acquaesapone Gli occhi grandi dei bimbi
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

India: centro di formazione in arrivo

Avviato nel 2008 anche grazie ai fondi di Acqua&Sapone e Autostrade per l’Italia, si sta avverando un sogno, realizzato con la gente del posto

Gio 12 Mar 2009 | Gli occhi grandi dei bimbi

Lettera da Caterina, Luca, Guido e Alessia, volontari di Italia Solidale in missione in India, dove sta nascendo un centro di formazione per i missionari locali
 

Carissimi tutti, Vi scriviamo da Batthiprolu, dopo la conclusione dei 3 giorni di formazione con gli animatori di Zona delle collaborazioni di Batthiprolu, Oleru, Nandigama e Lanka. Tutti gli animatori di Zona hanno fatto un’esperienza personale, a partire dalla loro storia, del “Nuovo Sapere” e del “Nuovo Potere”, per uscire dai loro condizionamenti. Si tratta di esperienze molto concrete e sofferte, che ora però dànno a loro una particolare luce e forza, che è il fondamento della loro azione missionaria.
Settimanalmente ognuno di loro incontra gli animatori di Comunità e passa loro Cultura ed esperienza, che in questo modo arrivano alle famiglie. La stessa esperienza di formazione viene attivamente svolta anche a Lanka e a Nandigama, dove le tante testimonianze di resurrezione e di indipendenza ci hanno colpito e commosso.
Gli animatori di Zona sono di tutte le condizioni e provenienze. C’è il professore (che tra l’altro ha vinto il primo premio come miglior docente del distretto), che solo attraverso questa cultura ha potuto rendersi conto delle sue ferite profonde nel rapporto con la madre, che lo fanno essere particolarmente severo e punitivo con figli e studenti, e in questa esperienza di prestito solidale sta recuperando la sua umanità che aveva perduto.
C’è un “omone”, il quale oltre a non saper né leggere né scrivere, dice solo poche parole: da piccolissimo è stato schiavo per il pascolo dei bufali, perché nella sua famiglia non potevano dargli da mangiare; quando è scappato per tornare a casa, i genitori lo hanno riportato indietro, perché per lui non c’era nemmeno la cena di quel giorno.
La Nuova Cultura però ce l’ha nel cuore e nell’esperienza forte delle proprie energie personali in Dio. Gli abbiamo chiesto perché fa l’animatore di Zona, ha risposto che vuole collaborare con chi mette Dio e i bambini al centro, perché lui conosce la sofferenza dei bambini e l’amore di Dio...
Con il prestito economico ha comprato un tamburo e con altri del villaggio ha formato una banda, che è molto richiesta alle feste e ai matrimoni! Lo sviluppo è veramente grande, ed ha cambiato il modo di vivere di migliaia di persone e dei loro bambini.
Un esempio per tutti: in un villaggio in cui non c’era nemmeno il latte per i bambini, adesso che tutte le famiglie hanno i bufali, esso è divenuto il centro di raccolta del locale servizio di distribuzione lattiera...
Infine vi comunichiamo l’emozione che abbiamo provato visitando il costruendo Centro di Formazione di Surepalli, in cui sono quasi completate la cappella e la grande sala meeting; si percepisce il grande amore che lo ha reso possibile, dei volontari di Italia Solidale, dei volontari donatori italiani che hanno sostenuto l’importanza della formazione, dei volontari locali, che stanno partecipando concretamente con il loro lavoro e la loro esperienza pratica (muratori, falegnami, fabbri...) alla sua realizzazione, di Acqua & Sapone che ha fornito i primi fondi e di Autostrade per l’Italia che ha contribuito con altri fondi. Nulla è stato comperato già fatto, ma in tutti i particolari c’è la loro partecipazione e la loro creatività uniche.
La vista della natura circostante, rigogliosa ed animata, completa l’opera...


Condividi su: