acquaesapone Ambiente
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Cotone, cera d’api e olio di jojoba per conservare il cibo

Sostenibilità ambientale e sociale si fondono nel progetto di due italiani residenti in California che hanno inventato Apepak

Gio 29 Ago 2019 | di Domenico Zaccaria | Ambiente
Foto di 3

Buttare via un involucro per alimenti dopo un solo uso, oppure riutilizzarlo per un anno intero. La differenza è sostanziale, se si considera che 31 chili di plastica scartati ogni anno da un cittadino europeo finiscono in mare. Ma la salvaguardia dell’ambiente passa sempre più attraverso una radicale modifica delle nostre abitudini: magari partendo dal materiale utilizzato per portare la frutta in ufficio o un panino a scuola, per conservare il pane o sigillare il piatto degli avanzi della cena. è nato così Apepak, un panno in cotone biologico certificato che si propone come valida alternativa alle pellicole in plastica usa e getta: frutto dell’idea di una coppia di italiani residente in California, è da poco sbarcato anche nel nostro Paese dopo aver riscosso un buon successo negli Stati Uniti.

MATERIALI NATURALI E MADE IN ITALY
Realizzato in cotone, cera d’api, resina di pino e olio di jojoba, il panno è antisettico, lavabile, multiuso e interamente biodegradabile e permette di conservare alimenti di qualsiasi forma e dimensione, al di fuori dei prodotti oleosi e della carne che potrebbero rovinare la cera d’api. Quest’ultima ha una funzione antisettica e conserva il cibo più a lungo: è fornita da apicoltori italiani al pari della resina e dell’olio di jojoba, che invece permettono di modellare il panno sull’alimento con il solo calore delle mani. Svolta la sua funzione, Apepak si può lavare in acqua fredda e riusare fino a 100 volte: ad ogni suo utilizzo, il panno risparmia ai nostri oceani un metro quadrato di pellicola di plastica o di involucri usa e getta.

UTILE A CASA COME AL LAVORO
Al momento sono tre i formati previsti: piccolo e medio, pensati per lo snack da lavoro o gli avanzi dei pasti, e grande per il pane. In questo progetto, oltretutto, la sostenibilità ambientale si fonde con quella sociale: Apepak è prodotto da Sonda Società Cooperativa Onlus, nella quale sono impiegate persone con problematiche psico-sociali di diversa natura che, tramite questo lavoro, hanno la possibilità di riguadagnare la propria dignità e il ruolo sociale nella comunità; per ogni acquisto, vengono remunerati 30 minuti di lavoro di un socio svantaggiato. 
Il tutto senza dimenticare la difesa del ruolo delle api da miele, che recentemente sono state inserite tra le specie protette in via d'estinzione: ogni spesa ripaga 3 giorni di lavoro di questi insetti, provenienti da apicolture a pratica sostenibile e libere da pesticidi.                                               

 


Condividi su: