acquaesapone Editoriale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Tutto ciò che resta

Lun 27 Set 2021 | di Angela Iantosca | Editoriale

Sono stata sul lago di Garda questa estate. E non ho potuto non pensare alla mia prima volta su quelle rive, 32 anni fa, insieme alla mia famiglia. Mentre mi guardavo intorno e provavo ad organizzare le giornate per vedere il più possibile, nonostante il traffico, le distanze, le strade strette, pensavo a quanto era stato bello quel viaggio organizzato dai miei genitori. A quante cose mi avevano fatto vedere, a quanto mi avevano regalato. Perché, nonostante fossi piccola, mi sono accorta, tornandoci, di aver memorizzato tutto, di aver gustato ogni angolo, di aver conservato nella mente tutte quelle cose che erano ‘nostre’, tutto ciò che la mano di mio padre e di mia madre si erano allungate ad indicarci… 

Qualche giorno dopo, mi sono trovata a Paestum, e lo stesso pensiero mi è venuto incontro quando un ragazzino che avrà avuto la mia età di allora ha posto una domanda ai genitori, guardando i templi: “Quanto hanno impiegato a costruirli?”. Ma i genitori non lo hanno degnato di uno sguardo e non gli hanno risposto, troppo intenti a postare su Instagram una foto proprio di quei luoghi.

 
Ecco… non è un editoriale personale. Non è solo un modo di dire grazie ai miei genitori per aver risposto alle mie domande o averle anticipate. 
Ma un invito ad accorgervi di ciò che i vostri genitori vi regalano ogni giorno o di ciò che i vostri figli vi chiedono, anche in silenzio, per essere nutriti di ciò che fa crescere davvero. 

Condividi su: