acquaesapone Editoriale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Quei formidabili anni ’10

L’augurio principale è di essere Sovrani della nostra vita

Ven 08 Gen 2010 | di Alberico Cecchini | Editoriale

Inizia un nuovo decennio, dopo mezzo secolo dagli anni ’60, iniziano gli anni ’10 del terzo millennio. In 50 anni è cambiato molto, soprattutto, secondo me, sono cambiate le persone. In peggio viene da dire spontaneamente a tutti. Però per molte cose le persone sono cambiate in meglio. C'era una prepotenza dominante in tanti genitori, che oggi nessuno accetta più: per i figli decidevano loro il lavoro, lo studio e perfino con chi coniugarsi. Oggi siamo molto più sovrani della nostra vita. Ma non ancora abbastanza. Molte altre cose non vanno affatto bene oggi, ma non possiamo appiattirci troppo sul presente, piuttosto dobbiamo e vogliamo credere che in un decennio non tutto, ma tanto, tantissimo può cambiare. Dipende da noi se rendere formidabili o no questi prossimi anni ’10.
Ecco il nostro più sincero augurio per te. Stavolta non ti darò del tu, che in genere uso confidenzialmente, perché ho così a cuore le persone che ci leggono, da considerare ormai rotto il ghiaccio. Piuttosto userò la formalità che si conviene alla Sovranità, che solo tu hai sulla tua persona e sulla tua vita e che, se non sbaglio, innanzitutto tu non rispetti abbastanza:

Sua Eccellentissima Maestà,
per il Nuovo Decennio del III Millennio, che inizia in questo mese, Le auguriamo ufficialmente e con tutto noi stessi di arrivare ad avere occhi davvero nuovi, tali da vedere tutta la realtà molto più completamente e senza più fissarsi su cose superficiali o negative. Ciò al fine di poter sempre disporre al meglio della Sua vita, nella totale indipendenza della Sua Reale Sovranità. Noi umili Suoi servitori ci impegniamo vivamente a fare altrettanto e anche a sostenerLa con una informazione molto più all'altezza della Sua immensa e altissima dignità regale. Inoltre Le auguriamo tutto, tutto, tutto l’Amore che Sua Maestà merita incondizionatamente e senza il quale non esiste nessuna vera libertà.
Sua umile Redazione di Acqua&Sapone    


Condividi su: