acquaesapone Editoriale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Un buon test di autodifesa

I mass media sono sempre più contro di noi: ecco un semplice test che puoi fare per capire quanto ti rispettano

Ven 28 Gen 2011 | di Alberico Cecchini | Editoriale

Da alcuni mesi sto collaborando alla creazione di un nuovo format televisivo e, animato dalla splendida accoglienza che avete riservato a questa rivista, ho cominciato a riflettere sul valore del rispetto della persona da parte dei mass media.

Cosa vuol dire “rispetto” e cosa vuol dire “persona”? Vedere bene cosa è il bambino ci aiuta a rispondere. Il bambino è innanzitutto vita, massima potenzialità di vita. Se viene rispettata e incoraggiata, può esprimerla tutta questa potenzialità, oppure può essere soffocata e bloccata. Mai cancellata del tutto, tanto è vero che spesso le persone più felici sono quelle che, seppur bloccate nella loro potenzialità, ad un certo punto, come è successo a me, trovano il modo di sbloccarsi (trovando il rispetto che prima era mancato) e la esprimono più di tutti. Allora mi è anche diventato più chiaro cosa vuol dire rispetto.

Il rispetto è la qualità più importante in una relazione: non blocca, non riduce, non condiziona la potenzialità che ognuno di noi ha dentro. Quindi, un buon test per capire se un film, un articolo, un programma televisivo o radiofonico è rispettoso della persona potrebbe essere quello di porsi la domanda: è rispettoso di un bambino? Perché, in fondo, se analizziamo con anima e libertà la questione, tutto ciò che non è rispettoso dei bambini, probabilmente, non è rispettoso neanche di noi stessi, perché non è rispettoso della nostra potenzialità di vita. I media dominati da logiche assurde sono sempre meno rispettosi e sempre più contro la vita.

Anche un cartone animato creato senza amore è poco rispettoso. Non solo il sesso, ma ogni relazione o contenuto senza amore in fondo disturba. Perché, se ricevo amore, posso amare, se subisco, se non sono rispettato, mi chiudo e non rispetto né me stesso, né gli altri. è una catena che oggi tutti subiamo talmente tanto che molti non credono più all'amore. Molta responsabilità è proprio dei mass media.

Questa rivista prova ad avere rispetto. La trasmissione che stiamo preparando ne avrà. Altrimenti meglio rimanga nel cassetto. Che mondo sarebbe se tutti coloro che lavorano nei mass media applicassero questo test? Prova a farlo anche tu su ciò che leggi o vedi e fammi sapere cosa ne pensi.


Condividi su: