acquaesapone Libri&Liberi
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Libri consigliati di gennaio

Mer 30 Dic 2020 | Libri&Liberi
Foto di 12

LETTI PER VOI
Un romanzo duro e poetico che percorre tutto il Novecento e racconta, attraverso gli occhi di due donne, i segreti nascosti delle famiglie, il corpo femminile e la violenza a cui è da sempre sottoposto. Tra tutte, il bordello del campo di concentramento di Buchenwald, una realtà tra le meno trattate nell’ampia letteratura sulla Seconda guerra mondiale. L’autrice, Marilù Oliva, è scrittrice, sag­gista e docente di lettere. Ha scritto due thril­ler e numerosi romanzi di successo a sfon­do giallo e noir. Ha co-curato per Zanichelli un’antologia sui Promessi Sposi, e realizzato due antologie patrocinate da Telefono Rosa, nell’ambito del suo lavoro sulle questioni di genere. Collabora con diverse riviste ed è ca­poredattrice del blog letterario Libroguerriero.

DA RECUPERARE
Applaudire con i piedi
Fare musica è davvero un mestiere? O rimane sempre e solo un piacevole passatempo? “Applaudire con i piedi 2” si propone di rispondere a questa domanda, raccontando l'affascinate “arte delle note”: come si studia, come si insegna, come si compone, come si ascolta. E ancora: la musica come libertà in tempo di oppressione, le storie e i retroscena delle opere più belle. Un libro questo pubblicato dopo “Applaudire con i piedi”, guida semplice per scoprire quanto la musica classica sia presente nella nostra vita. Il consiglio è di recuperarli entrambi.  

La Sicilia di Leonardo Sciascia
Il volume propone un itinerario di luoghi indelebili per la biografia di Sciascia, alternando l’analisi delle tracce che essi hanno lasciato nei testi dello scrittore al racconto di ciò che sono diventati oggi.

XY
Sandro Veronesi, due volte vincitore del premio Strega, compone un romanzo che tiene col fiato sospeso e illumina con la forza della scrittura le ombre più nascoste dell’animo umano.

ROMANZO DI VITA VERA
Liana Orfei si racconta con minuzia di particolari e un misto di tenerezza e nostalgia. In questo memoir, come in un romanzo, scorre la storia di una donna tanto reale quanto iconica: una vicenda in cui perdersi e ritrovarsi.



TRE DOMANDE A…

Chiara Moscardelli

Hai da pochi mesi pubblicato un nuovo libro con protagonista Teresa Papavero: quanto sei legata a questo personaggio? Arriveranno nuove avventure?
«Sì! È uscito il 30 settembre. Sono legatissima a Teresa e a tutti gli abitanti di Strangolagalli. Arriverà una terza avventura, questo è sicuro!».

Quanto la scrittura è catarsi?
«Tanto. Scrivere è non solo liberatorio, ma ti permette di vivere mille vite! Di creare mille vite. E non è meraviglioso?».

Come hai vissuto il primo lockdown e questa seconda ondata?
«Il primo devo dire molto bene. Sorprendentemente bene. Mi sono dedicata alla casa, ho dipinto mobili, ho imparato a cucinare. Il secondo lockdown è stato tostissimo. Il Natale l’ho passato lontano dai miei, sola, ho paura per il futuro, mi sento insicura. E siamo ancora agli inizi, pare».

Condividi su:
Galleria Immagini