acquaesapone Attualità
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Il bicchiere intelligente per ridurre la plastica monouso

Il materiale in silicone, un chip sempre connesso e il modello del vuoto a rendere sono alla base dell’idea di due ragazzi della Liguria

Gio 26 Set 2019 | di Domenico Zaccaria | Attualità
Foto di 3

Un bicchiere intelligente da utilizzare durante concerti, affollate serate nei locali e grandi eventi in alternativa alla plastica monouso, che inquina i mari e riempie le discariche. è nata proprio dalla passione per la movida di due giovani liguri la startup Pcup, il cui nome è l’acronimo di “Public Cup”. Due le principali novità del progetto: il materiale usato – il silicone - e il chip montato sul fondo che lo trasforma in un dispositivo sempre connesso. Il tutto all’interno di un modello di business, il vuoto a rendere, che rappresenta una grande opportunità e al contempo un’importante sfida.

IL SILICIO E IL CHIP SEMPRE CONNESSO
Il silicone rende il bicchiere flessibile, in linea con le normative sulla sicurezza a differenza del vetro e della plastica rigida, e lo rende adatto a eventi molto affollati. Non è un derivato del petrolio bensì del silicio, uno dei materiali più abbondanti sulla Terra, ed è pressoché indistruttibile: non si riga, non si opacizza e può essere lavato innumerevoli volte. Allo stesso tempo, un chip inserito sul fondo lo trasforma in un perfetto esempio di “Internet delle cose”: all’ingresso dell’evento il cliente riceve un bicchiere pagando una cauzione che, se sceglie di riconsegnarlo all’uscita, gli viene restituita; un’applicazione dedicata rende istantaneo il pagamento e la restituzione della cauzione e, all’occorrenza, del cocktail stesso, velocizzando le operazioni di cassa. In alternativa, si può scegliere di portare a casa il proprio Pcup e di riutilizzarlo alla prima occasione utile. «Abbiamo cercato di creare il prodotto più bello, comodo e leggero possibile – spiegano i fondatori – restituendo valore all’oggetto contro la cultura dell’usa e getta, utilizzando delle funzioni digitali per dare un senso tutto nuovo al rapporto con il bicchiere».

GLI SVILUPPI DEL PROGETTO
Fondata nel 2018, in poco più di un anno la startup si è trasformata in un’azienda che ha già venduto più di 10mila bicchieri. Il National Geographic l’ha scelta come buona pratica per la sua campagna “Planet or Plastic”, il cui testimonial Marco Mengoni ha voluto Pcup per la rassegna in cui ha lanciato il suo nuovo disco. La Federazione Italiana Rugby, insieme al Ministero per le Politiche Agricole, durante le partite del Sei Nazioni allo stadio Olimpico di Roma ha servito i tifosi con i bicchieri in silicone. Il famoso locale milanese Alcatraz già li utilizza e sono in corso trattative con stadi italiani, con player del mondo dello spettacolo dal vivo e con alcune amministrazioni comunali.

Condividi su: