acquaesapone Editoriale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Il miracolo italiano di rinascita sotto i nostri occhi

Superando ansia e timore possiamo trovare le soluzioni per uscire da ogni crisi, anche solo utilizzando bene il calendario che ci riserva un grande sorpresa!

Mar 26 Mag 2020 | di Alberico Cecchini alberico@ioacquaesapone.it Tecnico del marketing - Editore della rivista Acqua&Sapone | Editoriale
Foto di 3

Tutti i giorni parlo con imprenditori economicamente stremati dalla crisi economica e li aiuto a reagire. Non è facile per me e richiede che io per primo incontri un'energia positiva tale che poi riesca a testimoniarla anche agli altri. 
 
Se rimaniamo accecati da tutta la negatività che ci circonda e che emerge dai bilanci degli ultimi mesi facciamo solo danni, come se volessimo risolvere al buio. Ansia e timore per il futuro sono le emozioni che hanno preso il sopravvento in troppi di noi, questo è un fatto evidente. Ma è anche evidente che queste emozioni agiscono distorcendo la realtà.

Se vogliamo fare il meglio per noi e per la nostra famiglia dobbiamo agire con una chiara visione della realtà. La prima cosa da fare prima d’iniziare a lavorare è accendere la luce della stanza. La realtà va vista per come è realmente, perché è già abbastanza negativa così come è, ogni distorsione emotiva ci porta a fare errori o a rimanere paralizzati.

Con la luce accesa vediamo che molte cose che ci impauriscono sono solo fantasmi creati da noi stessi. La paura bussò alla porta, il coraggio andò ad aprire e ...non c'era nessuno! Con la luce accesa possiamo capire meglio cosa è successo e quello che occorre fare. 
Accendere la luce significa avere la consapevolezza che la ricchezza più grande che abbiamo è la nostra persona, le nostre energie che sono immense e che se le rispettiamo sono più che sufficienti per trovare soluzioni nuove, migliori e sane per sopravvivere senza che ci manchi mai nulla di veramente essenziale a noi e alla nostra famiglia. 

La potenzialità che abbiamo dentro non le conosciamo se non nel momento che le tiriamo fuori. Intanto partiamo dal fatto che siamo sopravvissuti ad una pandemia che grazie a Dio non era così potente come altre nella storia, che uccidevano anche una persona sì e una no. 

Non diamolo per scontato questo, perché è una testimonianza del fatto che le nostre potenzialità sono immense. Per esempio, abbiamo dentro di noi una forza sorprendente che è il nostro sistema immunitario che ogni giorno vince contro centinaia e centinaia di batteri, virus e cellule tumorali potenzialmente mortali.  

Il vero tesoro che abbiamo è ben più prezioso di ciò che può essere contenuto in una cassaforte o in un conto bancario. La ricchezza che nessuno può toglierci è la nostra capacità di lavorare, amare e risolvere nonostante tutto e tutti. 

Solo dopo che abbiamo questa luce possiamo mettere mani al nostro lavoro e fare bene e anche meglio di prima.  

Tutti insieme, poi, sempre con questa luce, possiamo realizzare un miracolo italiano di rinascita economica anche solo usando bene il calendario!

Se ci pensiamo, ogni anno in l'Italia il 90% delle attività ad agosto è sempre stata praticamente ferma. Un'abitudine assurda, che c'è praticamente solo in Italia. D'altronde se tutti chiudono è abbastanza inutile rimanere aperti. Qualcosa di simile accade per le festività natalizie. Siamo abituati a sospendere quasi ogni attività da metà dicembre fino quasi a metà gennaio.

Ma se tutti cambiamo abitudine, almeno solo per quest'anno, recuperiamo quasi tutto ciò che abbiamo perso in termini economici. è un'idea molto semplice e vale più di tanti miliardi promessi. Chi può faccia anche una breve vacanza, perché no? E anche un paio di weekend da qui a fine anno, ma lasciamo comunque l'attività aperta, organizziamoci con la tecnologia e i turni. 

Non sono tanto i soldi che mancano, i soldi in generale sono più o meno gli stessi di prima, ma devono girare altrimenti non producono guadagni, lavoro, tasse e non si pagano i debiti. Devono girare senza fermarsi più almeno per un annetto e riassorbiremo tutti i mancati guadagni e gli occupati.

I soldi girano di più quando le aspettative sono buone e per modificare queste occorrono fatti, non promesse. Ed è un fatto che il calendario ha 12 mesi, ma il sistema Italia lavora solo per 10 mesi. Modifichiamo questa anomalìa e le aspettative di tutti miglioreranno notevolmente.

Se tutti ci impegniamo per un graduale superamento della crisi, i soldi continueranno a circolare e i dati economici miglioreranno molto prima.

Allora uniamoci e facciamolo, non abbiamo bisogno di permessi da parte di nessuno. Siamo lavoratori e siamo abituati a decidere noi del nostro destino, se ci mettiamo sotto con nuovo entusiasmo possiamo ribaltare ogni previsione e dimostrare al mondo che, non più solo a livello individuale, siamo da sempre i migliori al mondo in ogni settore. 

Siamo noi i veri responsabili del futuro, dei nostri familiari e dell'Italia intera. Siamo abituati a risolvere i problemi tutti i giorni e questo è un modo semplice ed enormemente efficace.            

Condividi su: