acquaesapone concorso iPad
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

10) Non c定 carriera che tenga

Universo mamma: l段nfinito che si apre nel cuore

Mar 26 Apr 2011 | di Valentina Lizza | concorso iPad

Fare carriera, studiare e lavorare sodo, guadagnare il più possibile, essere accettati e benvoluti da amici e parenti, praticare sport, coltivare un hobby... tutte piccole parti di un’ampia quotidianità che tentiamo di vivere al meglio fin dalla mattina appena svegli. Si hanno ben chiare le priorità della vita, ciò che si desidera e ciò che ci fa stare bene, fino a quel momento magico. Il momento in cui, dopo mesi di attesa e trepidazione, si può stringere finalmente tra le braccia quell’esserino così dolce ed inconsapevole di tutto.

Dopo quel primo abbraccio tutto ciò che si è vissuto prima e si è considerato primario nella propria esistenza, perde gradualmente d’importanza, perché ciò che diviene realmente necessario ad alimentare ogni battito del proprio cuore sono quegli occhietti così piccoli ma così profondi, che sembrano dire “sei tu la mia mamma e solo per questo già ti amo”.

I primi giorni è come se mille tornado tutti assieme si diano appuntamento nella tua vita, provi una sensazione di ansia non indifferente, come se non riuscissi più, da un giorno all’altro, a tenere salde le redini delle tue giornate che sembrano scivolare via veloci come l’acqua di una cascata altissima, senza darti il tempo di metterti al riparo dallo scroscio assordante che provoca e lasciandoti a riflettere senza parole su come anche le più banali abitudini quotidiane, come fare una doccia o prendere un caffè, non possano momentaneamente far parte del tuo nuovo mondo.

Poi, col tempo, alla tempesta succede la quiete e, con gradualità e necessaria disponibilità ai cambiamenti, tutto sembra tornare più o meno come prima, ma con l’unica motivazione che ormai alimenta il fuoco delle ore, dei minuti, dei secondi: il tuo bambino.

Ogni progresso che lo riguarda è una tua crescita, è una tua realizzazione, è il completamento di te stessa, che sia il suo peso che aumenta piuttosto che i suoi primi urletti o il suo primo approccio con ciò che lo circonda (non ultimi i tuoi capelli!), comunque è un regalo che viene fatto alla tua anima che diviene sempre più ricca e fortunata.

Davanti a tanta meraviglia non ci può essere carriera che tenga, tesoro che valga di più od hobby che appassioni di più; il vero vivere è essere mamma e sentirsi veramente esistente cambiando un pannolino, preparando un biberon, commuovendosi quando la sua manina vellutata come una pesca ti sfiora delicatamente il viso per capirti un po’ di più.

Può esistere qualcos’altro di tanto piccolo ma di tanto immenso?
Credo proprio di no. 
A Gaia con amore.

 
 
 
 

Condividi su: