acquaesapone Editoriale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Stalketing: quando il marketing fa stalking!

Pubblicità sempre più pervasiva e insistente con metodi da stalker

Gio 28 Gen 2021 | di di Alberico Cecchini - alberico@ioacquaesapone.it Tecnico del marketing - Editore della rivista Acqua&Sapone | Editoriale
Foto di 2

Cerchi una parola o clicchi una volta sola su una pubblicità e ti ritrovi sommerso, per giorni e giorni, da messaggi sponsorizzati di quel prodotto e anche di tutti i suoi concorrenti. Non solo sui social, ma anche sui siti che visiti. 
Navigando nel web, il Grande Fratello segue tutti i tuoi movimenti, per precederti in ogni passo che fai e martellarti senza fine con tutti quei messaggi pubblicitari che algoritmi sempre più precisi scelgono di indirizzare proprio a te e non a chiunque. 

Ovunque sei, a qualsiasi ora del giorno e della notte, ti segue, perché sa bene che, prima o poi, finirai per acquistare. Magari in un momento di debolezza, di tristezza o di euforia, ma qualcosa di certo comprerai.

Perché Facebook è gratis? Perché Google, YouTube, Instagram sono gratis? Perché il prodotto da vendere sei tu! In generale occorre tenere sempre presente che ‘gratis’ non esiste. 

Se una cosa è gratis allora vuol dire che il prodotto che viene venduto sei proprio tu, la semplice possibilità che tu veda il messaggio pubblicitario. Questa è diventata la merce più preziosa che esista oggi al mondo! Diamanti, petrolio sono roba passata ormai. Perché la tua attenzione moltiplicata per miliardi di persone genera un mercato sterminato in espansione rapidissima. 

La pubblicità si deve far notare, certo, ma sono sempre stato convinto che una buona regola è quella di cercare di non apparire fastidiosi: il rispetto non è di moda oggi e proprio per questo ha un valore grande per molte persone. 

Comunque già 30 anni fa, con l’avvento della televisione commerciale c’erano quegli spot ripetuti in modo ossessivo che interrompevano continuamente il film che stavamo guardando. 

Forme di pubblicità non rispettose ci sono da tanto tempo, per non parlare poi della posta elettronica. Al cui spam ci siamo abituati già da anni, eppure ancora oggi ogni tanto ci urta ancora. Ma forse il peggiore è il telemarketing.

Ma qual è la forma di pubblicità più rispettosa per le persone?
Quella sulla stampa. Non si impone, non urla, non interrompe nulla, la leggi solo se ti interessa e per il tempo che decidi tu. 

Ma la stampa sta morendo e le aziende stanno tagliando la pubblicità sui giornali, per riversarla su internet e i social. 

La rivista Acqua & Sapone tiene duro, ma tu  continua a prenderla e richiedila alle commesse se non la vedi nel negozio.  

Finché la ritiri per leggerla a casa, probabilmente la troverai ancora per molti anni. Ma non darla mai per scontata, perché un giorno potrebbe scomparire per sempre. 

Piuttosto riprendila in mano più volte durante il mese per leggere qualche pagina che hai sfogliato veloce, perché potrebbe contenere qualcosa che ti rimarrà nel cuore, che ti aiuterà a capire meglio qualcosa della vita e della tua persona. 

Abbiamo sempre cercato di partire dal rispetto della persona. Anche nelle pagine pubblicitarie che ne permettono la vita, altro che stalketing! 

Apprezzala ora che c’è, per non rimpiangerla il giorno che non la troverai più. 
Nel 2156 ovviamente!          

 


50 COPIE GRATIS

Se fai pubblicità non puoi perdere questo     

S e hai un’attività professionale o commerciale, di questi tempi non puoi non fare pubblicità e lasciare che chi la fa ti rubi pian piano anche i clienti che ancora hai. Ma non spendere neanche 1 euro prima di aver letto per bene tutta questa guida, ti aiuterà a non sprecare più tempo e soldi. Ma soprattutto a vedere moltiplicati i ritorni dei tuoi investimenti, grazie a 25 anni di esperienza e di successi. Solo per le prime 50 richieste invieremo la pubblicazione in modo del tutto gratuito anziché a 24,50 euro.
Scrivi a: guida@mediumsrl.it

Condividi su: