acquaesapone TV/Cinema
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

XFACTOR 2021: Ora cambia tutto

Nuove regole, stessi giudici e una new entry: dopo Alessandro Cattelan, arriva l'attore Ludovico Tersigni

Lun 27 Set 2021 | di Nadia Afragola | TV/Cinema
Foto di 10

È partito lo scorso 16 settembre uno dei programmi di musica, un talent per la precisone, da sempre tra i più seguiti in Italia. Parliamo di X Factor, che torna (su Sky Uno e in streaming su NOW) con un nuovo frontman, Ludovico Tersigni, già molto amato come attore e alla prima esperienza alla conduzione: a lui il compito di non far rimpiangere la dipartita del coriaceo Alessandro Cattelan. Non cambiano i giudici rispetto alla passata edizione: in cattedra spazio a Emma, Hell Raton, Manuel Agnelli e al coloratissimo Mika. 

ABOLITE LE CATEGORIE
Non sono bastate tre puntate, quelle andate in onda a definire la rosa dei 12 artisti che faranno a tutti gli effetti parte dell’edizione 2021, ma Ludovico Tersigni è stato chiaro su un aspetto: «Per tanti la musica è il mezzo per superare ansie e paure, per trovare il coraggio», motivo per cui si è scelto da questa edizione di abolire le categorie tradizionali. A spiegare la nuova direzione intrapresa, ci pensano in coro i quattro giudici: «Vogliamo una musica senza barriere, confini e definizioni di genere e stile, vogliamo che il talento sia senza aggettivi e libero di esprimere quello che ciascuno è. Non vogliamo dividere, separare o alzare dei muri. Non vogliamo etichettare la vita. Vogliamo poter pensare che tutti siamo tutti. Noi siamo così… senza confini. Ecco perché ci divertiremo molto». 

PRIMATO MONDIALE
X Factor Italia è la prima edizione al mondo a dire addio alla storica divisione per categorie di sesso, età e formazione musicale, le quattro squadre verranno composte solo in base alla proposta musicale e alla progettualità artistica. Il claim scelto parla chiaro: “Come as you are”. E una sola regola è stata imposta ai giudici nella scelta dei 3 membri della propria squadra: ognuno di loro dovrà portare con sé ai Live almeno un solista e una band. Dopo le prime tre puntate di audizioni, andate in onda, seguono a ottobre le due serate con i Bootcamp (7-14 ottobre) e il temuto momento delle sedie, prima dell’ultimo appuntamento con gli Home Visit (21 ottobre). Le puntate in diretta di X Factor 2021 andranno in onda dal 28 ottobre e quest’anno saranno ospitate dal Teatro Repower, ad Assago (Milano).

LUDOVICO TERSIGNI COME IL RAME
Il giovane Ludovico Tersigni non lesina commenti a poche settimane dal via: «La componente aspirazionale è la cosa che più mi lega a questo progetto. Conduttore è una parola che nella lingua italiana significa diverse cose: il rame può essere un ottimo conduttore, perchè porta le energie da una parte all’altra. Ed è ciò che voglio fare, raccogliere un’energia e trasmetterla ad un pubblico molto più grande di quello che avevo anche solo immaginato di poter raggiungere». 

EMMA E MANUELITO FANNO IL BIS
Il secondo anno da giudice è sempre il più difficile, parliamo di Emma e Manuelito. Suo il primo commento: «Abbiamo trovato un bellissimo messaggio che il palco di X Factor vuole lanciare e poi una giovanissima guida. Ritornare al tavolo dei giudici è come ritrovare una famiglia, ci divertiamo, confrontiamo e alle volte discutiamo». 
Come conferma Emma: «Siamo stati messi nelle condizioni di fare meglio di quanto visto lo scorso anno. Il linguaggio e le dinamiche nel mondo della musica stanno cambiando, ecco perché occorre avere una mente aperta». 
A chi le chiede le coordinate della molla che spinge tanti ragazzi a provare a diventare dei cantanti, forte anche dell’esperienza fatta ad Amici, dichiara: «L’evoluzione è alla base di tutto, anche il modo di lavorare dei giornalisti è completamente diverso oggi. Le notizie si leggono sui blog, su twitter. Rimane salda per qualsiasi lavoro l’importanza dell’amore e della passione verso ciò che si fa, veri motori di tutto. Prima ti chiudevi in cantina a registrare su una cassetta, oggi con un computer puoi fare tutto da casa e questo è un bene. Il talento poi è un valore inattaccabile ed è ciò che rende unici. Qualcuno ha detto che in questa edizione c’è poco rap, bene, fa parte del cambiamento. Si stanno rigenerando generi che sono sempre esistiti. Una cosa però è certa: l’apertura mentale dei ragazzi».

MIKA E MANUEL AGNELLI
In cattedra anche due veterani, parliamo chiaramente per numero di edizioni, e sono Mika e Manuel Agnelli.  
«È sempre interessante la parte di racconto musicale di X Factor, non c’è molto di quel racconto nel resto del palinsesto televisivo. C’è una varietà di generi e di punti di vista, con anche un taglio dedicato agli approfondimenti, e questa per me rimane la cosa più bella e importante del programma. X Factor ha l’occasione di raccontare non solo quello che è successo, ma anche e soprattutto quello che sta succedendo. L’anno scorso parlavamo della musica suonata, delle chitarre, poi l’epopea dei Måneskin ha confermato a livello mondiale quello che per le nuove generazioni è una novità. X Factor sta alimentando il cambiamento non lo sta solo raccontando e le discussioni alle quali assisterete non sono pura vanità dei giudici, ma voglia di approfondire - dichiara Manuel Agnelli -. Sarà un’edizione contemporanea, la musica è sempre una conseguenza, rappresenta la società, non è mai il contrario, ecco perché ci permetterà di capire cosa sentono i ragazzi».  
Non si fa attendere la replica del collega Mika: «Lo so che questo termine non lo dovrei utilizzare, ma c’è stata una vera e propria contaminazione della musica quest’anno. Tanti talenti si sono presentati in modo più crudo e a livello musicale questo è molto interessante.
Abbiamo aspetti meno sintetici, abbiamo un pezzo di musica elettronica che si fa largo in altri generi musicali. Lo scorso anno uscivamo dalla bolla del Covid in cui ognuno di noi aveva vissuto per entrare in un’altra bolla controllata. Quest’anno abbiamo respirato un’aria più libera. Anche i discorsi tra noi giudici sono stati meno controllati e poco importa se a volte non ci siamo parlati per dei giorni. Abbiamo riso, pianto, ci siamo bruciati e questo dopo aver camminato in punta di piedi per un anno intero».                                                             


 
X FACTOR 2021

7 E 14 OTTOBRE > BOOTCAMP
21 OTTOBRE > HOME VISIT 
DAL 28 OTTOBRE > LIVE

Condividi su:
Galleria Immagini