è da 25 o 50 kW a seconda del veicolo. L’assistenza è garantita entro 90 minuti e il rifornimento costa tra il 30 e il 50% in più del tradizionale servizio da colonnina. Gli ideatori del progetto hanno pensato persino ai 30 minuti di attesa per fare il pieno: a disposizione dei clienti c’è un monopattino. Ovviamente elettrico.

DA MILANO AL RESTO D’EUROPA
Negli ultimi mesi del 2018 i primi dieci van messi a punto dall’azienda italiana - veri e propri centri di ricarica mobile veloce - hanno iniziato a solcare le vie di Milano. Quest’anno il servizio sbarcherà in altre 9 metropoli, selezionate in base all’elevato tasso di crescita di veicoli elettrici: Roma, Parigi, Berlino, Londra, Stoccarda, Madrid, Amsterdam, Utrecht e Mosca. Il progetto E-GAP ha preso il via nel 2016 e ha raccolto finora 5 milioni dai 3 fondatori e da investitori che si sono appassionati all’idea; il 2019 sarà l’anno decisivo per il suo sviluppo, dal momento che è in programma un coinvolgimento di investitori istituzionali e partner industriali fino a 60 milioni di euro. Il paradosso è che in tema di mobilità verde, uno dei progetti più interessanti degli ultimi tempi è stato concepito in una delle Nazioni meno elettrificate d’Europa. L’auspicio è che si trasformi in un trampolino di lancio per lo sviluppo della rete anche nel Belpaese. 
 

Condividi su: