acquaesapone Editoriale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Perché usiamo solo il 2% delle nostre energie?

Non possiamo comprendere con la nostra mente tutto ciò che abbiamo e tutto ciò che siamo finché non lo viviamo

Lun 30 Mar 2020 | di Alberico Cecchini - Tecnico del marketing - Editore della rivista Acqua&Sapone | Editoriale
Foto di 3

L’altro giorno facevo colazione in terrazza e mezzo addormentato sono stato colpito dall'aria pulita che c'era e dal meraviglioso silenzio della campagna in cui abito, reso ancora più pieno dal lontano cinguettìo degli uccellini primaverili. Preso dalla bontà della marmellata con limoni e zenzero, quegli uccellini in un attimo mi hanno spiegato quello che non riuscivo a capire.

Il nostro pianeta è un'organismo in cui tutto è connesso e non era più in grado di reggere all'inquinamento; pure i ghiacciai eterni dell'Antartide si stanno sciogliendo, quindi occorreva questo stop immediato a livello globale che nessuno aveva mai pensato si potesse realizzare. 

In questi tempi di emergenze lo stress è grande e per vedere meglio il tutto dalla distanza giusta bisogna che ogni tanto ci stacchiamo dal quotidiano. Con un'azienda editoriale con più di 50 persone, sono preoccupato per ognuno di loro e ogni giorno mi capitano momenti in cui mi abbatto per la situazione così difficile. Così ogni volta devo reagire e ripartire. In questo mi aiuta molto avere luce su tutto ciò che ho e che sono. 

Condivido queste riflessioni nella speranza che possa essere utile a qualcuno. Per esempio io sono profondamente incantato dalla potenza incredibile del nostro sistema immunitario. Ma ci rendiamo conto che ogni giorno grazie a questo, senza che ce ne accorgiamo, sconfiggiamo migliaia e migliaia di virus, batteri e cellule tumorali, tutti potenzialmente mortali?

è chiaro che la nostra persona vale molto di più di ciò che noi pensiamo. Il nostro corpo è una tale meraviglia di perfezione e potenza che davvero nessuna opera umana può mai eguagliarlo. Ma la nostra persona è ben di più del corpo fisico e del sistema nervoso. Pensiamo alla nostra mente, alla nostra anima, alla nostra sessualità intesa come forza di relazione: queste sono energie che hanno una potenzialità immensa e che normalmente utilizziamo solo al 2% della loro capacità. 

Se davvero abbiamo tutta questa meravigliosa potenzialità, come possiamo sfruttarla meglio?
Ritornando al sistema immunitario, come possiamo farlo funzionare meglio? Per capirlo bisogna considerare cosa lo disturba. Quando siamo stressati, oppure quando abbiamo un dispiacere o non ci sentiamo rispettati, le difese del sistema immunitario subiscono un brusco calo. 

Quando invece queste difese diventano invincibili? Quando siamo innamorati! Scientificamente è osservabile un aumento di Linfociti T che sono i guardiani del sistema immunitario e non c'è nulla che li possa far funzionare bene quanto il sentirsi innamorati. Di una persona, della vita, dei propri cari, di noi stessi non importa: quello che dovremmo fare è vivere ogni giorno, ogni momento da veri innamorati.

Come si fa? Beh, non è così semplice. Sicuramente per essere innamorati occorre percepire amore per noi stessi, che forse è ciò che ci manca di più. Non riusciamo ad amarci abbastanza, perché il mondo non ci aiuta in questo, anzi!

E tu ti senti una persona amata davvero? 
A questa domanda non bisognerebbe rispondere con un semplice 'sì, abbastanza' oppure con un 'così, così'. Se riflettiamo in modo meno superficiale e mentale, ci rendiamo conto che l'amore che per la nostra stessa natura umana inconsciamente ci attendiamo dalle altre persone è molto più grande, profondo, incondizionato di quanto quotidianamente riceviamo. 
Non è colpa di chi abbiamo intorno, ma la realtà è questa e non dobbiamo avere paura di smascherare questo inganno che magari in molti ci raccontiamo. L'amore è forza non debolezza e dobbiamo pretenderlo ovviamente con amore, ma pretenderlo con forza senza adattarsi.  

Siamo stati creati da un Amore immenso, lo abbiamo registrato nei nostri nervi mentre iniziavano a svilupparsi nel grembo materno e abbiamo vissuto tutto questo prima di ogni altra sensazione e relazione. Tutta questa potenza di Amore che abbiamo vissuto personalmente rimane quindi sempre dentro di noi nel profondo e, senza che ce ne rendiamo conto, sempre cerchiamo di rivivere quell'esperienza potentissima di luce, pace, pienezza e relazione completa.

Sempre ci attendiamo quella stessa qualità e potenza di relazione e lo cerchiamo nelle altre persone, ma cosa troviamo? Amore strano, chiusure, delusioni, tradimenti. Se cerchiamo negli altri sempre saremo delusi. Eppure questo Amore è registrato eternamente dentro di noi, è il Sigillo di Dio che nessuno può distruggere. Non voglio fare il prete però teniamo presente che questa fiammella non si può spegnere, è Dio in noi e noi siamo Sua immagine e somiglianza. 

Perciò ogni relazioni dobbiamo viverla solo in quell'innamoramento che uccide ogni virus e fa funzionare bene tutte le energie della nostra persona. E questo possiamo farlo solo se prima ci stacchiamo completamente da tutte le persone che abbiamo intorno, per lasciarci finalmente amare innanzitutto da chi lassù è davvero innamorato di noi, nell'esatto modo in cui desideriamo essere amati. E sapere queste cose non serve a niente finché non le viviamo. 

Condividi su: