acquaesapone Mondo
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Le Dolomiti per chi non scia

Come divertirsi sulle Dolomiti senza sci: sullo slittino, con le ciaspe, sul ghiaccio, nei centri benessere e davanti a un piatto di canederli...

Ven 08 Gen 2010 | di Angela Iantosca | Mondo
Foto di 12

Sciare? Non fa per me. E non lo dico per partito preso, ma dopo una attenta valutazione delle mie capacità. Ho tentato di diventare come Tomba, di emulare quei suoi movimenti impetuosi e sicuri. Ma, una volta in pista, mi è bastato osservare la pendenza per capire che il rifugio lì vicino avrebbe avuto una maggiore attrattiva su di me. E, quindi, eccomi qui a raccontare quante altre cose meravigliose possiamo fare in montagna noi popolo dei non sciatori!

Cortina D’Ampezzo
Osservatela dall’alto, protetta dalle montagne circostanti, e capirete perché Cortina D’Ampezzo (Bl) è una delle località più amate dallo star system. Le case di legno, i gerani alle finestre, le tende in pizzo: basterebbe questo per giustificare la nostra presenza sul posto. La neve la rende ancora più magica: i suoni sono attutiti e i bar pieni di persone che si riscaldano bevendo il vin brulè, la cioccolata calda, una grappa o un bombardino. Per i golosi c’è solo l’imbarazzo della scelta tra i vari bar e pasticcerie che si affacciano su Corso Italia dove degustare i dolci tipici.

Fattoria Bombassei
Un consiglio per la vostra cena: se vi trovate a Cortina, prendete la macchina e percorrete una trentina di km in direzione Auronzo di Cadore. Qui si trova la “Fattoria Bombassei”. Al pian terreno c’è un caseificio, al piano superiore una taverna tipica in cui tornerete per assaggiare tutte le pietanze offerte: dal formaggio di mucca alla crema con i biscotti fatti in casa, dagli gnocchi alle ortiche allo yogurt con marmellata di frutti di bosco. Il prezzo? Irrisorio: con 30 euro cenate in due. Raro di questi tempi. La simpatia dei proprietari, poi, è impagabile (tel 0435 497010)!

Ice disco dance
Per chi non scia, a Cortina sono innumerevoli le offerte: non mancano centri benessere o musei in cui trascorrere qualche ora; oppure potete pattinare nello Stadio Olimpico del Ghiaccio, aperto anche di sera con l'Ice Disco Dance, una sorta di discoteca su ghiaccio, per muoversi a ritmo degli ultimi successi musicali. E poi c’è la Piscina Cortina con la sua magnifica terrazza solarium con uno splendido panorama sulla conca ampezzana.

Non solo Cortina
In provincia di Belluno c'è un paese magico, Alleghe, che, se non conoscete, dovete necessariamente far diventare tappa di un vostro viaggio futuro. D’estate ci si può arrampicare sul Monte Civetta o passeggiare sulle montagne coperte di verde ed alberi e attraversate da mucche e capre al pascolo. D’inverno, quando il paesaggio è uniformemente bianco, si può optare per il pattinaggio sul ghiaccio, nel Palaghiaccio che si trova nel centro del paese, dove si può assistere anche agli spettacolari incontri di hockey; oppure ci si può regalare passeggiate romantiche lungo il lago (d’inverno completamente ghiacciato). Dominata dalla imponente parete nord del monte Civetta, posizionata tra Cortina, Canazei e San Martino di Castrozza, con il Comprensorio Sciistico del Civetta, il paesaggio di notte acquista un fascino straordinario: imperdibili le escursioni notturne in motoslitta con cena in rifugio.

Rifugi da gustare
Arrivati in paese, lasciate la macchina e salite sull’ovovia, poi prendete la seggiovia (vi consiglio di guardare dietro di voi per ammirare il paesaggio). Una volta a terra, potrete godere del panorama, dell’aria pulita e di ciò che vi offriranno i rifugi: polenta con formaggio fuso, canederli (sia con speck che con gli spinaci), gnocchi con burro, salame, torte ai frutti di bosco e strudel. Se vi allontanate dai bar più turistici che si trovano nei pressi delle seggiovie, trovate una casa in muratura bianca con un “cowboy” ad accogliervi: qui d’estate si organizzano passeggiate con i cavalli, d’inverno troverete senza dubbio ospitalità, formaggi e salami tipici.

A spasso con le ciaspe
Se preferite evitare gli sci, potete fare delle piacevoli passeggiate sulla neve senza affondare: basta procurarsi delle ciaspe, termine dialettale con il quale si indicano le racchette da neve, una specie di seconda scarpa di grandi dimensioni che viene fissata alle scarpe da trekking. Questo semplice attrezzo non richiede addestramenti specifici. Avrete così l'occasione di fare escursioni a piedi anche d'inverno. Ma non allontanatevi troppo e cercate di essere sempre in buona compagnia! Se poi volete rendere il tutto più entusiasmante, portate con voi anche una slitta per scendere dai pendii a tutta velocità. 

Val di Fassa
Sono più di 60 le baite e gli chalet aperti in Val di Fassa durante l’inverno, a ridosso delle piste da sci. In alcuni è possibile trascorrervi anche la notte. Dormire in un rifugio a 2.000 metri, sotto un cielo stellato, circondanti dalla natura silenziosa e dalle Dolomiti è un’esperienza riservata solo ai veri montanari: l’ospitalità semplice, familiare ma genuina, il sapore dei piatti cucinati alla vecchia maniera, le storie raccontate davanti al fuoco del camino.
Ai rifugi di quota si affiancano poi quelli nelle convalli, da raggiungere a piedi, in motoslitta o con i gatti delle nevi: i ristori all’arrivo degli impianti di risalita e le malghe dove rifocillarsi con i prodotti di montagna.

Ciampedie: il paradiso dei bambini
Dal Ciampedie (Vigo di Fassa, in provincia di Trento), con i suoi 2000 metri di altezza, si ha una delle più fantastiche visioni sul gruppo del Catinaccio, conosciuto anche come Rosengarten, "il Giardino delle Rose". L'area del Ciampedie è perfetta per le famiglie e per chi non ama sciare: con i suoi "snow park" è un autentico paradiso per i bambini che possono trascorrere l’intera giornata nei kinder park gestiti dalla Scuola di Sci Vigo di Fassa - Passo Costalunga. Per mangiare vi consiglio Nonno Checco dove troverete salamino di cervo, prosciutto di camoscio, lardo, speck, formaggio e polenta alla piastra, verza tiepida con mele e cumino, servita con carne ‘salada’ alla piastra, orzo mantecato ai funghi porcini e mirtillo rosso, maialino in salmì affumicato con frutta e verdure grigliate. Infine il dolce, una crêpe con gelato e frutti di bosco caldi su letto di petali di rosa e malva (tel 0462/ 764461).

Terme in Val di Fassa
Per rilassarvi “provate” a Pozza di Fassa (Tn), in località Alloch (in Trentino), le acque termali del "bagn da tof" le  cui notevoli proprietà terapeutiche confermate da analisi scientifiche la rendono unica nel suo genere. Oggi il moderno centro termale denominato Terme Dolomia offre una vasta possibilità di cure idro-termali e "percorsi curativi". Ad esempio: cura idropinica, aerosolterapia, balneoterapia, fangoterapia, cura cervicale, stati infiammatori, malattie reumatiche e motorie, prevenzione malattie da raffreddamento e allergie, trattamento cellulite, stimolazione apparato circolatorio, antistress, massaggi rilassanti, purificazione della pelle con argille.

Pordoi la terrazza delle dolomiti
ll passo Pordoi è uno dei valichi alpini più famosi: posto a 2.239 metri, è situato tra il Gruppo del Sella a nord e il Gruppo della Marmolada a sud. Superato l'inevitabile senso di vertigine, prendete la funivia. Solo così raggiungerete, in 4 minuti, il Rifugio Maria dove, oltre a mangiare, potrete godere di uno dei panorami più belli delle Dolomiti e abbronzarvi sulla terrazza panoramica. Il paesaggio intorno è lunare d'estate e surreale d'inverno.

Santa Caterina valfurva e l’alta valtellina
Tra la Lombardia e il Trentino, Santa Caterina Valfurva e l'Alta Valtellina hanno molto da offrire anche a chi non scia.
Si può passeggiare nel Parco Nazionale dello Stelvio con le ciaspole, si può discendere con slittino e snow tubing, simili a delle grandi ruote lisce, con il posto per almeno due passeggeri, fare gite in motoslitta, di giorno o di notte; salire nei rifugi per cenare al caldo di un camino acceso o per ballare e bere una grappa in allegria. Non manca il pattinaggio all'aperto e il tour del paese su slitta trainata dai cavalli oppure la sleddog, una escursione in slitta trainata dagli husky ad Arnoga in Valdidentro.                         
 


Condividi su:
Galleria Immagini