acquaesapone Ambiente
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Adotta un alveare per salvare il mondo

Le api sono fondamentali per l’ecosistema, ma in 30 anni sono diminuite del 70%

Lun 27 Apr 2020 | di Domenico Zaccaria | Ambiente

Per la loro fondamentale attività, rappresentano un preciso termometro dello stato di salute del nostro ecosistema. E i segnali non sono per nulla incoraggianti. Le api sono responsabili dell’80% della produzione di frutta e verdura e del 50% della biodiversità del mondo, ma negli ultimi anni si stanno decimando per gli effetti dei cambiamenti climatici e per l’utilizzo sempre più intensivo di pesticidi. Uno studio della Radboud University e della Entomological Society Krefeld ha evidenziato come, in 30 anni, gli insetti impollinatori siano diminuiti del 70%; non va meglio nel nostro Paese, dove quella del 2019 è passata alla storia come l’annata più disastrosa di tutti i tempi, con un calo del 50% della produzione di miele. Da qui sono partiti Niccolò Calandri e Riccardo Balzaretti: ingegnere elettronico il primo, biologo il secondo, che dopo i rispettivi percorsi di ricerca internazionali hanno deciso di unire le proprie competenze e di tornare in Italia per fondare la startup “3Bee”. Un progetto nato nel 2016 con un preciso obiettivo: sensibilizzare le persone ad adottare un alveare, per contribuire a salvare l’ecosistema del Pianeta e permettere agli apicoltori di vivere del proprio lavoro.

COME FUNZIONA LA PIATTAFORMA
Tutto ruota attorno all’invenzione di “Hive Tech”, una sorta di alveare tecnologico basato su sensori intelligenti: questi monitorano il benessere delle api permettendo agli apicoltori di ridurre i trattamenti, diminuire le visite nell’apiario e abbassare le emissioni di Co2, migliorando quindi la qualità di vita degli insetti. Intorno alla startup e ai dispositivi installati, è nato un vero e proprio network composto da 2.000 apicoltori in tutta Italia e da 10.000 “adottatori”. Chi decide infatti di adottare un alveare - privati o imprese - accede alla piattaforma online, sceglie la tipologia di miele, l’apicoltore che si prenderà cura delle api e la quantità di fiori che vogliono impollinare, e può seguirne online l’evoluzione; al termine della stagione apistica, può ricevere il miele 100% artigianale prodotto dai suoi insetti. “Le api in natura sono estinte – spiega Niccolò Calandri – e quelle che vediamo sui fiori dei terrazzi o nei giardini sono allevate e protette da eroi moderni, gli apicoltori”. Eroi che grazie a “3Bee” hanno fatto squadra per assicurare un futuro migliore non solo alla propria attività, ma anche all’ambiente che circonda tutti noi.                                                 
 

Condividi su: